QR code per la pagina originale

Mark Zuckerberg: 1 miliardo di persone nel VR

Mark Zuckerberg punta a voler portare un miliardo di persone all'interno del mondo della realtà virtuale grazie ai prodotti di Oculus.

,

Mark Zuckerberg punta a voler portare 1 miliardo di persone all’interno del mondo della realtà virtuale. Sul palco di Oculus Connect, appuntamento dedicato alla realtà virtuale che si è svolto nella serata di ieri, il CEO di Facebook ha lanciato questo ambizioso obiettivo. Del resto è risaputo che Mark Zuckerberg creda moltissimo a questa tecnologia e che la sua società sta investendo molti soldi per sviluppare una piattaforma per la realtà virtuale sempre più completa e migliore con l’obiettivo di creare un perfetto mondo virtuale digitale.

Tuttavia, l’obiettivo di 1 miliardo di persone nella realtà virtuale è un traguardo, ad oggi, estremamente lontano da raggiungere. Secondo alcuni analisti, sarebbero solo alcuni milioni i visori per la realtà virtuale venduti in tutto il mondo. Il visore di Facebook, il ben noto Oculus Rift, avrebbe venduto solamente un milione di pezzi la scorsa estate. I numeri dicono che l’obiettivo di Mark Zuckerberg è, quindi, ancora davvero molto lontano dall’essere realizzato. Tuttavia, il CEO di Facebook con il suo annuncio è stato molto chiaro.

Dentro l’annuncio si nasconde, infatti, la volontà di investire ulteriormente in questo settore per farlo crescere il più rapidamente possibile. Proprio in questa direzione vanno gli annunci che sono stati fatti durante l’evento Oculus Connect. Si ricordano, al riguardo, il taglio sensibile di prezzo dell’attuale visore Oculus Rift, il futuro visore “Santa Cruz” che non dovrà più dipendere fisicamente dai PC e l’inedito Oculus Go, un visore competentemente standalone che arriverà nel corso del 2018 e che costerà 199 dollari.

Tutte novità, dunque, che dovrebbero spingere il mondo della realtà virtuale. Forse non si arriverà ad avere 1 miliardo di utenti in poco tempo, ma sicuramente la platea di utilizzatori dovrebbe crescere sensibilmente.