QR code per la pagina originale

Xiaomi Redmi Note 4: super economico

Il Redmi Note 4 è il nuovo smartphone di Xiaomi con telaio uniboy in metallo, display Full HD da 5,5 pollici e sistema operativo Android 6.0 Marshmallow.

Prezzo

€ 170

Giudizi
  • Caratteristiche8
  • Design7,5
  • Prestazioni7
  • Qualità prezzo7,8
Pro

Ottima autonomia, schermo di buona fattura, buone prestazioni, prezzo

Contro

Sistema operativo in inglese/cinese, molti bug, per veri smanettoni

Xiaomi Redmi Note 4 lo trovi anche su    Scopri gli sconti

Di , 21 novembre 2016

Design ed ergonomia

Il design dello Xiaomi Redmi Note 4 riprende quasi interamente la scocca di Redmi Pro: unibody in allumio con i bordi smussati. Sul retro, spiccano la fotocamera con doppio flash LED e il sensore di impronte.

Sul lato superiore, lo spazio è occupato dal jack da 3,5mm, porta a infrarossi e il secondo microfono. Posizionato in basso, dietro un’elegante griglia, lo speaker dalle buone prestazioni e il primo microfono sull’altro lato. Al centro invece il connettore micro-USB.

Il lato sinistro è abbastanza pulito con solo il carrello per la SIM/MicroSD – il Redmi Note 4 è Dual SIM – mentre al lato opposto sono presenti il tasto per accensione/spegnimento e il bilanciere del volume.

Nella parte frontale in alto, la capsula auricolare affianca la fotocamera e il sensore di luminosità e prossimità. In basso sono presenti i soli tasti a sfioramento per la gestione di Android.

Le dimensioni leggermente generose (151 x 76 x 8,4 mm) e il peso di (175 gr) insieme alla scocca liscia in alluminio non permettono un grip rassicurante durante l’utilizzo a una mano sola, pertanto è consigliato l’utilizzo di una cover protettiva, anche perché il retro risulta abbastanza sensibile ai graffi.

La confezione è minimale: il solo l’alimentatore da 5V/2A e il cavetto di ricarica.

Hardware e prestazioni

Dentro la scocca unibody batte un Mediatek MT6797M Helio X20 da 2.1 GHz con 2 GB di RAM a sostegno garantiscono una MIUI sempre fluida e priva di senza rallentamenti, mentre gestisce il reparto grafico la GPU Mali T-880. La memoria interna è da 16 GB che permettono di installare tutte le app quotidiane più qualche gioco, ovviamente salvando foto e video nella memoria esterna. La ricezione non è stata mai un problema durante i test, equiparabile a quella di smartphone di fascia più alta. Attenzione però con gli operatori H3G e Wind: Xiaomi Redmi Note 4 non supporta la banda da 800 Mhz quindi si potrebbero avere dei problemi di ricezione.

Il sensore di impronte è molto rapido nello sbloccare il telefono e anche il display si attiva quasi istantaneamente al tocco. Tuttavia, dopo lunga inattività, sembra che il sensore venga disabilitato perché anche dopo vari tentativi il dito non viene letto (tutto riprende comunque a funzionare normalmente una volta premuto il pulsante di accensione).

Lo schermo è un buon pannello IPS Full-HD da 5,5 pollici, dai colori molto naturali e dalla luminosità sempre bilanciata grazie al sensore dedicato che funziona molto bene.

Software

Nello Xiaomi Redmi Note 4 Android, come già anticipato, è personalizzato con la consueta MIUI 8.0.1. Al primo avvio il telefono si presenta in inglese e privo di PlayStore, come tutti gli smartphone di questo produttore cinese. Installare il PlayStore e la lingua italiana è abbastanza semplice però: online si possono trovare diverse guide che permettono di risolvere il problema in pochi minuti.

Parlando degli aspetti positivi, la reattività è buona e lo smartphone è sempre scattante e fluido senza impuntamenti. La GPU si comporta in maniera eccezionale persino con i titoli più pesanti e molto dettagliati.

Passando invece ai problemi, si segnala che le notifiche non compaiono in tempo reale, anche disattivando il risparmio energetico, anzi, quel che è peggio non arrivano fino a quando non si apre manualmente l’app dedicata. Inoltre avviene un continuo crash delle app scaricate dal PlayStore (compensa in parte la CPU talmente potente da riaprire l’app crashata in pochi istanti).

Avendo avuto problemi con il sistema operativo originale, si è provato a installare una ROM internazionale, ma come è già successo per altri dispositivi, non si riesce a effettuare questa operazione tramite programma dedicato.

Precisiamo che gli altri bug potrebbero appartenere solo all’unità utilizzata per la recensione.

Multimedia e autonomia

Il sensore montato è da 13 MP e, per quanto scatti delle belle foto, rimane sempre un certo alone pastoso quando si cercano i dettagli. Belli i time-lapse, invece, e in generale la qualità fotografica si allinea alla fascia di prezzo del Redmi Note 4, offrendo una buona resa dei colori ma un controllo dell’esposizione appena sufficiente, soprattutto in condizioni di scarsa luminosità.

I video sono appena sufficienti in quanto tendono a conservare parecchio rumore in fase di registrazione.

Per quanto riguarda la parte multimediale, si consiglia l’utilizzo di player alternativi dato che alcune informazioni sono in cinese se si utilizza l’app nativa. Tuttavia, lo speaker è molto potente e il suono è abbastanza pulito e non gracchiante. In definitiva, però, il reparto multimediale non è sicuramente il punto forte di questo smartphone.
Il punto forte è ben altro: la batteria da ben 4100 mAh rende il Redmi Note 4 un campione di autonomia. Con un utilizzo intenso si riesce sempre a coprire tutta la giornata e andare a dormire con un buon 20% di carica residua, anche nei casi di utilizzo intenso composto da un’ora di chiamata, 40-50 minuti di utilizzo dei social network, centinaia di messaggi con Whatsapp o Messenger e anche 20-30 minuti di navigazione stradale.

Conclusioni

Lo Xiaomi Redmi Note 4 ha davvero il potenziale per essere uno dei migliori phablet di questa fascia di prezzo, escludendo proprio il fratello Redmi Note 3. Il dispositivo è tuttavia penalizzato da piccoli bug che ne rovinano l’esperienza quotidiana.

Di contro la grande batteria permette anche di svagarsi durante le attese dei mezzi e pause della giornata senza preoccuparsi di doverlo ricaricare.

Resta pertanto un valido smartphone consigliato ai più appassionati, che riusciranno a risolvere con un po’ di tempo i bug per avere una resa molto superiore alla fascia di prezzo a cui è proposto (il prezzo attuale su Gearbest.com è di circa €170.

Notizie su: ,