QR code per la pagina originale

Crysis Warhead

Una expansion che innalza ancor più la caratura tecnica di Crysis

Voto WebNews
9,1
Data di uscita

19 Settembre 2008

Giudizi
  • Giocabilità9,3
  • Grafica9,5
  • Sonoro9,1
  • Multiplayer9,0
  • Longevità8,4
Pro

Un comparto tecnico senza precedenti incontra un concept di gioco finalmente all’altezza di cotanta maestosità. E il tutto ci viene persino servito il low price!

Contro

Privo di sbavature tecniche e lacune concettuali di qualsiasi tipo, Warhead incontra i suoi unici limiti solo nella sua intrinseca natura di expansion pack: una formula che incide comunque solo parzialmente sul fattore longevità.

Di ,

Giocabilità

Avviando un’aggressiva politica di espansione delle sequenze di rutilante azione bellica, Crysis Warhead colma con piombo, laser, esplosioni ed effetti speciali, tutti i prolungati tempi morti che avevano contraddistinto la natura di Crysis. Pur non escludendo affatto la presenza di sezioni più esplorative ed enigmi di sorta, il gioco riesce in effetti ad amalgamare meglio queste ultime alla sua struttura portante, impedendo quindi loro di inficiarne il ritmo.

Il risultato che ne scaturisce è da bacio accademico: abbinata alla possibilità di esplorare liberamente gli immensi scenari e alla facoltà di elaborare autonomamente le eventuali strategie d’attacco, questa soluzione finisce con lo sprigionare di colpo tutto lo sconcertante potenziale di questo progetto.

Laddove un tempo si era costretti ad accontentarsi di rapide schermaglie tra un numero relativamente ristretto di avversari, oggi ci si ritrova ad implorare attimi di tregua. Laddove si intuiva che, da quel patrimonio tecnico gli sviluppatori avrebbero potuto cavar fuori anche di più, oggi è persino possibile riscontrare l’eccesso. E quale contesto sarebbe mai più appropriato per sviscerare appieno le risorse della preziosa Nanosuit in dotazione al nostro alter ego? Mettetela alla prova per scoprire la risposta.

Eppure il caos non sarebbe puro se al suo interno non fosse possibile individuare un rigoroso ordine: che decidiate di lanciarvi a velocità supersonica da un estremo all’altro dell’area di gioco, incalziate i vostri nemici sino a disarmarli o liberiate su di essi il fuoco delle armi e dei veicoli più avanzati, vi sarà sempre occasione di tastare con mano la profondità dell’intelligenza artificiale attribuita ai nemici, la varietà di un level design ispirato come pochi e la sconcertante validità del comparto visivo di supporto.

Giudizio tecnico

Come ampiamente prevedibile, Crysis Warhead è in grado di far gridare al miracolo anche sotto il profilo tecnico. A fronte di quanto avveniva con il suo predecessore, la sua cosmesi non è tuttavia vincolata all’esclusivo utilizzo di una configurazione hardware superiore. Mettendo a frutto ogni progresso maturato nell’ultimo anno, i ragazzi della Crytek sono riusciti a ottimizzare le prestazioni del portentoso CryEngine 2 in modo da consentire anche ai PC dell’attuale fascia media di sopportarne dignitosamente il carico sia in singolo che in multiplayer.

Un’impresa, questa, che risulta ancor più rimarchevole alla luce dei miglioramenti applicati alle texture, agli effetti particellari e al sistema dinamico delle fonti di illuminazione: dettagli capaci di conferire supplementare fascino ad ambientazioni mozzafiato e fissare allo stesso tempo nuovi, sconvolgenti parametri di definizione. Se questi traguardi incontrano analoghe conferme anche in fatto di framerate, va senz’altro sottolineato come la presenza di lacune quali pop-up, clipping e tearing sia pressoché scongiurata persino al vaglio di risoluzioni come la 1.680×1.050.

Per sviscerare appieno tutto il potenziale dell’engine di Crysis Warhead, il consiglio sarebbe comunque quello di affidarsi a un Quad Core equipaggiato con una scheda video con caratteristiche simili alla Nvidia GTX200. Al di là di questa soluzione, va comunque precisato che, pur utilizzando un coefficiente di dettaglio analogo, il gioco risulta piuttosto stabile anche se supportato da una scheda meno aggiornata come la GeForce8800. Per essere costretti a stabilire i primi compromessi bisogna dunque scendere al di sotto di questi parametri e avvicinarsi ai requisiti minimi indicati da Electronic Arts sul retro della confezione.

Nel confermare l’ affidabilità del sistema di controllo ed elogiare, infine, un reparto sonoro in grado di supportare adeguatamente le marcate aspirazioni cinematografiche avanzate dai suoi creatori, non possiamo quindi che consigliare caldamente l’acquisto di Crysis Warhead non solo agli appassionati degli sparatutto in soggettiva, ma anche a chi ami far sfoggio delle capacità tecniche del proprio PC.

Notizie su
Commenta e partecipa alle discussioni