QR code per la pagina originale

CES 2018: Park by Memory, da Hitachi e Clarion

Presentata al CES 2018 di Las Vegas una tecnologia per il parcheggio autonomo che ricorda le zone abituali di sosta, come l'abitazione o l'ufficio.

,

Grande attenzione è riposta alle soluzioni dedicate al mondo delle quattro ruote, tra i padiglioni del CES 2018 in corso a Las Vegas. Fra le soluzioni presentate anche Park by Memory, nata dalla partnership tra la divisione Automotive Systems di Hitachi e Clarion. Come si può intuire già dal nome, si tratta di una tecnologia pensata per risolvere il sempre più annoso e sentito problema del parcheggio.

Il sistema è in grado di ricordare le zone nei dintorni dell’abitazione o dell’ufficio dove l’utente è solito lasciare la propria vettura, al fine di effettuare la manovra autonomamente quando possibile, sfruttando la tecnologia di riconoscimento esterno messa a punto da Clarion e gli attuatori dello sterzo e dei freni integrati nel veicolo da Hitachi. Ciò è reso possibile associando le immagini dall’alto riprese dalle videocamere SurroundEye (montate sui lati e sulle parti anteriore e posteriore del mezzo) ai dati di rilevamento sulle strutture circostanti ottenuti da sonar e GPS, così da poter memorizzare le zone e i percorsi dei parcheggi abituali.

Il veicolo può in questo modo segnalare al conducente quando è possibile eseguire la manovra in modo autonomo, avviandola non appena quest’ultimo preme un pulsante posizionato all’interno dell’abitacolo o su un’applicazione dello smartphone. Park by Memory è in grado di posizionare correttamente l’auto in spazi di varie dimensioni, compresi quelli contrassegnati dalle righe bianche.

La collaborazione tra Hitachi Automotive Systems e Clarion è destinata a proseguire in futuro, con l’obiettivo di sviluppare congiuntamente tecnologie di assistenza alla guida basate su riconoscimento esterno e controllo integrato, supportando così la realizzazione di veicoli a guida autonoma, una tipologia di mezzi che a partire dai prossimi anni contribuirà a innescare una vera e propria rivoluzione nel settore della mobilità, con benefici concreti e tangibili in termini di affidabilità e sicurezza.