QR code per la pagina originale

Microsoft non cancellerà i Surface

Panos Panay difende i Surface dalle speculazioni che li vedrebbero cancellati entro un paio di anni; si tratterebbe di idee lontane dalla verità.

,

Circa una settimana fa, alcuni produttori di computer ed alcuni analisti avevano iniziato a profetizzare la prossima dipartita della famiglia di prodotti Surface di Microsoft. In particolare, Gianfranco Lanci, corporate president and chief operating officer di Loenovo, aveva affermato che la casa di Redmond sta facendo molti soldi con il Cloud, Office e Windows, ma che sta perdendo un sacco di soldi sui prodotti hardware.

Gianfranco Lanci aveva anche espresso perplessità sul perché Microsoft continuasse a seguire questa strada, aggiungendo che gestire prodotti hardware è molto difficile. Per il dirigente di Lenovo, dunque, i Surface erano destinati molto presto a scomparire, sicuramente entro il 2019. Dichiarazioni che avevano fatto molto discutere e su cui si è inserito Panos Panay, corporate vice president of devices di Microsoft, che ha risposto in maniera molto “secca” affermando che trattasi di idee “lontane dalla verità” e bollandole come “rumors giornalistici della settimana”.

Panos Panay, dunque, prova a stoppare alcune speculazioni che avevano trovato terreno fertile nei giorni scorsi. Effettivamente, Business Insider ha notato che i Surface offrono margini molto bassi e che di recente hanno avuto un calo delle vendite.

Panos Panay, comunque, ha insistito nel voler sottolineare che i miglioramenti apportati alla linea di prodotti Surface si sono poi riflessi sui prodotti degli altri produttori. Ad esempio, poiché Microsoft ha migliorato la velocità e l’accuratezza della Surface Pen, i medesimi miglioramenti si sono poi visti nelle penne degli altri produttori.

Tuttavia, similari dichiarazioni furono fatte anche su Windows 10 Mobile e sul futuro dei dispositivi mobile ma poi la realtà è stata ben differente.

Microsoft, dunque, stringe le fila attorno ai Surface, difendendoli dagli “attacchi” esterni. Questi dispositivi, infatti, per la società vanno ben oltre i puri conti economici in quanto devono essere dei punti di riferimento per gli altri produttori che devono vederli come la massima espressione di Windows 10.