Speciale Samsung Galaxy S9: senza cornici, più potente

samsung-galaxy-s9

Samsung Galaxy S9: senza cornici, più potente

Samsung Galaxy S9 è forse lo smartphone Android più atteso del 2018, merito delle innovazioni introdotte dai predecessori e della combo design-funzionalità che caratterizza da sempre tale gamma. L'annuncio dovrebbe pervenire in anticipo, forse già a febbraio o durante il mese di marzo. L'uscita nei negozi dovrebbe arrivare entro un mese dal reveal.

Fonti rivelano un Galaxy S9 caratterizzato da un design di grande appeal, con cornici ulteriormente ridotte e schermo Super AMOLED da 5,8 pollici dai bordi arrotondati. Processore Qualcomm Snapdragon 845 con chip IA dedicato, 4 GB di RAM, 64 GB di storage e fotocamere rinnovate con innovazioni sulla registrazione video dovrebbero costituirne parte delle specifiche top.

Di

Il Samsung Galaxy S9 si sta avvicinando alla presentazione ufficiale con aspettative ancora una volta altissime: il nuovo smartphone della casa sudcoreana porrà infatti le basi per il resto dei telefoni con cuore Android rilasciati nel 2018 e tenterà di superare il principale rivale, iPhone X di Apple, che sin dal debutto ha catturato l’attenzione della quasi totalità dei consumatori alla ricerca di un device con caratteristiche top. Come a ogni generazione di iPhone, qualsiasi funzionalità Samsung deciderà di introdurre nel proprio dispositivo top-di-gamma si ripercuoterà probabilmente su tutto il settore della telefonia mobile, specialmente nel segmento dei terminali basati sul sistema operativo Google.

È per tale motivo che i riflettori sono ancora una volta puntati sul Galaxy S9: nonostante manchino diverse settimane al reveal, sono disponibili molte informazioni sulle caratteristiche e funzionalità di cui sarà dotato grazie a un flusso di leak e rumor già costante. Maggiori dettagli trapeleranno con l’avvicinarsi dell’annuncio pubblico ma intanto ecco cosa ci si può attendere su data di lancio, specifiche tecniche e prezzo dell’ormai imminente dispositivo che, si pensa, potrebbe costare di più rispetto all’attuale Galaxy S8 per via degli elementi hardware avanzati di cui sarebbe provvisto.

Uscita ()

Il Galaxy S9 sarà presentato prima del previsto insieme al Galaxy S9+ (Plus), ovvero già a febbraio durante il Mobile World Congress 2018 di Barcellona. Mentre infatti si vociferava che l’annuncio potesse arrivare già a gennaio in occasione del CES 2018 di Las Vegas, il presidente di Samsung Mobile ha approfittato del Consumer Electronics Show per confermare che il reveal avverrà durante la fiera di Barcellona, durante la quale sarà anche resa nota la disponibilità nei negozi. A ogni modo, come da tradizione l’uscita del Samsung Galaxy S9 e la conseguente disponibilità dovrebbe avvenire un mese dopo l’annuncio, ovvero a marzo.

Prezzo ()

Al lancio in Italia, il Galaxy S8 costava 829 euro pertanto la base di partenza del Samsung Galaxy S9 non sarà mai più bassa, anzi si vocifera che il prezzo potrebbe aumentare qualora l’azienda produttrice decida di includere componenti hardware di maggior valore per meglio competere contro il rivale Apple. Anzi, con il Galaxy Note 8 e iPhone X che dimostrano chiaramente come le persone siano disposte a spendere di più per ottenere un valore aggiunto, non ci si sorprenderebbe se l’S9 costasse più del predecessore. Ci si aspetta inoltre che la variante Plus avrà un prezzo di circa 1000 dollari/euro al lancio.

Design ()

L’estetica del Galaxy S8 ha stupito pubblico e critica grazie al form factor a 18:9 e alla cornice sottilissima che lo ha caratterizzato; il design del Samsung Galaxy S9 non dovrebbe discostarsi troppo da quella formula, ritenuta vincente e anche capace di aver spinto le vendite del predecessore. Nello specifico le indiscrezioni anticipano un nuovo smartphone con cornici ulteriormente ridotte, così come lo spessore, ma caratterizzato da una scocca posteriore differente: in particolare, la posizione del lettore di impronte digitali dovrebbe variare, con Samsung che pare preveda di spostarlo sotto la fotocamera sul retro, e non accanto come fatto con il modello S8.

Per quanto concerne le dimensioni, si crede che il Samsung Galaxy S9 disporrà di uno schermo da 5,8 pollici mentre la variante più grande, il Galaxy S9+, avrà un display da 6,2 pollici. Pare dunque che in tal senso nulla varierà rispetto ai precedessori, anche se le misure dei dispositivi potrebbero essere più contenute per via della volontà, si dice, da parte di Samsung di ridurre ulteriormente le cornici. I bordi curvi che hanno caratterizzato i modelli S8 e S8+ dovrebbero essere mantenuti anche nella nuova generazione di smartphone.

Samsung Galaxy S9: scheda tecnica ()

La scheda tecnica del Samsung Galaxy S9 (modello SM-G960) trapelata in rete è provvisoria ma fornisce una panoramica delle specifiche che è possibile attendersi, anche per la variante Galaxy S9+ Plus (modello SM-G965):

  • Schermo: 5,8 e 6,2 pollici QHD+ Super AMOLED con rapporto 18:9
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 845 (versione USA) ed Exynos 9810 (versione Europa)
  • RAM: 4 / 6 GB
  • Memoria interna: a partire da 64 GB espandibile via microSD
  • Fotocamera posteriore: forse da 12 megapixel, singola e dual camera
  • Fotocamera frontale: forse da 8 megapixel
  • Connettività: dual SIM, LTE, Wi-Fi dual-band, Bluetooth 5.0, GPS, NFC, USB Type-C 2.0
  • Dimensioni: 147,6 x 68,7 x 8,4 mm per Samsung S9
  • Batteria: 3.200 / 3.700 mAh
  • OS: Android 8.0 Oreo con Samsung Experience

Caratteristiche e prestazioni ()

Sempre in tema di display, è stato riferito che Samsung sarebbe al lavoro per migliorare ulteriormente la propria tecnologia Super AMOLED: non è ancora chiara la natura di tali migliorie ma potrebbero riguardare una luminosità e una accuratezza dei colori ancora maggiore rispetto a quanto visto in passato.

È semplice ipotizzare che il Samsung Galaxy S9 disporrà delle migliori specifiche tecniche possibili e parte della scheda tecnica già trapelata sul Web ne dà conferma. Vi sono ottime probabilità che lo smartphone sfoggerà il nuovissimo processore Qualcomm Snapdragon 845, successore dello Snapdragon 835 che ha alimentato ogni telefono Android di fascia alta nel 2017 e che, come reso noto di recente, offrirà una serie di miglioramenti tra cui un 30% in più di prestazioni grafiche, fino al 30% in più di efficienza energetica, funzionalità wireless avanzate e una maggiore sicurezza. Oltre a tali migliorie, il nuovo SoC di Qualcomm include un chip dedicato all’intelligenza artificiale, il che potrebbe dare una spinta all’assistente virtuale di Samsung (Bixby). Il chipset montato invece nelle versioni internazionali del terminale potrebbe essere l’Exynos 9 Series 9810 di terza generazione, rivelato ufficialmente lo scorso novembre.

Il SoC del Galaxy S9 dovrebbe essere supportato da un quantitativo di RAM pari a 4 GB mentre per il Samsung Galaxy S9+ si vocifera di ben 6 GB a bordo, quantitativo oggi necessario negli smartphone con cuore Android se si desidera un prodotto veloce ed efficiente, che non subisca alcun tipo di rallentamento. Diversi report confermano poi che vi sarà uno storage da 64 GB, ulteriormente estendibile tramite schede di memoria microSD, un jack per le cuffie e una batteria da 3200 mAh, dunque con una capacità maggiore rispetto a quella da 3000 mAh montata nel Galaxy S8.

Tra le altre caratteristiche del Samsung Galaxy S9 non dovrebbero inoltre mancare il supporto alla ricarica wireless (senza fili), la resistenza all’acqua e alla polvere e un lettore per le impronte digitali insieme a tutti gli altri sensori visti nel modello di attuale generazione. Si crede che il nuovo dispositivo non conterà però di uno scanner per il riconoscimento facciale così avanzato come quello di cui è provvisto iPhone X (Face ID), anche se il sensore dedicato dovrebbe disporre di 3 megapixel invece dei 2 megapixel visti nel modello attualmente il commercio, upgrade che dovrebbe permettere al device di riconoscere meglio l’iride degli utenti anche quando indossano occhiali, muovono gli occhi oppure si trovano in un ambiente molto buio. Anche il software biometrico dovrebbe ricevere alcune migliorie.

Il sistema operativo al lancio dovrebbe essere Android 8.0 Oreo, come sempre personalizzato attraverso l’interfaccia utente realizzata internamente da Samsung.

Fotocamere ()

Il Galaxy Note 8 monta il primo sistema dual camera di Samsung ed è logico ipotizzare che anche il Samsung Galaxy S9 disporrà di una soluzione simile per la fotocamera principale, forse con sensore da 12 megapixel. Eppure, indiscrezioni provenienti da più parti suggeriscono che lo smartphone monterà una singola fotocamera posteriore mentre il Galaxy S9+ potrebbe avere una doppia fotocamera – proprio come fatto dal competitor Apple per differenziare i più recenti modelli di iPhone – dotata di sensori di immagine a 3 strati in grado di catturare oltre 1000 fotogrammi al secondo. Inoltre, pare che le fotocamere di entrambe i modelli avranno un obiettivo con apertura focale f/1.5, più ampia di quella del Galaxy Note 8 /f/1.7) e dell’LG V30 (f/1.6), caratteristica che aiuterebbe a catturare fotografie migliori anche in situazioni di scarsa luminosità.

Video

La presenza del processore Qualcomm Snapdragon 845 darà al Samsung Galaxy S9 un grande vantaggio sul fronte dei filmati rispetto agli altri dispositivi concorrenti: infatti, oltre a rendere possibile la registrazione di video in 4K Ultra HD, Qualcomm ha spiegato che il nuovo chip consentirà di produrre fotografie e filmati più luminosi, con rumore ridotto. Inoltre, sarà possibile incorporare piccoli video all’interno di immagini statiche.

Conclusioni ()

I numerosi leak rilasciati in rete forniscono una prima e sufficientemente chiara idea di come sarà il Samsung Galaxy S9, uno smartphone più competitivo che mai sotto il profilo tecnico, caratterizzato da un design borderless e alimentato dal sistema operativo di Google, più veloce e ricco di funzionalità rispetto alla release precedente. iPhone X sarà come sempre il diretto rivale da affrontare, ma non solo: Google (con Pixel), OnePlus, Huawei, LG, Xiaomi e Oppo continuano a conquistare considerevoli quote del mercato globale degli smartphone, pertanto Samsung potrebbe avere in serbo uno o più assi nella manica per mantenere ancora una volta la leadership nel settore.

Immagine: igzz via iStock • Notizie su: ,