QR code per la pagina originale

Android Wear 2.8: le novità dell’aggiornamento

Al via per alcuni modelli di smartwatch il rilascio dell'aggiornamento che porta il sistema operativo Android Wear di Google alla nuova versione 2.8.

,

Gli analisti prevedono per il mercato degli indossabili una forte crescita entro il prossimo triennio: dai 113 milioni di unità consegnate nel 2017 si passerà ai 222 milioni ipotizzati per il 2021. Un trend spinto e sostenuto in particolare dalla crescita degli smartwatch, un segmento in cui Google ha intenzione di continuare a dire la propria grazie a quanto proposto dalla piattaforma Android Wear.

Il sistema operativo compie oggi un nuovo passo in avanti nel suo percorso d’evoluzione, fin qui purtroppo tutt’altro che esente da ostacoli e problematiche. Arriva la versione 2.8 che ha come obiettivo principale quello di migliorare l’usabilità dei dispositivi, con un occhio di riguardo anche all’autonomia. Una precisazione: l’update arriverà entro i prossimi giorni (alcuni utenti nei forum di discussione già segnalano l’avvio del rollout) attraverso il rilascio di un aggiornamento per l’applicazione ufficiale di Android Wear installata sullo smartphone e non mediante OTA direttamente sull’orologio. Ecco quanto riporta Google nelle pagine del supporto ufficiale parlando delle novità introdotte.

Ciao a tutti, siamo felici di annunciare un nuovo aggiornamento per Android War, alla versione 2.8. Questo update introduce una migliore visibilità delle notifiche grazie a un layout che permette di consultare più informazioni sul messaggio ricevuto con un solo sguardo. Abbiamo inoltre reso più scuro lo sfondo per ottimizzare la leggibilità.

Quest’ultima novità ha benefici diretti e concreti anche sull’autonomia, un aspetto che purtroppo fino ad oggi ha rappresentato un vero e proprio tallone d’Achille per gli smartwatch, costringendo gli utenti a ricariche piuttosto frequenti, anche quotidiane. Utilizzare uno sfondo nero o molto scuro significa ridurre considerevolmente il consumo di energia, specialmente per i display di tipo AMOLED e P-OLED. L’update è dunque in fase di rollout, ma al momento non è dato a sapere quali modelli lo riceveranno e con che tempistiche.