QR code per la pagina originale

UNICEF chiede criptovalute per i bambini siriani

UNICEF ha chiesto ai gamer di installare un miner per la criptovaluta Ethereum; i fondi raccolti verranno utilizzati per aiutare i bambini siriani.

,

UNICEF ha avviato una nuova raccolta fondi per aiutare i bambini siriani. Questa volta però non si tratta di denaro tradizionale, ma di criptovalute. L’organizzazione della Nazioni Unite ha chiesto ai gamer, agli appassionati di eSport e a tutti gli utenti in possesso di una potente scheda video di collaborare nella generazione di Ethereum. Il nome del progetto è Game Chaingers e terminerà il 31 marzo 2018.

In base ai dati UNICEF, oltre 8 milioni di bambini siriani sono direttamente coinvolti nella crisi umanitaria più grave degli ultimi 20 anni. Nonostante ciò, gli aiuti economici sono molto ridotti e pertanto è necessario trovare fondi per garantire ai bambini una vita dignitosa. Game Chaingers, nato come alternativa alle classiche donazioni, è sostanzialmente simile ad altri progetti di calcolo distribuito (il più noto è SETI@home), in quanto la criptovaluta viene generata sfruttando le schede video installate nei computer degli utenti.

Per partecipare è necessario scaricare e configurare il software di mining Claymore per Windows o Linux e schede video NVIDIA o AMD. È possibile attivare/disattivare il tool in qualsiasi momento. Gli Ethereum generati verranno automaticamente aggiunti al portafoglio elettronico di UNICEF (indirizzo 0x29165d4a5eE555b3B47FA7d4772f35FE41dB2769). L’organizzazione spiega che il consumo di corrente è molto limitato: 24 ore di mining con una GeForce GTX 970 consuma circa 160 Watt, pari a circa 0,54 euro di corrente in Francia.

UNICEF ha scelto Ethereum perché, al momento, è la seconda criptovaluta in termini di capitalizzazione, dopo Bitcoin. Inoltre, a differenza di Bitcoin, non richiede hardware dedicato (ASIC), ma per il mining è possibile utilizzare un “pool” di schede video di fascia media e alta, come AMD Radeon RX 470/480/570/580/R9 390 e NVIDIA GeForce GTX 970/1080.

Fonte: Engadget • Immagine: Pixabay • Notizie su: ,