Speciale Enjoy, car sharing a Roma e Milano

enjoy

Enjoy vuol dire car sharing

Eni ha lanciato Enjoy, il servizio di car sharing che copre le città di Roma e Milano. Centinaia di automobili (Fiat 500 e Fiat 500L) sempre accessibili: basta cercare quella più vicina tramite il sito ufficiale oppure attraverso l'applicazione mobile, per poi prenotarla e raggiungerla. Le tariffe strizzano l'occhio a tutti coloro i quali vogliono liberarsi delle spese necessarie per una vettura di proprietà e necessitano dell'auto per brevi e sporadici spostamenti. Inoltre, il parcheggio all'interno delle strisce blu e l'accesso all'area C sono completamente gratuiti. Una nuova filosofia, insomma, che mette in campo il proprio potenziale attraverso un progetto in partnership con Fiat, Trenitalia e CartaSi.

Di

Car sharing, tradotto letteralmente, significa “condivisione dell’automobile”. Di fatto è una nuova filosofia per intendere la mobilità su strada: una pratica sempre più diffusa anche nel nostro paese, che permette di eliminare le spese relative alla manutenzione di una vettura di proprietà (ad esempio il pagamento di bollo e polizza assicurativa), avendola comunque a disposizione quando necessario. Tra le realtà operanti in questo nuovo settore sul territorio italiano, c’è anche il nuovo enjoy di Eni. Ad oggi è quella con le maggiori prospettive, con i migliori accrediti e quella che più di ogni altra ha il potenziale per poter trasformare la chimera in realtà: ecco di cosa si tratta e come funziona il progetto enjoy, attivo dal dicembre 2013.

enjoy: dove?

enjoy è stato inaugurato a fine 2013 a Milano e dal mese di giugno 2014 è attivo anche nella città di Roma. A partire dal 2 luglio 2014 le auto del servizio sono disponibili per il periodo estivo anche a Rimini. Trovare una vettura è molto semplice: basta effettuare la ricerca sul sito ufficiale, oppure tramite l’applicazione per smartphone e tablet, disponibile su Android, iOS e Windows Phone. La prima cosa da fare è però creare un account: la registrazione è del tutto gratuita e consente l’accesso alla propria area riservata, dove gestire i dati personali e quelli relativi alla carta di credito necessaria per il pagamento.

È possibile conoscere in tempo reale la posizione di tutte le vetture messe a disposizione dal servizio di car sharing enjoy

È possibile conoscere in tempo reale la posizione di tutte le vetture messe a disposizione dal servizio di car sharing enjoy

Il servizio ha registrato immediatamente un alto numero di iscritti (26 mila in un solo mese di attività, con oltre 35 mila noleggi all’attivo) ed ENI non ha così tardato a confermare l’approdo di Enjoy in altre città in tempi brevi oltre all’ipotesi di esportare l’idea anche all’estero.

Quali e quante auto sono a disposizione?

Fiat 500 e Fiat 500L. Sono questi i due modelli messi a disposizione dal car sharing di enjoy. All’esordio il numero di vetture presenti sul territorio milanese è di circa 300, ma nel giro di un solo mese l’ammontare complessivo ha già raggiunto le 644 vetture. Queste le caratteristiche tecniche delle auto che si hanno a disposizione durante la fruizione del servizio:

Fiat 500 (1.2 CC 69 CV Pop 51 kw)

  • Colore esterno Rosso Passione;
  • colore interno Pop Grigio Scuro in ambiente Nero;
  • autoradio CD e lettore MP3 di serie;
  • porta USB
  • volante in pelle con comandi radio;
  • Blue&Me (il sistema che permette di comunicare e intrattenersi in auto in tutta sicurezza);
  • modalità di guida City;
  • climatizzatore manuale con filtro antipolline;
  • fendinebbia;
  • cerchi in lega da 15 pollici;
  • pneumatici all seasons;
  • Euro 5.

Fiat 500L (1.3 CC 85 CV Pop Star 62 kw)

  • Colore esterno Rosso Passione;
  • colore interno Tessuto Star Nero / Grigio con fascia plancia rossa;
  • radio CD con lettore MP3, schermo touchscreen da 5 pollici Uconnect con Bluetooth audio streaming;
  • porta USB;
  • volante in pelle con comandi radio Uconnect;
  • pomello cambio in pelle;
  • specchietti esterni elettrici;
  • fendinebbia;
  • sensori di parcheggio posteriori;
  • cerchi in lega;
  • pneumatici all seasons;
  • Euro 5.

Quanto costa enjoy?

Le tariffe del servizio enjoy prevedono un pagamento se ed esclusivamente quando si utilizza l’automobile. Guidando una vettura per una distanza massima di 50 Km viene applicato un prezzo pari a 0,25 euro per ogni minuto (il conteggio inizia un minuto dopo lo sblocco delle portiere), ai quali si aggiungono 0,10 euro per ogni minuto di sosta. Viaggiando oltre i 50 Km la spesa aumenta invece di 0,25 euro per ogni chilometro percorso. Un esempio per capire meglio in che modo viene quantificata la spesa: spostarsi per una mezz’ora, senza mai fermarsi, costa 7,50 euro.

Le tariffe di enjoy, servizio di car sharing attivo a Milano

Le tariffe di enjoy, servizio di car sharing attivo a Milano

Va inoltre segnalato che il parcheggio all’interno delle strisce blu e l’accesso all’area C sono totalmente gratuiti, mentre non è consentito transitare nelle ZTL a traffico regolamentato e nelle corsie preferenziali. Chi desidera spostarsi in città senza fretta, ad esempio per un’intera giornata di shopping, può invece optare per l’opzione “Tetto massimo giornaliero”: 60 euro per 24 ore di noleggio dell’automobile, esclusa la tariffazione a chilometro qualora venissero percorsi oltre 50 Km.

Come funziona?

Quando si ha bisogno di trovare una vettura del parco macchine messo a disposizione da enjoy le possibilità sono diverse: utilizzare l’applicazione Android, iOS o Windows Phone (il funzionamento è spiegato nel dettaglio di seguito), controllare il sito ufficiale oppure chiamare il servizio clienti al numero 800-900700. L’unico requisito necessario per poter utilizzare un’auto è il PIN, assegnato al momento dell’iscrizione. Tra le opzioni offerte c’è anche quella per prenotare una vettura. In tal caso, l’utente ha a disposizione un tempo massimo di 30 minuti per raggiungerla, dopodiché verrà nuovamente contrassegnata come disponibile e pronta per essere utilizzata da chiunque.

La scheda di una delle automobili messe a disposizione dal servizio di car sharing enjoy di Eni, con informazioni dettagliate sulla posizione, sul livello del serbatoio e le istruzioni per raggiungerla o prenotarla

La scheda di una delle automobili messe a disposizione dal servizio di car sharing enjoy di Eni, con informazioni dettagliate sulla posizione, sul livello del serbatoio e le istruzioni per raggiungerla o prenotarla

Una volta arrivati sul luogo in cui è parcheggiata l’auto, per sbloccare le portiere è sufficiente premere l’apposito tasto nell’applicazione dedicata, inviare un messaggio SMS con il codice identificativo (visibile sul parabrezza) oppure contattare il servizio clienti. Il PIN è la “chiave” necessaria per sbloccare la vettura e potervi accedere.

A bordo è presente un navigatore satellitare per raggiungere in modo semplice e veloce la propria destinazione seguendo le indicazioni stradali, oltre agli strumenti necessari per comunicare se l’auto sia stata trovata in perfette condizioni o necessiti di assistenza. Nel secondo caso, il team di enjoy interverrà prontamente per verificare la situazione e risolvere eventuali problematiche. Un minuto dopo lo sblocco prende il via il conteggio dei minuti di utilizzo. Al termine del proprio viaggio bisogna lasciare la vettura in una delle zone coperte dal servizio e, prima di allontanarsi, verificare che la spia luminosa presente sul parabrezza diventi nuovamente gialla: questo indica ufficialmente il termine del noleggio.

Come funzionano le applicazioni?

enjoy mette a disposizione per il download gratuito l’applicazione ufficiale sui dispositivi Android, iOS e Windows Phone, rispettivamente attraverso i marketplace Google Play, App Store e Windows Phone Store. Il software rende accessibili attraverso lo smartphone tutte le funzionalità presenti sul sito ufficiale, a partire da una mappa della città in cui è possibile cercare e trovare l’auto più vicina alla propria posizione. Per questo motivo, durante l’utilizzo è consigliato attivare il modulo GPS, così che l’app possa conoscere le coordinate esatte dell’utente.

Sono poi presenti sezioni con dettagli su funzionamento del servizio e tariffe, mostrate in modo semplice anche per chi non ha familiarità con i servizi di car sharing, oltre alla scheda Domande frequenti in cui vengono fornite le risposte a tutti i quesiti che possono sorgere al primo utilizzo, ad esempio “Come accendo l’auto?”, “Dove trovo le chiavi?” oppure “Cosa devo fare se trovo l’auto danneggiata o sporca?”. Di seguito una galleria contenente alcuni screenshot tratti dalla versione Android.

Dove fare rifornimento?

Guidando una vettura enjoy, il “caro benzina” non è un problema. Quando il livello del serbatoio inizia a diminuire, basta fermarsi in una stazione di servizio Eni: gli addetti provvederanno a riempirlo senza alcuna spesa per l’utente. Prima di prenotare e noleggiare un’auto è comunque possibile conoscere il livello del serbatoio, attraverso l’applicazione mobile oppure sul sito ufficiale: gli addetti Eni operano anche su questo parametro, cercando di mantenere un buon livello di carburante nei serbatoi ed evitare così l’onere ai conducenti.

Come registrarsi?

La registrazione a enjoy è del tutto gratuita e non vincola l’utente all’utilizzo del servizio, ma gli consente l’accesso ad un’area privata. Per effettuarla è possibile affidarsi all’apposita sezione del sito ufficiale, oppure seguire le istruzioni mostrate dall’app. Prima di iniziare, è bene assicurarsi di avere con sé la propria patente di guida, il codice fiscale e i dati della carta di credito (Visa, Mastercard e Maestro). Quest’ultima verrà impiegata solo nel caso in cui si sceglierà di noleggiare una vettura, con un addebito calcolato in base alle tariffe descritte poc’anzi.

La registrazione è istantanea. La si può potenzialmente fare in pochissimi minuti, anche in concomitanza con il primo utilizzo dell’app e del servizio. Così facendo si abbatte ogni barriera di accesso al parco auto enjoy, facilitando l’approccio al car sharing sia per motivi di utilità, sia per semplice curiosità, sia per chi intende sperimentarne le qualità nella prospettiva di una futura adozione.

L’assicurazione è inclusa?

Sì, il costo relativo all’assicurazione è incluso nelle tariffe del servizio. Come si legge sul sito ufficiale, i veicoli messi a disposizione da enjoy hanno una copertura assicurativa R.C.A. (25 milioni di euro), furto, incendio e kasko senza franchigia a carico del cliente. Il gestore fornisce inoltre le coperture PAI (Personal Accident Insurance da 155.000 euro) e RSM (Rimborso Spese Mediche da 10.000 euro). Il costo per il conducente è dunque netto e trasparente: si pagano i minuti di utilizzo dell’auto e nulla più: niente bollo, niente benzina, niente assicurazione. Il che, conti alla mano, è cosa del tutto vantaggiosa per la maggior parte delle persone che si spostano sul circuito stradale cittadino di Milano (ed altre città quali Torino o Roma, alle quali Enjoy starebbe già guardando per una futura espansione).

Ci sono limitazioni?

I termini di servizio accettati dall’utente al momento della registrazione prevedono alcune limitazioni, da rispettare durante l’utilizzo delle vetture messe a disposizione da enjoy. Tra queste si segnala il divieto di trasportare animali di qualsiasi tipo e l’obbligo di non fumare all’interno dell’abitacolo (in caso contrario verranno addebitate le spese necessarie per la pulizia interna). Per quanto riguarda i seggiolini, non vengono forniti direttamente dal gestore, ma possono essere utilizzati quelli di proprietà, facendo attenzione di installarli sul sedile posteriore e non su quello anteriore.

Inoltre, l’auto può essere guidata solo ed esclusivamente dalla persona che l’ha prenotata e il numero di passeggeri massimo è pari a tre nel caso della Fiat 500 oppure quattro se si sceglie il modello Fiat 500L. Non è consentito portare la vettura oltre i confini nazionali.

I partner di enjoy

enjoy è un servizio pensato, voluto e sviluppato da Eni. Tuttavia in questa avventura il gruppo ha trovato lungo il percorso le partnership di Trenitalia, Fiat e CartaSi. Ogni partner ha contribuito a modo proprio: con CartaSi ci sono accordi specifici sui pagamenti; con Trenitalia vi sono accordi ad hoc per integrare e migliorare il rapporto tra rete ferroviaria e rete stradale, rendendo così il car sharing una nuova potenziale estensione della rete Frecciarossa; Fiat è il motore del parco auto, improntato sull’iconica presenza delle 500 rosse tra le vie della città.

È conveniente?

Spetta all’utente rispondere a questa domanda. Come ben sa chi vive in una grande città, soprattutto se in posizione centrale, possedere una vettura può talvolta rappresentare un problema: trovare un parcheggio, prestare attenzione ai tanti divieti, pagare periodicamente bollo o assicurazione ed evitare di accedere alle zone a traffico limitato possono trasformare anche un breve viaggio in un’esperienza capace di mettere a dura prova anche il più tranquillo degli automobilisti. Il car sharing non è la soluzione a tutti questi problemi, ma di certo solleva l’utente da alcuni obblighi e preoccupazioni, come quella di cercare la stazione di servizio più conveniente per fare rifornimento o mettere mano al portafogli quando si sosta nelle aree a pagamento.

È dunque bene valutare quando si avrà bisogno dell’auto, per quale tipo di spostamento e per quanto tempo. Tenendo in considerazione questi tre fattori è possibile capire se conviene usufruire di un servizio come quello fornito da enjoy o affidarsi ai mezzi di trasporto pubblici.

L’analisi dei costi è l’elemento primario di ogni riflessione in tal senso: il costo del “noleggio” è infatti sicuramente minore del costo di “possesso” di un’auto. La quantità di auto disponibili e la loro reperibilità sono gli elementi cardine della comodità di accesso al servizio, il che potrebbe consigliare a molti l’opportunità di adottare una nuova filosofia di spostamento sul territorio, scegliendo il car sharing invece degli oneri di acquisto di un’auto e di una autorimessa.

I vantaggi, oltre che personali, sono anche ad un livello superiore: la presenza di un parco auto condiviso andrebbe a diminuire il flusso di auto tra le strade, riducendo il traffico e mettendo a disposizione di cittadini e pendolari una nuova opportunità. La presenza del sindaco Pisapia all’inaugurazione meneghina del servizio è emblematica proprio in tal senso: su enjoy non scommette soltanto Eni ed i suoi partner, ma ci scommettono anche le città di Milano e Roma, le prime coinvolte.