QR code per la pagina originale

Apple: approvata la serie con Jennifer Aniston

Confermata la serie Apple con protagoniste Jennifer Aniston e Reese Witherspoon, basata sull'universo del giornalismo televisivo statunitense.

,

Apple si lancerà presto nella produzione di una serie TV con protagoniste Jennifer Aniston e Reese Whiterspoon. L’indiscrezione circola ormai da diverse settimane, tuttavia pare ora la conferma sia praticamente ufficiale: Apple ha battuto Netflix e Showtime nell’acquisizione dei diritti del telefilm. La serie dovrebbe fare la sua apparizione su Apple Music, anche se una data di rilascio non è al momento ovviamente nota.

Così come già emerso negli ultimi mesi, la serie TV sarà ambientata nell’universo del giornalismo. Jennifer Aniston e Reese Witherspoon interpreteranno due conduttrici di uno dei tanti “morning show” della televisione statunitense, la produzione verterà sulle loro vicende di vita dentro e fuori dal set. Lo show, oltre a uno script originale, prenderà spunto anche da “Top of the Morning: Inside the Cutthroat World of Morning TV”, opera di Brian Stelter dedicata proprio all’universo dell’intrattenimento mattutino a stelle e strisce.

Aniston e Witherspoon interpreteranno il ruolo delle due protagoniste principali dello show, mentre Apple avrebbe già firmato per la realizzazione di due stagioni consecutive, da 10 episodi ciascuna. Non è però tutto, poiché le attrici figureranno anche nel ruolo di produttrici esecutive della serie, quest’ultima scritta da Jay Carson, già noto per “House of Cards”.

La società di Cupertino è quindi sempre più lanciata nella produzione di contenuti video originali, dopo esperimenti come “Planet of The Apps” e “Carpool Karaoke”. Oltre a questo drama, Apple è in prima linea anche per il reboot di “Amazing Stories”, la famosa serie sci-fi targata Steven Spielberg andata in onda negli USA negli anni ’80 e, a inizio dei ’90, anche in Italia. Al momento, tuttavia, non sembra che la società californiana voglia entrare in diretta competizione con Netflix, Hulu o Amazon Prime Video, almeno non su larga scala: si tratta di piccole incursioni nel mercato televisivo, per tastarne il terreno e le potenzialità.