QR code per la pagina originale

Google Clips, il lancio si avvicina

La fotocamera Google Clips, passata l'approvazione della Federal Communications Commission necessaria per la commercializzazione, si appresta al debutto.

,

L’annuncio nell’ottobre scorso, ma fino ad oggi ancora nessuna traccia del prodotto sugli scaffali: Google Clips potrebbe però essere ormai in dirittura d’arrivo. Il dispositivo è stato avvistato sui banchi della FCC (Federal Communications Commission) statunitense, per l’ottenimento della certificazione necessaria alla vendita. Non dovrebbe dunque mancare ancora molto. Sarà acquistabile in un primo momento oltreoceano al prezzo di 249,00 dollari, per poi giungere più avanti in Europa.

È una fotocamera compatta, ma a dispetto del suo look non come tutte le altre. Non ha mirino né display. Grazie all’integrazione di un sistema di intelligenza artificiale è infatti in grado di gestire in modo del tutto autonomo il funzionamento, decidendo quando acquisire gli scatti in base a ciò che osserva all’interno dell’inquadratura: persone, animali e oggetti. Merito della VPU (Visual Processing Unit) Movidius Myriad 2 e degli algoritmi di computer vision per il riconoscimento facciale, gli stessi impiegati da DJI nei suoi droni. Di seguito un video che ne illustra le capacità.

Clips propone un concept sicuramente interessante, ma che a molti ha fatto storcere il naso. Tra questi anche Elon Musk, che ha puntato il dito nei confronti del dispositivo parlando di potenziali rischi per la privacy. Secondo il numero uno di Tesla, infatti, un prodotto di questo tipo è in grado di immortalare chiunque a sua insaputa, operando in modo troppo discreto per poter essere identificato, complice anche il fatto di non richiedere alcuna interazione attiva da parte dell’utente.

Dal punto di vista delle specifiche tecniche, all’interno della piccola scocca bianca (49x49x20 mm) trovano posto un sensore da 12 megapixel, un’ottica grandangolare con apertura f/2.4, 16 GB di memoria interna, moduli WiFi e Bluetooth per interfacciarsi con smartphone Android e iOS, un LED che lampeggia durante il funzionamento e una batteria con tre ore di autonomia dichiarata, da ricaricare tramite porta USB Type-C.

Fonte: Variety • Via: SlashGear • Notizie su: ,