QR code per la pagina originale

GoPro Hero 3: action camera

GoPro Hero 3 Silver Edition è una videocamera ultracompatta da 11 megapixel waterproof e resistente agli urti, ideata per gli appassionati di sport.

Prezzo

€ 349

Giudizi
  • Caratteristiche7,5
  • Dotazione8
  • Prestazioni7,5
  • Qualità prezzo8
Pro

Peso e dimensioni ridotte, Wi-Fi integrato, prestazioni e custodia migliorate, compatibilità con moduli e accessori precedenti

Contro

Display LCD extra, adattatore audio extra, interfaccia utente complicata

Di , 16 gennaio 2013

La gamma completa

GoPro Hero 3 è una cosiddetta “action camera” ossia una videocamera ultra compatta dedicata soprattutto a quegli sportivi che desiderano riprendere in prima persona la propria esperienza agonistica.

La serie 3 eredita per gran parte le caratteristiche salienti della già fortunata Hero 2, integrandole però con nuove funzionalità, tra cui il Wi-Fi, e si declina adesso in tre versioni: Black Edition, Silver Edition e White Edition.

Distribuite da Athena Evolution SRL rispettivamente al prezzo di € 449, € 349 e € 249, si differenziano l’una dall’altra sotto il profilo tecnico. A primeggiare è la Black Edition, capace di catturare filmati a 4k per 12 fps e ha una risoluzione pari a 12 megapixel, mentre la versione White può registrare video a 1080p con risoluzione di 5 megapixel. Infine, la GoPro Hero 3 Silver Edition, oggetto della nostra recensione, può anch’essa registrare video a 1080p, ma il sensore arriva a 11 megapixel.

Assieme alla GoPro Hero 3 Silver Edition, nella scatola troviamo un’ampia gamma di accessori tutti dedicati al montaggio e all’ancoraggio della macchina per i più disparati tipi di impiego, tra cui un braccio snodato a tre vie, un fermo con gancio a J, della placche adesive e la custodia subacquea resistente fino a 60 metri di profondità.

Sono inoltre disponibili alcuni accessori extra acquistabili separatamente quali un telecomando Wi-Fi, uno schermo LCD Touch da agganciare al retro della GoPro Hero 3 tramite presa proprietaria BacPac, un kit per la sostituzione dell’obiettivo e ulteriori placche adesive.

Galleria di immagini: GoPro Hero 3, le foto

Design sì, ma funzionale

Dal modello precedente, la GoPro Hero 3 eredita anche gran parte del design, ma anche in questo caso sono evidenti alcune migliorie che si traducono in una migliore portabilità e maneggevolezza, grazie a una riduzione del peso pari al 25% e a dimensioni ridotte del 30%.

La plastica dell’involucro ricoperta in materiale antiscivolo consente un ottimo grip mentre le sue dimensioni, pari a 20 mm di spessore, 42 mm di altezza e 60 mm di larghezza, sono tali da farla stare tranquillamente nel palmo della mano. Come il produttore stesso sottolinea, altezza e larghezza sono state lasciate appositamente invariate al fine di mantenere la piena compatibilità con i moduli della precedente versione.

Probabilmente, la GoPro Hero 3 non vincerà mai un premio per il look, ma il suo design è certamente funzionale e adatto allo scopo a cui è preposta, garantendo solidità e accessibilità immediata.

Sulla parte frontale, oltre al mini display e all’obbiettivo (unico elemento sporgente), sono visibili il grande tasto di accensione/modalità e due indicatori luminosi, uno che si accende di luce rossa, a indicare quando la macchina sta registrando, e uno di luce blu, che lampeggia quando il Wi-Fi è attivo. Per agevolare il controllo delle attività, indicatori analoghi benché molto più piccoli sono stati collocati sul lato superiore, inferiore e posteriore del corpo macchina.

Il retro ospita l’alloggiamento per la batteria ricaricabile agli ioni di litio da 1.050 mAh e la presa proprietaria BacPac. In alto è ben visibile il tasto di scatto oltre a uno dei due microfoni basati su algoritmo per la riduzione del rumore del vento.

L’atro microfono è alloggiato sul fianco destro, assieme al pulsante per attivare e disattivare il modulo Wi-Fi integrato. Questo può essere usato sia per il telecomando opzionale sia per il collegamento a uno smartphone previa installazione dell’apposita app. Il fianco sinistro, invece, dietro un piccolo sportello, nasconde le connessioni della GoPro Hero 3: lo slot per la scheda microSD (non inclusa nella confezione) che supporta fino a 64 GB di capacità, una micro HDMI e una mini USB 2.0 utilizzabile sia per la ricarica sia per la sincronizzazione col PC, ma anche come input audio tramite apposito adattatore opzionale con jack da 3,5 mm.

Waterproof

Con la GoPro Hero 3 troviamo anche un involucro in plastica trasparente resistente agli urti e, come anticipato, impermeabile fino a 60 metri di profondità. Come il corpo macchina, anche l’involucro è stato ridotto conseguentemente nelle dimensioni e il nuovo sistema di montaggio consente ora di inclinare ulteriormente l’obbiettivo per aiutare a trovare il giusto angolo di ripresa.

Sono ben visibili tre pulsanti stagni in corrispondenza del tasto di accensione, di quello per lo scatto e dell’attivatore del Wi-Fi mentre il retro è sostituibile con un elemento più ampio, studiato appositamente per proteggere i moduli aggiuntivi BacPac.

Il sistema di chiusura è a due fasi, per garantire resistenza massima ed escludere l’apertura accidentale derivante da urti: prima di sollevare la leva di blocco, è necessario spingere da un lato un pulsante di sicurezza. Non è un sistema particolarmente comodo, ma è comunque adatto allo scopo.

L’elemento più interessante è certamente costituito dalla lente piatta che protegge l’obbiettivo, appositamente studiata per ridurre l’effetto fish eye tipico di questa tipologia di videocamera e per migliorare la resa sott’acqua.

Come per le passate generazioni, anche l’involucro della GoPro Hero 3 è costituito da parti removibili per facilitarne la sostituzione.

La nuova ottica


Fulcro di tutta la GoPro Hero 3 è chiaramente l’ottica, costituita da una lente ultra-sharp f/2.8 composta da sei lenti asferiche. Nel caso della Silver Edition, come detto, il sensore è da 11 megapixel il che, nelle riprese video, si traduce in qualità Full HD 1080p a 30 fps in formato 16:9 con angolo di ripresa ultra wide regolabile dall’utente fino a un massimo di 170°. Inoltre è possibile scegliere fra differenti qualità video, con il seguente rapporto fra risoluzione e frame rate: 1080p/30, 720p/60, 960p/48 e WVGA/120.

Sulla carta, la maggior parte di queste caratteristiche deriva dalla HERO2, tuttavia nella Hero 3 il sensibile miglioramento apportato all’ottica fa sì che si possa raggiungere un risultato qualitativo superiore al passato.

Il nuovo obbiettivo permette, infatti, di registrare filmati di qualità dalla buona definizione, buona resa cromatica e giusto livello di contrasto, ma quel che più conta, trattandosi di una videocamera studiata per riprendere situazioni in rapido movimento, garantisce transizioni immediate nel passaggio da ambienti scarsamente illuminati a quelli sotto la piena luce del sole, e viceversa.

La crescita rispetto al passato appare ancor più evidente collegando la GoPro Hero 3 a un televisore Full HD: le riprese a 1080p per 30 fps sono ottime e ancor più, secondo noi, lo sono quelle a 960p per 48 fps, con le quali la sensazione di velocità è resa al massimo.

Resta tuttavia piuttosto marcato l’effetto fish eye, nonostante qualche miglioramento, inoltre non è possibile scattare foto mentre si riprende.

A proposito di fotografie, nei nostri test abbiamo constato che la raffica arriva a 10 scatti in poco più di due secondi prima di saturare la memoria, il che non equivale a un valore eccellente, ma è comunque soddisfacente per il tipo di videocamera e in rapporto a quel che ci si aspetta da lei. Le immagini sono di buona qualità sebbene non eccelse, anzi si nota una certa disparità rispetto ai video.

Riguardo il suono, invece, non ci sentiamo di condividere l’entusiasmo del produttore: la qualità rientra nella sufficienza e la riduzione del rumore del vento si nota, sebbene non sia così efficace come vorremmo; la prova con la custodia montata, però, ha dato risultati più che soddisfacenti. Insomma, non è il massimo per registrare i suoni della natura nella loro pienezza e non è certo adatta a fare il filmino delle vacanze, ma è senz’altro più che idonea a rendere coinvolgente la visione delle proprie imprese sportive sul televisore di casa.

Infine, facciamo un cenno al piccolo display LCD monocromatico. Invariato rispetto alla HERO2, dà accesso alle varie impostazioni della GoPro Hero 3 e, ovviamente, non è utilizzabile per la visione delle riprese. L’utilizzo dell’interfaccia, che invece è stata rinnovata e semplificata, si basa sulla combinazione del tasto di accensione/modalità, per spostarsi fra le opzioni, e il tasto di scatto, per la selezione. A dir il vero, non è ancora un’interfaccia particolarmente intuitiva e richiede una certa pratica prima di poterne prendere il pieno controllo.

Pronta per l’azione

Ideale per un’utenza amatoriale, la GoPro Hero 3 Silver Edition rappresenta un sicuro passo in avanti rispetto alla precedente versione, a partire dall’integrazione del modulo Wi-Fi, sebbene il passo più marcato sia evidente solo nella versione Black. La Silver Edition eredita molto dalla Hero 2 e per questo potrebbe non rappresentare il giusto aggiornamento per chi già la possiede.

Ad ogni modo, i miglioramenti ci sono e si vedono, a partire dall’aspetto più importante, ovvero l’obbiettivo in grado di rendere piena giustizia a qualsiasi impresa sportiva. Inoltre la riduzione del peso e delle dimensioni rappresenta un eccellente valore aggiunto in termini di praticità.

In quanto a convenienza, poiché mediana di tre sorelle, rappresenta un naturale compromesso fra qualità e prezzo. La concorrenza nell’ambito delle action camera c’è sebbene non sia agguerrita, data la nicchia in cui si trova, ma senz’altro la GoPro Hero 3 si colloca nella fascia alta, superata solo da modelli dalle specifiche tecniche maggiori come la stessa Black Edition. Il prezzo, poi, ci sembra pienamente giustificato. Per aggiornamenti su prezzi, novità e per acquistare tutti gli accessori, è possibile consultare il sito GoCamera.

Notizie su: ,