QR code per la pagina originale

Fragile Dreams: Farewell Ruins of the Moon

Un concept eccezionale e qualche difetto di troppo alla base di un atipico GDR

Voto WebNews
7,3
Data di uscita

19 Marzo 2010

Giudizi
  • Giocabilità6,5
  • Grafica8,0
  • Sonoro8,5
  • Longevità6,0
Pro

Trama e ambientazioni incredibili. Ottima realizzazione tecnica. Tante idee interessanti. Carattere davvero eccezionale.

Contro

Errori di game design che rendono alcune fasi di gioco frustranti. Poco longevo.

Di ,

Giocabilità

Il sistema di controllo di Fragile Dreams: Farewell Ruins of the Moon è estremamente semplice: con il Nunchuk si gestiscono i movimenti di Seto, mentre il Wiimote viene utilizzato per dirigere il fascio di luce della torcia elettrica. Illuminare le ambientazioni è fondamentale per scoprire gli elementi nascosti dall’oscurità.

Se la trama e l’ambientazione di Fragile possono essere considerati quasi impeccabili, purtroppo non si può dire lo stesso del game design. I programmatori, infatti, hanno colpevolmente ignorato alcuni elementi che, nei videogiochi degli ultimi anni, hanno subito una netta evoluzione.

La più grave leggerezza degli sviluppatori è stata quella di non prevedere un sistema di aggancio dei bersagli nel corso dei combattimenti, dettaglio che rende gli scontri impacciati e macchinosi. Capita spesso, infatti, che un nemico riesca a schivare uno degli attacchi di Seto, costringendo il giocatore a effettuare una lenta manovra per far tornare nel proprio campo visivo il bersaglio da eliminare.

Anche le dinamiche GDR presentano alcuni problemi di fondo. Uno dei più fastidiosi è legato alla rottura delle armi di Seto in seguito all’utilizzo eccessivo, che a volte costringe ad affrontare interi combattimenti senza poter riparare il proprio unico mezzo per danneggiare i mostri. Considerando che le armi distrutte causano davvero pochissimi danni, e che capita spesso di imbattersi in creature in grado di rigenerare parte della propria salute, l’errore di progettazione si evidenzia da solo.

In un mondo dominato dall’oscurità, i falò rappresentano dei veri e propri fari nella notte, visto che permettono di salvare la partita, di equipaggiare nuove armi e recuperare l’energia.

La gestione dell’equipaggiamento di Seto è eccezionale, e sotto certi punti di vista ricorda quella di Resident Evil. Il protagonista, infatti, si sposta portando con sé una semplice valigia, dove deve far entrare gli oggetti attentamente selezionati in base alla destinazione successiva.

Giudizio tecnico

Una volta avviata la partita, si viene letteralmente catapultati in un mondo fantastico, dove anche i luoghi più banali assumono un aspetto nuovo, a metà tra l’etereo e il grottesco. L’abilità del team di sviluppo nel creare ambientazioni e personaggi da favola è fuori discussione, soprattutto quando si esaminano alcune delle bizzarre creature che popolano le pericolose strade percorse da Seto.

Gli effetti di illuminazione sono gestiti magistralmente, e in particolar modo quello della torcia elettrica, che attraverso il proprio fascio di luce svela i segreti nascosti dall’oscurità: la realizzazione dell’effetto luminoso è inferiore (e di poco) solo a quello apparso nel recente Silent Hill: Shattered Memories.

Anche il comparto audio si rivela superbo e incredibilmente azzeccato, a partire dai silenzi opprimenti che avvolgono alcune ambientazioni, fino ad arrivare ai brani evocativi che accompagnano determinate fasi di gioco.

L’assenza di un qualsiasi tipo di adattamento italiano potrebbe rappresentare un ostacolo per chi non è in grado di comprendere l’inglese (o peggio ancora il giapponese): tutte le linee di testo del gioco sono in lingua inglese, mentre all’interno del disco sono presenti sia il doppiaggio anglosassone che quello nipponico (per la gioia dei puristi).

Nonostante gli innegabili difetti, comunque, Fragile Dreams: Farewell Ruins of the Moon si rivela un’esperienza piacevole, avvolgente e gratificante.

Notizie su
Commenta e partecipa alle discussioni