QR code per la pagina originale

Le IA leggono meglio degli esseri umani

Microsoft ed Alibaba hanno messo a punto delle intelligenze artificiali che sono state in grado di superare l'uomo in alcuni test di lettura.

,

Le intelligenze artificiali possono, adesso, riuscire a leggere un documento ed a rispondere a domande su di esso meglio di un essere umano. 20 anni fa, il computer Deep Blue dell’IBM sconfisse agli scacchi il campione Garry Kasparov. Da allora, il confronto uomo-macchina continua su più fronti. Bloomberg ha riportato che Alibaba e Microsoft hanno sviluppato delle intelligenze artificiali che riescono ad ottenere risultati migliori di quelli di un essere umano nei complessi test di lettura della Stanford University. Si tratta di una serie di test basati sulla comprensione di alcuni articoli di Wikipedia.

L’intelligenza artificiale sviluppata dal gigante dell’ecommerce cinese è stata la prima a superare i risultati di un essere umano in questi complessi test. Secondo la fonte, questo test è tra i più autorevoli della sua categoria. Gli essere umani non sono mai andati oltre il punteggio di 82.304. L’intelligenza artificiale di Alibaba è riuscita a fare leggermente meglio con un punteggio di 82.44. L’IA di Microsoft ha saputo fare ancora meglio ottenendo un punteggio di 82,650 sullo stesso test. Alibaba ha affermato che è la prima volta che una macchina riesce a fare meglio di un essere umano in questi scenari.

Questi risultati aprono possibilità molto interessanti per il futuro. Le intelligenze artificiali sono, adesso, in grado di elaborare grandi quantità di dati scritti per rispondere con maggiore precisione alle domande umane. Questo significa che in futuro questa tecnologia potrà essere applicata in numerosi ambiti quali il servizio clienti aziendale, le guide virtuali nei musei e nelle risposte online alle informazioni richieste dagli utenti. Tutti ambiti in cui la presenza umana sarà sempre meno richiesta.

Microsoft ha aggiunto che questa tecnologia potrà essere utilizzata anche all’interno del suo motore di ricerca Bing e di Cortana per migliorare la precisione e l’utilità del suo assistente vocale.