QR code per la pagina originale

Canon PowerShot N100: fotocamera social

Doppio obiettivo, schermo touch, Wi-Fi, NFC e una qualità fotografica interessante: la Canon PowerShot N100 lancia la sfida agli smartphone.

Prezzo

€ 350

Giudizi
  • Caratteristiche8
  • Design7
  • Prestazioni8
  • Qualità prezzo7
Pro

Buona qualità foto e video, utile zoom ottico 24-120mm, Wi-Fi ed NFC integrati, obiettivo posteriore per la curiosa modalità "doppia acquisizione", schermo touch comodo e reattivo.

Contro

Più corpulenta della tipica ultra-compatta, interfaccia poco immediata, alcune funzioni sono di dubbia utilità, sensore secondario a qualità ridotta.

Canon PowerShot N100 lo trovi anche su    Scopri gli sconti

Di , 9 dicembre 2014

Doppia fotocamera

L’inarrestabile diffusione degli smartphone minaccia il mercato delle fotocamere compatte tradizionali, e i produttori reagiscono presentando idee innovative e funzionalità sempre più particolari. La nuova Canon PowerShot N100, ad esempio, equipaggia un secondo obiettivo rivolto verso il fotografo, per catturare “doppie” immagini ed inserire il proprio volto all’interno di panorami, scatti di gruppo e altro ancora. Il tutto è affiancato da una dotazione fotografica interessante per una compatta, e proposto ad un prezzo che si aggira intorno ai 350 euro.

Scheda tecnica

La PowerShot N100 impiega un sensore principale CMOS da 12 Megapixel e 1/1,7″ di diagonale, affiancato da un interessante obiettivo zoom stabilizzato equivalente 24-120mm, con apertura massima f/1,8-5,7 e corrispondente dunque ad un buon grandangolo molto luminoso, con un lato “tele” discreto ma leggermente più chiuso della media. L’obiettivo posteriore è, invece, un 25mm fisso con apertura f/2,8, e serve un sensore secondario da 0,3 Megapixel.

Il processore d’immagine è il DIGIC 6 di Canon; lo schermo posteriore, touch e orientabile di 90° verso l’alto, è da 3 pollici di diagonale e 922.000 pixel e la modalità video consente di catturare filmati fino alla risoluzione Full HD 1920×1080 con 30 fotogrammi al secondo. I moduli Wi-Fi ed NFC sono integrati e permettono, dunque, di affiancare questa fotocamera al proprio dispositivo mobile, sia per l’upload delle foto che per l’impiego del GPS nel geotagging delle immagini.

Galleria di immagini: Canon PowerShot N100, le immagini

Design e usabilità

A livello costruttivo, questa Canon è molto ben realizzata, con materiali di qualità che danno al corpo macchina un feeling solido e piacevole al tocco. Il suo design è, però, insolito e non particolarmente aggraziato. La Canon PowerShot N100 è infatti più corpulenta di una ultra-compatta tradizionale: misura 104.5 x 67.5 x 35.8mm, con 289g di peso.

Queste dimensioni “generose” consentono di integrare l’obiettivo secondario, che è presente dove solitamente ci si aspetterebbe di trovare un mirino e, a prima vista, potrebbe essere scambiato per esso. Anche il layout dei controlli è piuttosto particolare: grande importanza è data al selettore delle modalità speciali, che si trova proprio sotto al pollice e consente di impostare lo scatto normale, la “doppia acquisizione” oppure una particolare modalità “ibrida” che cattura un breve video prima dell’acquisizione di ogni immagine.

La navigazione dei menu è affidata ad un tradizionale selettore a croce, che però risulta leggermente piccolo e scomodo da utilizzare. Al di sopra di esso, si trova un tasto “stella” dedicato esclusivamente alla funzione di segnalare come “preferite” o meno le proprie immagini, mentre sulla parte superiore c’è un altro pulsante dedicato alla creazione e gestione di “album” con le immagini presenti sulla scheda SD.

Il tentativo di Canon di offrire un’esperienza più personalizzata e unica è evidente, e in un certo senso apprezzabile, ma purtroppo viene effettuato a scapito dei controlli più tradizionali. Sull’intero corpo macchina, ad esempio, non è presente un tasto “cancella”, che con ogni probabilità sarebbe stato utilizzato più frequentemente dei due sopra descritti (per cancellare un’immagine bisogna invece entrare nel quick menu). L’impossibilità di riassegnare le funzioni ai vari tasti per personalizzare l’esperienza fa sì che la Canon PowerShot N100 resti una fotocamera unica, nel bene e nel male.

Prestazioni e qualità d’immagine

Le prestazioni della Canon PowerShot N100 sono buone per una compatta: la fotocamera si accende rapidamente ed è abbastanza reattiva in operazioni come l’acquisizione dell’autofocus o l’estensione dello zoom ottico. Anche i menu si navigano senza particolari ritardi e, in particolare, il touch-screen consente di eseguire con soddisfazione il playback delle immagini scattate o anche lo zoom su di esse.

A livello di qualità d’immagine, la PowerShot N100 offre buone soddisfazioni, come da tradizione per Canon. Gli scatti catturati sono generalmente molto buoni in termini di colore e contrasto, con un bilanciamento del bianco automatico sempre piuttosto preciso, un’esposizione ben misurata ed una gradevole resa .JPEG. Gli automatismi funzionano a dovere e ciò è un bene, mancando la PowerShot N100 di modalità completamente manuali.

Il dettaglio è senz’altro buono per un sensore di queste dimensioni e consente di spingersi senza troppe preoccupazioni anche fino a valori ISO come 800 e addirittura 1.600, a patto che non si voglia stampare o effettuare crop troppo arditi. In bassa luce, un altro aiuto viene dallo stabilizzatore, che offre una prestazione davvero apprezzabile nel contenere le vibrazioni.

Anche la qualità dei filmati è decisamente buona per una compatta: i video a 1080p sono ben dettagliati e piacevoli dal punto di vista cromatico, il buon range di zoom consente di sbizzarrirsi in piacevoli riprese ravvicinate (anche se l’estensione dell’obiettivo, in questa modalità, è piuttosto lenta) e il sonoro registrato dai microfoni stereo è di livello adeguato.

Riguardo la modalità “doppia acquisizione”, va notato che le immagini sono catturate ad una risoluzione inferiore: circa 3 Megapixel, rispetto ai 12 offerti dal sensore. L’obiettivo e il sensore posteriori non offrono una grandissima qualità, cosa che risulta evidente soprattutto in condizioni di bassa luce. Nel complesso, però, il loro compito è solo quello di offrire un piccolo riquadro all’interno dell’immagine principale, dunque il tema delle prestazioni non è così fondamentale. È un peccato, invece, che lo schermo non sia in grado di ribaltarsi completamente di 180 gradi: in una fotocamera del genere, offrire la possibilità di realizzare selfie in modo divertente ed immediato avrebbe potuto fare la differenza.

Verdetto:

La Canon PowerShot N100 è una compatta dagli interessanti valori fotografici base, con una buona qualità d’immagine ed un obiettivo versatile, ma pensata per un’esperienza utente “diversa” da quella tradizionale.

Il risultato è un successo solo a metà. La modalità “doppia acquisizione” è senz’altro divertente ed offre potenzialità curiose, ma l’inclusione dell’obiettivo secondario va a scapito del design, che risulta un po’ corpulento e sgraziato per una compatta. Anche la distribuzione dei tasti e le funzioni a loro assegnate cercano di rimarcare il carattere “unico” della fotocamera, ma trascurano alcuni aspetti essenziali dei sistemi di controllo tradizionali, rendendo l’esperienza di utilizzo leggermente meno immediata della media.

Nel complesso, se si cerca una fotocamera “diversa” dal solito, ma al tempo stesso capace di catturare foto e video di qualità interessante, la Canon PowerShot N100 può valere i circa 350 euro del suo cartellino. Chi preferisce un’esperienza più tradizionale potrà, invece, rivolgersi altrove.

Notizie su: ,