QR code per la pagina originale

Amazon Kindle Fire HDX 7: mobile shopping

Kindle Fire HDX è un tablet da 7” con schermo Full HD e profilo hardware di primo livello, ma è soprattutto una vetrina portatile per lo shopping su Amazon

Prezzo

€ 229

Giudizi
  • Caratteristiche8
  • Dimensioni8,5
  • Prestazioni9
  • Qualità prezzo7,5
Pro

Hardware performante, schermo ottimo anche per godersi un film, audio buono, grande facilità d’uso

Contro

Aloni blu lungo i bordi delle pagine bianche, assenza di una porta HDMI, OS estremamente chiuso, app store lontano dalla qualità di Google Play, assenza perdurante di un canale Amazon video

Amazon Kindle Fire HDX 7 lo trovi anche su    Scopri gli sconti

Di , 12 dicembre 2013

Lotta alla pari

Amazon Kindle Fire HDX non solo rappresenta la naturale evoluzione tecnologica del suo predecessore, il Fire HD, ma anche una risposta diretta a prodotti del calibro dell’iPad mini 2 e del nuovo Nexus 7. Sebbene, più che dei tablet a tutto tondo, Amazon produca delle vere e proprie vetrine portatili per lo shopping sul proprio mega store online, puntando quindi a un tipo di utilizzo e di utenza ben diversi da quelli della concorrenza, il tentativo pare infatti quello di colmare un divario tecnico e qualitativo.

Per farlo, il team di Jeff Bezos sembra aver puntato sulla potenza dei componenti interni e sulla qualità di fruizione dei contenuti, partendo da uno schermo grandemente migliorato e da un OS, seppur ancora limitato, fortemente aggiornato per soddisfare, oltre alle compulsioni all’acquisto, anche le necessità di un comune utilizzo mobile. Inoltre è disponibile in due versioni, da 7 pollici (quella testata) e da 8,9 pollici, entrambi in tagli da 16, 32 e 64 GB, rispettivamente al prezzo di € 229, €269 e € 309, e € 379, € 429 e € 479. A questi prezzi, come sempre, si aggiungono € 15 se si sceglie di acquistare la versione senza offerte speciali, che rimuove la pubblicità dalla schermata iniziale (comunque poco invadente).

Ovviamente, rispetto al nuovo Kindle Paperwhite (al momento il miglior eReader sul mercato), col Kindle Fire HDX le cose sono più complicate per Amazon, e la vetta appare ancora lontana. Tuttavia la base di partenza è buona perché questo nuovo tablet, almeno sulla carta, sembra promettere ben più del solo acquisto e fruizione di libri, musica e giochi.

Galleria di immagini: Amazon Kindle Fire HDX 7, le foto

Design

Non solo più potente, ma anche più sottile e leggero del suo predecessore, il Kindle Fire HDX 7” non sarà forse il tablet più bello e con stile sul mercato, ma ha certamente un suo fascino e le linee squadrate ed essenziali sono impreziosite dal retro in plastica opaca antiscivolo.

Con molta probabilità, i progettisti hanno pensato a un suo impiego principalmente in posizione orizzontale, data la disposizione del tasto di accensione e del bilanciere del volume sul retro, rispettivamente sul lato sinistro e destro. I tasti sono a filo e concavi e si trovano abbastanza agevolmente; diverso il discorso in posizione verticale, purtroppo.

Per lo stesso motivo, le due casse stereo sono state poste sulla parte alta, per non essere accidentalmente coperte dalle mani. Fra l’altro, riproducono un audio Dolby Digital Plus davvero buono, privo di distorsioni anche quando il volume è al massimo; i bassi, invece, non sono molto accentuati.

Amazon Kindle Fire HDX 7

Lungo i bordi trovano posto il jack da 3,5 mm e una porta microUSB. Nell’insieme, tenere in mano il Kindle Fire HDX 7” è piacevole e confortevole, merito anche delle dimensioni (186x128x9 mm) e del peso (303 g).

Insieme al Kindle, per la nostra prova abbiamo ricevuto anche Origami, la custodia a libretto venduta separatamente a € 54,99 (c’è anche una versione in pelle a € 69,99). Origami incapsula l’HDX 7” proteggendo sia il retro sia lo schermo, ma aumentando anche il volume complessivo. Grazie a un sistema di blocco a calamita, può anche sostenere il tablet su un piano di appoggio, sia in verticale sia in orizzontale.

Schermo e fotocamera

Lo schermo del Kindle Fire HDX 7” compie un notevole passo avanti rispetto a quello del Fire HD, passando da 1.208×800 pixel a una risoluzione di 1.920×1.200, per una densità pari a 323 ppi. Il pannello è dunque compatibile con la riproduzione di filmati in Full HD 1080p e, inoltre, come Amazon stessa sottolinea, la riproduzione dei colori copre il 100% nello spazio sRGB.

Il risultato è una riproduzione fedele e vibrante dei colori in ogni ambito, cui si aggiunge un’eccellente luminosità (400 nits) e un altissimo livello di dettaglio e contrasto, il che ne fa uno dei migliori schermi da 7 pollici oggi in commercio e un predestinato per la riproduzione di film e videogiochi. Inoltre è un ottimo compagno per la lettura, anche grazie alle ormai consuete funzioni Kindle che ritroviamo anche qui: Whispersync, che sincronizza l’ultima pagina letta su qualsiasi dispositivo e app Kindle per riprendere la lettura da dove la si era interrotta a prescindere dal dispositivo in uso, gli Highlights più popolari, che raccolgono le citazioni più usate dalla community, e X-Ray, che per alcuni eBook compatibili fornisce informazioni supplementari su autore, protagonisti e luoghi della trama.

Amazon Kindle Fire HDX 7

Peccato che durante la lettura, sullo sfondo bianco siano chiaramente visibili degli aloni blu lungo i bordi. Amazon giustifica questo fatto come una risultante della scelta di adottare dei LED blu anziché bianchi, per consentire “una riproduzione dei colori accurata e realistica e garantire fino al 20% in più di efficienza energetica”. Quale che sia il motivo, non sono fastidiosi, ma si notano chiaramente.

Il Kindle Fire HDX 7” è inoltre dotato di una fotocamera frontale da 720p (il modello da 8,9” ne ha anche una posteriore da 8 megapixel) adatta alle video chat via Skype ma anche in grado di catturare immagini e registrare filmati di qualità accettabile.

Software e servizi

Il Kindle Fire HDX è basato su Android Jelly Bean 4.2.2, ma è quasi impossibile capirlo una volta acceso. Infatti, come per i modelli di Fire precedenti, anche questo ha un’interfaccia fortemente personalizzata, denominata Fire OS, qui giunta alla versione 3.1.

Estremamente semplice, è stato progettato per rendere immediato l’accesso ai canali shopping di Amazon e alle applicazioni installate sul tablet. Per questo, la parte alta mostra le categorie merceologiche quali libri, musica, app, ecc., il carosello centrale raccoglie le app e i libri aperti di recenti, mentre una nuova griglia appare scorrendo il dito dal basso verso l’alto per mostrare ordinatamente tutte le app a disposizione dell’utente. Quest’ultima può essere organizzata a piacimento, persino creando delle cartelle tematiche che raggruppino più app, proprio come avviene in Android. Non manca il multitasking, accessibile tramite lo stesso movimento, ma attivo solo mentre si è all’interno di un’app.

Sempre in stile Android, stavolta scorrendo il dito dall’alto verso il basso, è accessibile un menu di accesso rapido a voci quali Impostazioni, Non Disturbare, Rotazione automatica, Wireless e Luminosità (e, nel caso della versione americana, il MayDay, il nuovo servizio di assistenza in video chat non attivo in Italia).

A differenza di Android, invece, il Kindle Fire HDX non ha i consueti pulsanti di navigazione. Per andare alla Home o per tornare indietro, al loro posto ci sono dei pulsanti touch che appaiono toccando il pannello.

Amazon Kindle Fire HDX 7

Oltre all’interfaccia, sono state migliorate diverse app native, come il browser Silk, che, per competere alla pari con le controparti Chrome e Safari, ora ha davvero tutto quel che serve salvo la sincronizzazione dei preferiti e della cronologia fra più dispositivi, essendo questa app disponibile nel solo tablet di Amazon. La navigazione è molto fluida, diverse impostazioni sono personalizzabili e, inoltre, include il pratico pulsante Visualizzazione di lettura, che converte qualsiasi pagina Web a una visualizzazione in stile eBook, priva di banner pubblicitari ed elementi di navigazione superflui, e ingrandisce il testo. Manca invece il supporto a Flash.

A riprova del fatto che Amazon voglia fare del Kindle Fire HDX 7” un tablet il più completo possibile, sono state inoltre migliorate e ampliate le app E-mail, Calendario e Contatti. Quel che resta uguale, e aggiungiamo purtroppo, è l’impossibilità di accedere al Google Play Store, in sostituzione del quale Amazon propone il proprio app store. Sebbene il numero di programmi e giochi sia aumentato nel tempo, sono ancora assenti diverse app molto popolari mentre di altre è disponibile solo una versione non aggiornata.

Performance

Finora ci siamo soffermati sui contenuti e le funzionalità che il Kindle Fire HDX 7” offre e gestisce. Prima di chiudere, è bene parlare per anche di come si comporta nell’utilizzo quotidiano. E a dirla tutta, Amazon non ha lesinato in fatto di specifiche interne, proprio per cercare di essere alla pari con la concorrenza.

L’HDX monta un processore quad core Snapdragon 800 da 2,2 GHz, affiancato da una GPU Adreno 330 e da 2 GB di RAM, quindi si tratta di un comparto tecnico di tutto rispetto e capace di garantire alte prestazioni. Di fatto, si comporta egregiamente in ogni circostanza: si accende in circa 30 secondi, si risveglia dallo stand-by istantaneamente, permette un passaggio immediato fra le varie schermate, così come fra la visuale verticale e panoramica, ha un multitasking fluido e una gestione delle app priva di tentennamenti, e anche con i videogiochi più impegnativi non si notano esitazioni di sorta.

Per tutta questa potenza, chiaramente, ci vuole una batteria all’altezza e, anche in questo caso, il Kindle Fire HDX 7” se la cava bene: Amazon dichiara fino a 11 ore di autonomia con un utilizzo completo del dispositivo: lettura, navigazione in Internet via Wi-Fi, riproduzione di video e ascolto di musica (17 ore per la sola lettura). Nelle nostre prove, il tablet si è assestato sulle 10 ore, una differenza irrisoria quindi.

Conclusioni

Amazon ha lanciato una sfida non da poco. L’intento, con il Kindle Fire HDX, non è quello di rivaleggiare con i tablet low cost bensì con i modelli di punta del momento. Lo dimostra la scelta di un comparto hardware di alto profilo, in grado di offrire ottime prestazioni in ogni ambito, e l’adozione di uno schermo Full HD, cui si abbina un sistema audio ideale per godersi un film o della musica. Inoltre è estremamente semplice da usare, intuitivo e pratico.

Tutta questa semplicità, però, è il frutto di un sistema operativo ridotto all’osso a livello di interfaccia, il che non farà certo la felicità degli utenti Android ormai rodati. Un sacrificio, questo, che riguarda anche l’esclusione di qualsiasi funzione avanzata e una forte riduzione del numero di applicazioni e giochi disponibili sull’app store di Amazon, la cui offerta è distante anni luce dal Google Play Store.

Permane, insomma, la perplessità avuta fin dalla prima edizione del Kindle Fire: anche l’HDX, per quanto evoluzione ottima del suo predecessore, resta di fatto una vetrina per gli acquisti su Amazon. È pur vero che l’interfaccia è stata migliorata e le funzionalità di alcune app native sono state ampliate, ma tutto ruota ancora fortemente intorno al negozio online.

Tuttavia, la nostra vera perplessità sul Kindle Fire HDX riguarda non tanto questo aspetto quanto il fatto che, ormai a distanza di molto tempo dal lancio del primo Kindle Fire, ancora oggi Amazon non sia riuscita a mantenere la promessa di lanciare anche in Italia un canale video come quello americano, dal quale sia possibile comprare o noleggiare film. Senza, la sensazione è che manchi sempre qualcosa. Al momento solo l’inclusione recente dell’app Infinity nell’app store di Amazon sopperisce almeno in parte a questa carenza congenita.

Tirando le somme, chi è un vorace lettore di eBook e un amante dei film nel palmo della mano, ma soprattutto è un acquirente abituale su Amazon, troverà nel Kindle Fire HDX un ottimo compagno. Chi invece si aspetta dal proprio tablet un’esperienza d’uso completa e priva di vincoli farebbe bene a guardare altrove.

Notizie su: ,