Speciale iPad 2: in primo piano

iPad 2

iPad 2: uscita in Italia, prezzo e caratteristiche

iPad 2 è arrivato nei negozi l'11 marzo negli Stati Uniti e il 25 marzo in Italia. Apple tenta di mantenere il suo predominio sul segmento dei tablet con un dispositivo che è più leggero e più potente del precedente. L'iPad 2 ha anche qualche funzionalità in più (le video/fotocamere) e qualche nuovo accessorio stile Apple. Lo abbiamo provato e lo abbiamo giudicato.

Di

Quali sono le caratteristiche dell’iPad 2?

iPad 2 è un’evoluzione della prima versione. Più o meno costante la forma, ma il profilo è stato smagrito ed il peso complessivo è stato diminuito. A parità di schermo, migliorano molto le performance grazie ad un processore dual core e a maggiore memoria. Su iPad 2 il sistema operativo include in via predefinita software come Facetime e Photo Booth.
Approfondisci

Cosa è cambiato rispetto al primo iPad?

Rispetto alla prima versione, l’iPad 2 si dimostra più leggero e resistente in virtù di una differente struttura interna ed una diversa scocca esterna. Migliorate inoltre le prestazioni, mentre a livello hardware si segnala la presenza di due videocamere (una frontale per le videochiamate ed una posteriore per riprese foto e video), anche se la loro qualità è mediocre. Cambia il design, migliore la maneggevolezza. Immutate le dimensioni dello schermo.
Approfondisci

Quando sarà disponibile in Italia?

L’iPad 2 è disponibile in Italia a partire dal 25 marzo. L’acquisto sarà possibile sia tramite l’Apple Store online, sia negli Apple Store sul territorio italiano e nei rivenditori Apple autorizzati. iPad 2 viene venduto anche in alcune catene di negozi d’informatica come Mediaworld o Unieuro.
Approfondisci

Quanto costa l’iPad 2?

L’iPad 2, in Italia, costa meno dell’iPad 1 al momento della sua uscita (almeno la versione solo WiFi). Il prezzo va dai 480 euro agli 800 euro. Questi i prezzi per la versione solo WiFi: €479 (16GB di memoria), €579 (32GB), € 679 (64GB). Questi i prezzi per la versione WiFi+3G: €599 (16GB), €699 (32GB), €799 (64GB). Mantenendo quasi immutati i prezzi rispetto alla versione precedente, Apple continua ad avere un importante vantaggio concorrenziale rispetto ai diretti rivali. Il motorola Xoom, ad esempio, costa oltre 100 dollari in più.
Approfondisci

Cosa posso fare con l’iPad 2?

L’iPad 2 mette a disposizione, rispetto al primo iPad, maggiori performance e la possibilità di fruire delle fotocamere per videochat o esperienze di realtà aumentata. L’aggiornamento a iOS 4.3 porta sul tablet nuove applicazioni non disponibili per iPad 1, come iMovie per modificare video e Garageband per creare musica. Il nuovo sistema grafico permette di installare giochi di grande qualità. Il tablet è comunque un elemento a sé rispetto ai netbook o ai laptop, il che rende il device un oggetto tutto da scoprire per coloro i quali ancora non hanno posato i polpastrelli sulla superficie touchscreen di una tavoletta in stile iPad.
Approfondisci

Come posso proteggere l’iPad 2?

Apple ha annunciato la disponibilità di una cover intelligente in grado di proteggere lo schermo del tablet grazie ad una apposita imbottitura e ad una serie di magneti che tengono la protezione attaccata al profilo del device. La cover si può usare anche come supporto per la visione di contenuti o per la scrittura, mentre la speciale disposizione dei magneti consente di attivare o disattivare automaticamente l’iPad semplicemente posizionando o rimuovendo la cover stessa. Nelle nostre prove tuttavia la cover (che costa 39 o 69 euro) non si è dimostrata particolarmente efficace nel proteggere il dispositivo.
Approfondisci

Quali sono le alternative all’iPad 2?

Tra i principali rivali dell’iPad 2 si annoverano il Motorola Xoom, il BlackBerry Playbook ed il Samsung Galaxy Tab. Molti altri tablet stanno per giungere sul mercato ed ognuno di essi ha potenzialità e difetti peculiari che ne differenziano l’offerta rispetto al prototipo di Cupertino. Ad oggi la gran parte dei tablet venduti al mondo è comunque un iPad, il che rende il leader del settore uno standard a cui confrontare l’intera concorrenza.
Approfondisci