Deceduto Jack Tramiel, fondatore della Commodore

Davide Falanga,

Jack Tramiel, fondatore di Commodore e figura di spicco nello scenario tecnologico degli anni ’80, ha varcato l’estrema soglia: a darne l’annuncio è stata la sua famiglia, raccoltasi intorno al fondatore di una delle società in grado di rivoluzionare il settore dell’elaborazione digitale per tributargli un ultimo saluto. Tramiel si è spento all’età di 83 anni, molti dei quali trascorsi tra i campi di concentramento nazisti ed i laboratori della Commodore International.

Tra i principali prodotti lanciati dall’azienda figura l’oramai celeberrimo Commodore 64, presentato nel 1982 e divenuto presto uno dei personal computer più gettonati in tale periodo, grazie al target di massa cui aveva l’obiettivo di rivolgersi. Due anni dopo Tramiel fu costretto ad abbandonare la sua creatura, ma la voglia di continuare ad esser presente nel mondo della tecnologia lo spinse ad acquistare una divisione della società Atari, dalla quale prese vita la Atari Corporation.

La scomparsa di Tramiel rappresenta dunque la dipartita di uno dei fautori di quella che può essere battezzata “rivoluzione informatica”, in quanto grazie al Commodore 64 ha permesso ai cittadini di tutto il mondo di avvicinarsi ad una tipologia di prodotti precedentemente appannaggio esclusivo di pochi facoltosi oppure di grosse aziende internazionali.

label
Rispondi alle domande