QR code per la pagina originale

Mozilla annuncia Firefox Quantum

Tante le novità incluse in Firefox Quantum (alias Firefox 57), tra cui interfaccia Photon, rendering engine e CSS engine, supporto API WebExtension.

,

Il più importante aggiornamento dal lancio di Firefox 1.0 nel 2004. Con queste parole Mozilla ha annunciato la disponibilità di Firefox Quantum per Windows, macOS, Linux, Android e iOS. La fondazione ha scelto il nome in codice del progetto invece della tradizionale numerazione (Firefox 57) per evidenziare le importanti novità incluse in questa versione.

Alcuni miglioramenti sono stati introdotti con tre delle ultime quattro release (Firefox 53/54/55), ma Firefox Quantum porta con sé notevoli cambiamenti dell’architettura e del design. All’avvio del browser gli utenti noteranno subito la nuova interfaccia utente, denominata Photon, realizzata per sfruttare l’hardware moderno come i display ad alta risoluzione. Gli elementi della UI cambiano dimensione in base al tipo di input usato (mouse o touch), le schede sono squadrate, i menu sono stati ottimizzati, la libreria permette di accedere velocemente a segnalibri, cronologia, download, screenshot e schede sincronizzate.

Chi installa il browser da zero vedrà la nuova barra unificata per indirizzi e ricerche (le due barre separate possono essere ripristinate nelle impostazioni) e un breve tour che illustra le principali novità. La read-it-later app Pocket è ora integrata, quindi nella pagina Nuova scheda verranno mostrati anche i suggerimenti di Pocket (solo in Germania, Canada e Stati Uniti). Durante la navigazione si noteranno i miglioramenti prestazionali dovuti al nuovo motore di rendering basato su Servo e al nuovo CSS engine Stylo che sfruttano il parallelismo, suddividendo i carichi di lavoro tra i core della CPU, riducendo i consumi.

Il browser assegna inoltre una maggiore priorità alle schede in primo piano. Mozilla afferma che Firefox Quantum è due volte più veloce di Firefox 52 e consuma il 30% in meno di RAM rispetto a Chrome. L’ultima novità potrebbe avere invece qualche spiacevole “effetto collaterale”. Firefox Quantum supporta unicamente le estensioni che usano le API WebExtension, quindi tutti gli add-on legacy smetteranno di funzionare. Al momento, l’unica alternativa è installare Firefox ESR.

Fonte: Mozilla • Notizie su: ,