Speciale iPhone X

iPhone X

iPhone X: oltre lo smartphone

iPhone X è lo smartphone di Apple pensato per i dieci anni della linea, presentato il 12 settembre 2017 nel corso del primo evento allo Steve Jobs Theater di Apple Park. Il device presenta uno schermo OLED da 5.8 pollici, completamente edge-to-edge, dai bordi arrotondati. La scocca, invece, è in acciaio e vetro: quest'ultimo materiale è ideale anche per il nuovo sistema di ricarica wireless.

A caratterizzare iPhone X, oltre all'assenza di pulsanti frontali, è il nuovo sistema Face ID: grazie all'azione di tre sensori, il device realizza una mappatura del volto dell'utente su oltre 10.000 punti di scansione, in grado di adattarsi nel tempo grazie alle tecnologie di machine learning. Il sistema è inoltre sicuro: non è possibile sbloccare il device con fotografie, ritratti e video dell'utente. iPhone X sarà in vendita dal 3 novembre a partire da 1189 euro.

Di

Annunciato il 12 settembre del 2017, durante il primo evento Apple presso lo Steve Jobs Theater di Apple Park, iPhone X è lo smartphone voluto da Cupertino per festeggiare i dieci anni della linea. Completamente rinnovato nel design e nelle funzioni, il dispositivo rappresenta il futuro dei device mobile targati mela morsicata, così come Tim Cook ha voluto specificare sul palco dell’evento.

Con un nuovo schermo OLED da 5.8 pollici, e un innovativo sistema di identificazione dell’utente, iPhone X saluta definitivamente alcuni strumenti del passato di Apple, come il classico tasto Home. Di seguito, tutte le caratteristiche.

iPhone X: disponibilità e prezzo ()

iPhone X

iPhone X (immagine: Apple).

Apple non ha previsto un rilascio immediato di iPhone X, a poche settimane dall’evento di presentazione. Lo smartphone, in tutte le sue configurazioni, potrà essere acquistato nei negozi fisici, su Apple Store o tramite gli operatori a partire dal 3 novembre 2017. Una fase di preordine, invece, sarà avviata dal 23 ottobre.

Il device sarà disponibile in due configurazioni storage, da 64 e 256 GB, rispettivamente proposte a 1.189 e 1.359 euro. I prezzi comprendono l’IVA e gli eventuali oneri di legge. Come di consuetudine, lo smartphone potrà essere associato anche a varie offerte fra gli operatori telefonici, sia in acquisto che in comodato d’uso, al momento non ancora rese note.

Per la prima volta un modello supera stabilmente la soglia dei 1000 euro: una scelta precisa e significativa, che mette ancor più in risalto la distanza tra gli smartphone ed i telefoni. Il prezzo ormai è quello di un laptop di media caratura, le potenzialità sono quelle di decine di strumenti messi assieme ed il valore intrinseco è dettato più dalla capacità di farne uso che non dal costo delle singole componenti messe assieme. Si apre una nuova era e l’iPhone X se ne fa anteprima e capofila.

Design ()

iPhone X, design

iPhone X, design (immagine: Apple).

Sul fronte del design, iPhone X rappresenta una piccola rivoluzione nella progettazione di Cupertino, quella che ha sostanzialmente caratterizzato gli iPhone negli ultimi 10 anni. Lo smartphone, oltre a mostrare degli elementi inediti, prende tuttavia anche ispirazione dal passato: l’impiego dell’acciaio, nonché le forme arrotondate, possono essere considerate un omaggio al primissimo iPhone del 2007.

Lo smartphone si caratterizza per un display OLED da 5.8 pollici, completamente edge-to-edge, quindi in grado di coprire l’intera superficie frontale del dispositivo. Lo schermo, dagli angoli arrotondati, presenta una piccola barra superiore, dove vengono ospitate le ottiche e le tecnologie per la ripresa TrueDepth e per il riconoscimento Face ID. Come facile intuire, la superficie non presenta un classico tasto Home, le cui funzioni sono state sostituite da comode gesture touchscreen.

La scocca, le cui dimensioni sono di poco maggiori a un classico iPhone 7, si caratterizza per uno scheletro laterale in acciaio inossidabile, completato sul retro da resistente vetro. Il pannello frontale, invece, si avvicina ai lati del device con un lieve effetto arrotondato, sebbene il display non sia curvo. I tasti laterali, sia quelli per il volume che per l’accensione, sono stati invece allungati: una scelta non solo indicata per agevolarne l’utilizzo con una mano sola, ma anche per rendere più agevoli le funzioni associate, come il veloce richiamo di Siri. iPhone X sarà disponibile in due sole colorazioni: argento e grigio siderale. iPhone X è infine resistente all’acqua e alla polvere.

Hardware ()

iPhone X, hardware

iPhone X, hardware (immagine: Apple).

Apple, per il lancio del suo nuovo iPhone X, non ha pensato unicamente a rivoluzioni di tipo estetico, ma anche e soprattutto sul fronte dell’hardware. Di seguito, le più rappresentative.

Display

iPhone X, così come già accennato, presenta un nuovo display da 5.8 pollici. Realizzato tramite un pannello OLED ad alta risoluzione, da 2.436×1.125 pixel e una densità di 458 ppi, lo schermo presenta degli angoli arrotondati, capaci di integrarsi con la superficie frontale in modalità praticamente edge-to-edge. Date queste nuove caratteristiche, il display è stato ribattezzato Super Retina. Apple ha scelto la tecnologia OLED con qualche tempo di ritardo rispetto ai competitor, poiché ha preferito migliorarne prima le performance: il contrasto è infatti pari a 1.000.000:1, mentre i colori e la luminosità sono fedelissimi, grazie alla compatibilità con la specifica TrueTone. Non è però tutto, poiché il pannello permette la riproduzione di contenuti in 4K nonché risulta compatibile con lo standard HDR10. Ancora, lo schermo riconosce automaticamente lo spazio colore utilizzato, sia P3 o sRGB, e vi si adatta automaticamente.

Face ID

Face ID

Face ID (immagine: Apple).

iPhone X incorpora, nella piccola barra superiore, una lunga serie di sensori sia per garantire selfie sempre perfetti che per tutte le funzioni di identificazione dell’utente. Apple ha infatti lanciato Face ID, il sistema di riconoscimento in tre dimensioni del volto dell’utente, sostitutivo del precedente Touch ID. Face ID lavora abbinando la potenza di tre strumenti principali: una fotocamera a infrarossi, un illuminatore flood e un proiettore di punti. La tecnologia permette di analizzare, e memorizzare in modo sicuro, oltre 30.000 punti del volto dell’utente, sulle tre dimensioni, per generare una mappa accurata della geometria del viso. Oltre a funzionare anche al buio, Face ID si avvale di sistemi di machine learning, per adattarsi ai cambiamenti del viso dell’utilizzatore: cambio della pettinatura, crescita della barba, presenza di occhiali e molto altro ancora. L’identificazione dell’utente è stata elaborata affinché sia sicura: Face ID non può essere ingannato utilizzando una fotografia o un video con protagonista il proprietario, mentre dal palco del keynote Apple ha comunicato come, a seguito di lunghi ed estensivi test, la probabilità vi sia un accesso illecito è pari a 1 su un miliardo. Tanto che il gruppo ha deciso di attivarla anche per i pagamenti Apple Pay, il tutto per un riconoscimento che avviene in meno di un secondo.

Non solo identificazione e sicurezza, ma anche divertimento: la tecnologia alla base di Face ID può essere sfruttata anche per le divertenti Animoji: delle emoji che, tramite un sistema di tracking del volto, assumono le espressioni e i movimenti del proprietario.

Fotocamere

iPhone X, fotocamere

iPhone X, fotocamere (immagine: Apple).

Oltre ai sensori FaceID, la barra ospita anche la nuova fotocamera frontale TrueDepth: da 7 megapixel, prevede la possibilità di scattare selfie in modalità ritratto, in modo simile alla doppia ottica posteriore. Più sensibile alla luce e dalla maggiore compliance del colore, garantisce anche la possibilità di regolare l’illuminazione del viso con effetti da studio di posa. Sul retro, iPhone X presenta una doppia fotocamera, con due sensori da 12 megapixel suddivisi tra un grandangolo e un teleobiettivo. Grazie a un CMOS più grande, iPhone X garantisce delle immagini più dettagliate e più sensibili in condizioni di scarsa illuminazione, il tutto grazie anche ad aperture rispettivamente da ƒ/1.8 e ƒ/2.4 per grandangolo e tele. La loro azione combinata, oltre alla possibilità di approfittare di uno zoom ottico, permette di ricorrere agli effetti ritratto e bokeh già visti in iPhone 7, oggi migliorati. Per la registrazione dei video, invece, giunge il supporto alla doppia stabilizzazione ottica, nonché all’inclusione di un sistema di encoding a livello hardware, per una qualità visiva in 4K più nitida rispetto alle precedenti generazioni.

Ricarica Wireless

iPhone X, ricarica wireless

iPhone X, ricarica wireless (immagine: Apple).

Grazie alla scocca posteriore in vetro, iPhone X approfitta finalmente di un sistema di ricarica a induzione, basato sullo standard Qi. Lo smartphone risulta compatibile con gli accessori a induzione basati su questo standard, ma Apple fornirà in vendita separata anche il suo AirPower, un tappetino in grado di ricaricare contemporaneamente iPhone X, Apple Watch Series 3 e le cuffie AirPods.

Sul fronte della batteria, l’autonomia stimata è di 2 ore in più rispetto al precedente iPhone 7.

Processore e connettività

A11 Bionic

A11 Bionic (immagine: Apple).

iPhone X vede l’inclusione del nuovo processore A11 Bionic, un chip su base ARM da 64 bit, con configurazione quad-core ad alta efficienza. Capace di assicurare 600 miliardi di operazioni di calcolo al secondo, il processore garantisce prestazioni di elaborazione del 70% più elevate rispetto all’A10 di iPhone 7, mentre la GPU a tre core, la prima progettata in-house da Cupertino, prestazioni grafiche del 25% più elevate. Il tutto, per una maggiore efficienza energetica.

iPhone X comprende connettività WiFi e Bluetooth, quest’ultimo aggiornato alle specifiche 5.0, nonché la compatibilità con i network LTE a livello mondiale. Tra i vari sensori si elencano i classici GPS e Glonass, giroscopio, accelerometro, barometro e molti altri ancora, mentre la connessione alla rete elettrica o al computer avviene tramite cavo Lightning.

Software ()

iOS 11

iOS 11 (immagine: Apple).

iPhone X verrà lanciato con iOS 11 precaricato, il nuovo sistema operativo di Cupertino, disponibile per il grande pubblico dal 19 settembre. Tra le varie novità, oltre a una gestione ottimizzata dei propri documenti, un Centro di Controllo riprogettato e più agevole, nuove codifiche per immagini e video così da risparmiare spazio su disco, nonché una natura votata alla realtà aumentata: grazie ad ARKit, saranno moltissime le applicazioni utili su App Store, dall’arredamento alla misura delle superfici, dai giochi agli strumenti per la salute.

Notizie su: , ,