QR code per la pagina originale

Ericsson, chiamate vocali Multi-SIM su smartwatch

Ericsson annuncia la nuova tecnologia Multi-SIM che permette di condividere lo stesso numero di telefono tra più dispositivi come smartphone e smartwatch.

,

Ericsson punta a rendere ancora più smart gli smartwatch e gli indossabili di ultimissima generazione. La società, infatti, ha annunciato il lancio di una nuova funzionalità che consente di effettuare chiamate vocali Multi-SIM su smartwatch. Lo scenario degli indossabili sta mutando rapidamente con sempre nuovi modelli che dispongono di connettività LTE e supportano la tecnologia VoLTE grazie all’integrazione con una SIM o una eSIM. Tali prodotti possono rendersi indipendenti dallo smartphone non solo per gestire applicazioni, ma anche per effettuare e ricevere chiamate: è la connettività a rendere la categoria dei wearable una categoria standalone, trasformandoli davvero in qualcosa di nuovo.

L’indipendenza dallo smartphone, infatti, trasforma lo smartwatch in uno strumento di cui è possibile fruire in qualsiasi situazione: si rompe il cordone ombelicale che lega l’utente allo smartphone, nasce un nuovo modo di pensare i device e la connettività di nuova generazione è il contesto fondamentale entro cui questa nuova (ennesima) rivoluzione prenderà atto.

Smartwatch ed indossabili dotati di connettività dati e supporto alle chiamate voce possano essere strumenti decisamente interessanti per molti generi di attività. Si pensi, per esempio, agli sportivi che potranno avere al polso un orologio in grado di consentire loro di rimanere sempre raggiungibili o per effettuare chiamate in caso di necessità. Il tutto senza doversi portare appresso un ingombrante smartphone. Indossabili così strutturati possono essere anche l’ideale per le persone della terza età che li potranno utilizzare per le chiamate di emergenza, per assistenza immediata o per controlli automatici in remoto: uno smartwatch non sarà più vezzo nerd o utility professionale, ma si trasforma in elemento in grado di rispondere a vere necessità.

Ericsson Multi-SIM

La nuova tecnologia Multi-SIM sviluppata da Ericsson rende l’utilizzo di questi smartwatch ancora più comodo. Gli operatori, infatti, potranno offrire in un unico pacchetto lo stesso numero cellulare per molteplici dispositivi basati su SIM. L’indossabile, dunque, potrà condividere il medesimo numero di cellulare dello smartphone.

In questo modo, l’utente sarà sempre raggiungibile attraverso il proprio smartwatch e il numero di telefono principale. Oggi gli indossabili che dispongono di connettività dati e di supporto alle chiamate integrano una SIM con un altro numero di telefono: due identità che fanno capo alla medesima utenza. La nuova Multi-SIM rompe questo limite offrendo un accesso univoco alla medesima identità tramite differenti canali. La questione è concettuale: perché rispondere solo con uno smartphone quando qualsiasi elemento indossabile potrebbe consentire (compatibilmente con i limiti e le possibilità della tecnologia) medesimo servizio?

La tecnologia Multi-SIM di Ericsson potrebbe, inoltre, aprire le porte dell’Italia alla variante LTE del nuovo Apple Watch Series 3 che condivide il numero di telefono con quello dell’iPhone e proprio per questo è distribuito in pochi Paesi. La nuova generazione è alle porte e Cupertino sta bussando: l’ecosistema deve però essere completo e l’opzione messa in campo dalle Multi-SIM ne è elemento abilitante.

La tecnologia Multi-SIM si basa sul VoLTE di Ericsson e può essere aggiunta attraverso un semplice upgrade delle attuali reti degli operatori che già sono abilitate per questa tecnologia. Il supporto Multi-SIM è attualmente in fase di implementazione nelle reti di dieci operatori, anche se non è stato ad oggi esplicitato quali siano. Non si tratta dunque di qualcosa di distante: un semplice upgrade può aprire le porte al futuro, trasformando gli smartwatch in quel che l’utente sogna da questo strumento: un dispositivo con cui parlare, con cui raggiungere nuovi servizi e con il quale tagliare quella fitta trama che tiene oggi gli occhi incollati al display e le orecchio alle notifiche.