STARTUP BUS NEWS

Facebook crolla sotto i 30 dollari

Giacomo Dotta,

Facebook ha segnato un nuovo record sul listino azionario, ma è un record di cui il team non può andar fiero: il gruppo ha perso infatti un ulteriore 10% del proprio valore di capitalizzazione, sfondando al ribasso per la prima volta quota 30 dollari e toccando pertanto quello che ad oggi è in assoluto punto più basso della propria epopea al Nasdaq.

In un giorno in cui tutto il listino ha recuperato terreno dopo una settimana di calo relativo, il titolo FB ha chiuso a quota 29,84 dollari con un -9,62% a cui ha fatto seguito un ulteriore ripiegamento dello 0,2% nelle contrattazioni after-hour. La sensazione, insomma, è che al di là del supporto della Morgan Stanley nei primi giorni del collocamento, la paura prevalga e le vendite giungano pertanto con molta più facilità rispetto agli acquisti, faticando così a far prezzo. Occorre ricordare come il prezzo di collocamento fosse stato a 38 dollari, con apertura addirittura a quota 42 dollari: ben un quarto del valore di capitalizzazione è già stato perso per la strada ed ammonta oggi a poco più di 60 miliardi di dollari.

A tutto ciò si aggiunge la pressione della Federal Trade Commission, che ha aperto un secondo approfondimento sull’acquisizione miliardaria di Instagram e che estende di ulteriori 30 giorni i tempi tecnici per concludere le investigazioni già avviate nelle settimane scorse.

label
Rispondi alle domande