QR code per la pagina originale

Realtà virtuale: Google lancia YouTube VR su Steam

Il gruppo di Mountain View ha lanciato il software YouTube VR sulla piattaforma Steam di Valve, la stessa app già vista come esclusiva per Daydream View.

,

YouTube VR ha fatto il suo debutto ufficiale nella giornata di oggi sulla piattaforma Steam di Valve, sotto forma di programma con accesso anticipato, in download gratuito per computer con sistema operativo Windows. Si tratta dell’edizione PC di un’applicazione già disponibile da tempo in versione mobile, su Play Store come esclusiva per il visore Daydream View di Google, ora compatibile anche con il modello HTC Vive.

Stando ai feedback finora pubblicati tra le recensioni dagli utenti che hanno avito modo di provarlo, i miglioramenti da apportare non mancano. Si segnala l’impossibilità di visualizzare i sottotitoli così come quella di selezionare la qualità dei video in streaming, nonché un sistema di controllo da ottimizzare. Questi i requisiti minimi necessari per immergersi nel mondo di YouTube VR, in download sulle pagine di Steam: sistema operativo Windows 10, processore Intel i5-6400 o equivalente, 8 GB di RAM, scheda video NVIDIA GeForce GTX 980, AMD Radeon R9 Fury o equivalente, DirectX 11 e 4 GB di spazio libero su disco fisso. Ecco la breve descrizione fornita da Google.

YouTube VR trasforma YouTube in un mondo 3D da esplorare. Scopri ogni canale, video e creator di YouTube nella realtà virtuale. Nuota insieme ai grandi squali bianchi, esplora tutti e sette i continenti con la tua guida turistica personale, siediti in prima fila ai tuoi concerti preferiti e altro ancora.

Quasi certamente Google raccoglierà i pareri forniti dalla community e apporterà nel corso del tempo le dovute correzioni al codice, così da assicurare l’accesso senza intoppi al catalogo di video a 360 gradi della propria piattaforma, diffondendo sempre più il supporto alle periferiche dedicate alla realtà virtuale, una tecnologia in grado di aumentare il grado di coinvolgimento e immersione anche durante la riproduzione dei contenuti multimediali.