QR code per la pagina originale

Fujifilm X-T20: recensione della mirrorless entry-level

La Fujifilm X-T20 è una fotocamera compatta mirrorless adatta ai meno esperti in cerca di qualità fotografica superiore.

Fujifilm X-T20 lo trovi anche su    Scopri gli sconti

Di , 26 gennaio 2017

Fujifilm X-T20 fa parte del terzetto di nuove fotocamere mirrorless recentemente presentate dal produttore giapponese, di cui fanno parte la Fujifilm GFX 50s e la Fujifilm X100F. La X-T20 oggetto della recensione adotta sensore APS-C X-Trans CMOS III da 24,3MP e il processore d’immagine X-Processor Pro.

Fujifilm X-T20: uscita e prezzo()

Fujifilm X-T20 sarà disponibile al pubblico già a partire dalla fine di febbraio 2017. Il prezzo, IVA inclusa, consigliato al pubblico varia a seconda del kit scelto:

  • X-T20 solo corpo a €919,99
  • X-T20 KIT 18/55mm a €1229,99
  • X-T20 KIT 16/50mm a €1019,99
  • X-T20 KIT 16/50+50/230mm a €1229,99

Fujifilm X-T20: caratteristiche()

Come anticipato, la fotocamera mirrorless Fujifilm X-T20 adotta il sensore X-Trans CMOS III da 24,3 megapixel e il veloce processore d’immagine X-Processor Pro, quello già presente in altre apprezzate macchine della Serie X.

La dotazione di base è dunque di livello e in linea con le X-Pro2 e X-T2. Anche per quanto concerne il software, si riprende quanto già visto su questi modelli adottando i medesimi filtri, fra cui quello dedicato al bianco e nero, ACROS.

Caratteristica interessante è data dal mirino elettronico operante in tempo reale (un ritardo di visualizzazione di soli 0,005sec) con pannello Organic EL da 2,36 milioni di punti e capace di un ingrandimento pari a 0,62x.

Inoltre, come nella X100F, anche la X-T20 ha un nuovo algoritmo per l’AF a rilevamento di fase integrato nel sensore di immagine, progettato per aumentare la precisione di messa a fuoco automatica sui punti di luce, sugli oggetti a basso contrasto e sui dettagli fini.

Galleria di immagini: Fujifilm X-T20, le foto

I punti di messa a fuoco sono 91 (espandibili fino a 325), di cui 49 al centro sono caratterizzati da pixel a rilevamento di fase: disponibili le modalità Punto Singolo, Zona e Wide/Tracking.

Ne beneficia anche la velocità di lettura del sistema AF a contrasto, che raddoppia rispetto alla X-T10. L’AF così riprogettato interviene anche in fase di ripresa video (Full HD e 4K) nel tracciare il soggetto in movimento.

Tutto ciò si traduce in tempi di reazione più che buoni, che sulla carta indicano un AF pari a 0,06sec e uno scatto a raffica (in live-view) da 5 fps, mentre l’avvio registra 0,4 sec., il ritardo allo scatto 0,050sec. e l’intervallo tra gli scatti 0,25sec.

La sensibilità raggiunge i 12800 ISO nativi mentre la compensazione dell’esposizione arriva fino a ±5 stop in passi da 1/3.

Fujifilm X-T20: design()

Il design della X-T20 ricalca quello ormai tipico della Serie X, con forme retrò e ampio numero di ghiere di selezione per tempi e diaframma. Ricorda non poco la X-T10. La novità sta nell’aggiunta della voce Video nel selettore che attiva la funzione di ripresa.

Per garantirne la durevolezza e la resistenza, il corpo è realizzato in lega di magnesio mentre le ghiere sono in alluminio fresato. Tutto suscita ammirazione estetica e un generale senso di qualità.

Non pare cambiare la presa in mano, comoda e al contempo molto pratica nel modo in cui la macchina si lascia usare. Ancor più comodo è il pannello LCD orientabile e touch.

Fujifilm X-T20: prime impressioni()

La Fujifilm X-T20 è una mirrorless divertente. Pratica e piuttosto affidabile, non è forse la compagna di un professionista ma può soddisfare ampie fasce di utenza, compresi i prosumer: un occhio attento e un po’ di manovre sulle impostazioni di scatto possono fare la differenza, eliminando il moiré e i falsi colori e ottenere colori realistici.

Tuttavia, l’aspetto più interessante della X-T20 pare la sua capacità di lavorare bene con le impostazioni automatiche da cui, durante la breve prova in anteprima, sono risultate immagini con poco rumore, neri intensi e tonalità morbide.

La sensibilità alla luce permette di ottenere buoni risultati anche in condizioni di luce scarsamente la modalità Preview Pic. Effect offre una pratica anteprima dello scatto così come verrà in base alle impostazioni scelte.

A supporto, il display inclinabile (LCD a colori TFT da 3” e 1,04 milioni di punti), con cui si combina la funzione Touch Shot, permette di inquadrare e scattare da posizioni e angolazioni atipiche. Fra l’altro, interagire con lo schermo per comandare menu e scorrere le foto è intuitivo e reattivo come su uno smartphone.

C’è anche un piccolo flash a comparsa arricchito della funzione Super Intelligent Flash, che ne regola automaticamente la potenza a seconda della scena.

Degli automatismi utili ai meno esperti fanno parte anche i filtri artistici e l’esposizione multipla nonché l’Eye Detection AF e l’Auto Macro, né manca il Wi-Fi con possibilità di interazione e condivisione delle immagini tramite app Fujifilm Camera Remote.