QR code per la pagina originale

Fujifilm X-E3: le modalità Simulazione Pellicola

Le modalità Simulazione Pellicola integrate a bordo della mirrorless Fujifilm X-E3 riportano in vita lo stile e il fascino della fotografia analogica.

,

Rispettare la tradizione e abbracciare l’innovazione. È ciò che fa la nuova Fujifilm X-E3, fotocamera del segmento mirrorless costruita sulla base dell’esperienza acquisita dal produttore giapponese in oltre 80 anni di attività nel mondo imaging, che all’interno del suo corpo macchina dallo stile minimalista e dalle dimensioni compatte racchiude un vero e proprio concentrato di tecnologie avanzate.

Fujifilm X-E3: Simulazione Pellicola

Le modalità di Simulazione Pellicola rappresentano la perfetta dimostrazione concreta di come X-E3 sia un dispositivo in grado di restituire immagini arricchite da quell’inconfondibile e indimenticabile fascino proprio della fotografia analogica, senza però rinunciare al tempo stesso alla comodità e all’immediatezza propria del digitale. Ce ne sono 15 in tutto, pensate per adattarsi alle più svariate situazioni di scatto: da quella che restituisce tonalità naturali della pelle nel ritratto all’acquisizione di immagini monocromatiche con una riproduzione dei dettagli senza compromessi. Eccole.

  • Provia – Standard: modalità standard adatta a una gamma di situazioni diverse;
  • Velvia – Vivid: colori primari vivaci per paesaggi e fotografia naturalistica;
  • Astia – Soft: toni delicati abbinati a colori saturi;
  • Acros (Filtro+ Ye/R/G): modalità monocromatica con una gradazione ricca di dettagli;
  • Classic Chrome: ricca profondità tonale per immagini in stile documentario;
  • Pro Neg. Hi: riproduzione di tonalità naturali della pelle;
  • Pro Neg. Std: tonalità delicate con una saturazione bassa;
  • Monochrome (filtro + Ye/R/G): modalità monocromatica standard;
  • Seppia: tonalità seppia calda per un effetto vintage.
A sinistra una fotografia di Jonas Dyhr Rask realizzata con la modalità Classic Chrome, a destra uno scatto di Yukio Uchida ottenuto con la modalità Acros

A sinistra una fotografia di Jonas Dyhr Rask realizzata con la modalità Classic Chrome, a destra uno scatto di Yukio Uchida ottenuto con la modalità Acros (immagine: Fujifilm).

A questo si aggiunge l’Effetto Grana che dona struttura alle immagini, ricreando un aspetto ben conosciuto da tutti coloro che hanno avuto a che fare con la fotografia analogica. Tre le opzioni offerte: Off, Debole e Forte, da scegliere a seconda del risultato che si intende ottenere.

Lo stesso scatto con Effetto Grana disattivato (a sinistra) e attivato (a destra)

Lo stesso scatto con Effetto Grana disattivato (a sinistra) e attivato (a destra) (immagine: Fujifilm).