STARTUP BUS NEWS
QR code per la pagina originale

Il 2 Sturmovik Birds Of Prey

Intensa e realistica simulazione di volo, unisce divertimento e fascino storico

Voto WebNews
8,1
Data di uscita

4 Settembre 2009

Giudizi
  • Giocabilità8,0
  • Grafica8,5
  • Sonoro8,1
  • Multiplayer8,4
  • Longevità7,4
Pro

Grande motore simulativi. Ottima riproduzione dei danni. Scenari coinvolgenti. Mappe satellitari realistiche. Vastità di missioni e ambienti da visitare

Contro

Difficoltà nel controllo del velivolo a livello Simulazione. Ripetitività delle missioni che potrebbe minarne la longevità

Di ,

Giocabilità

IL-2 Sturmovik: Birds of Prey sorprende per la profondità dell’azione proposta: 50 missioni in tutta Europa, oltre 40 velivoli storici da controllare, 3 modalità di gioco con livello di difficoltà crescente, 4 modalità online multiplayer fino a 16 giocatori, battaglie aria-aria, bombardamenti a terra, ricognizioni di obiettivi amici, missioni di addestramento, missioni bonus, voli in notturna, atterraggi difficili, condizioni meteo mutevoli (pioggia, nebbia, vento…).

Oltre 60 ore di gioco previste per la sola campagna in singolo giocatore e decine di chicche disseminate in ogni angolo del gioco sono le premesse di un’avventura coinvolgente e ispiratrice.

Dopo aver selezionato la fazione di appartenenza (americana, inglese, russa o tedesca) avrete libertà di volare a livello arcade, il più semplice nei controlli, realistico (intermedio) o simulazione pura. Nel livello arcade, oltre a un sistema di pilotaggio decisamente agevole, avrete anche un mirino automatico, un numero illimitato di munizioni e una resistenza ai danni del velivolo a dir poco generosa. Nel livello realistico ci sarà più libertà di manovra dei veivoli, dovrete tener conto del numero limitato di armi e di maggiori danni derivati dai combattimenti in aria. Ma è solo nel livello simulativo che si vedrà la potenza del motore progettato dalla Gaijin Entertainment….

In questa modalità avrete, infatti, una reattività dei comandi senza precedenti, con influenza simulata benissimo dalla fisica del gioco e perfetta reazione a ogni minima regolazione del velivolo e alle condizioni meteo (occhio ai venti e al loro mutare continuo!). In questo livello si potranno compiere manovre spericolate e solo i reali esperti riusciranno a evitare stalli o perdita totale del controllo del velivolo.

Impressionanti saranno poi gli scontri con il nemico, in cui si susseguiranno attacchi a squadriglia con 20-30 aerei per fazione a lottare sui cieli senza sosta. Durante le fasi d’attacco sarete aiutati dai compagni ottimamente guidati dall’intelligenza artificiale e potrete manovrare l’aereo con la levetta analogica (sinistra per la cloche e la destra per il controllo della velocità) mentre sceglierete la manovra d’attacco o di difesa con i tasti digitali. Con i tasti frontali potrete, infine, aprire il fuoco delle mitragliatrici o rilasciare bombe o missili. Ci sarà la possibilità di collaborare con i commilitoni, discutendo via radio e impartendo ordini diretti a ciascun pilota o a tutto lo squadrone.

Un grande lavoro è stato svolto anche per garantire un ottimo coinvolgimento online con quattro diverse modalità, come anticipato: Capture the Airfield, Dogfight, Strike e Team Dogfight offrono varietà e grande reattività anche in caso di un elevato numero di partecipanti. Le missioni online sono un misto di bombardamenti a terra, atterraggi su piste, scontri e gare di abilità fra amici.

Giudizio tecnico

Il team di sviluppo russo ha voluto esprimere il meglio di sé sia negli aspetti realistico-simulativi che in quelli di puro divertimento arcade.

Dal punto di vista grafico, IL-2 Sturmovik: Birds of Prey miscela sapientemente elementi semplici (cut scene con filmati storici e un’intensa voce narrante), con una rappresentazione realistica e molto curata nei dettagli sia aerei (le fusoliere perfette, i buchi lasciati dai colpi subiti…) che a terra (le traccie dell’aratura dei campi nella Russia sotto la neve, le case rurali siciliane, i campi verdi degli atterraggi di fine missione, le bellissime coste inglesi).

Usando mappe d’epoca e un innovativo sistema di riproduzione di dati satellitari moderni per le coordinate di volo, il gioco presenta ambienti molto coinvolgenti e scene realistiche accompagnate da azione sempre molto fluida. Le battaglie frenetiche, le esplosioni piene di colori e fumi, il realismo grafico del simulatore di danni sono ulteriori conferme di un lavoro accurato e molto dettagliato.

Il livello di realismo aumenta anche grazie a un innovativo simulatore di danni, che mostra graficamente in tempo reale le condizioni del velivolo che si deteriora a ogni scontro. Inoltre, assieme a una variazione nella rappresentazione grafica, si registrerà nettamente anche una variazione dell’assetto fluido dinamico. Persino dei semplici colpi di mitragliatrice comprometteranno la funzionalità di volo e metteranno in difficoltà il pilota meno esperto.

Ottime sono anche le due visuali offerte da IL-2 Sturmovik: Birds of Prey: in terza persona o in soggettiva, e utili gli indicatori su schermo (altitudine, velocità, distanza dal bersaglio mirato). La rappresentazione dei modelli risulta talmente realistica da includere l’intero pannello di controllo originale, con la stessa reattività ai comandi dei veri aerei, e ci sono persino i manuali e le istruzioni d’emergenza, sempre d’epoca!

Il reparto sonoro è stato affidato alla vena artistica di Jeremy Soule, compositore molto esperto e autore, fra le altre cose, delle musiche di Guild Wars, Neverwinter Nights, Prey, Star Wars: Knights of the Old Republic, Total Annihilation, Unreal II, Warhammer 40,000: Dawn of War. La traccia sonora orchestrale è d’effetto, molto coinvolgente, e accompagna con ottimo ritmo le fasi salienti degli attacchi. Gli effetti sonori sono utili nelle battaglie e sicuramente molto udibili nei momenti più frenetici, ma forse non memorabili. Le narrazioni all’interno del gioco sono ben realizzate e aiutano a creare l’atmosfera giusta, anche se il doppiaggio in italiano è meno riuscita…

La varietà e vastità d’azione saranno un elemento di grande interesse per gli appassionati di simulazione di volo. Ma come spesso capita in molti giochi di simulazione, solo i veri fan del genere potranno esplorare in dettaglio tutte le finezze tecniche del motore di volo e del simulatore dei danni. Per gli appassionati di azione e combattimento, il livello di coinvolgimento diminuirà presto, data una certa ripetitività delle missioni e dei comandi a disposizione, e data la difficoltà eccessiva del livello Simulazione.

In conclusione, IL-2 Sturmovik: Birds of Prey si presenta come una scommessa riuscita per unire azione e simulazione, grafica realistica ed effetti coinvolgenti, divertimento e uso sapiente delle tecniche di volo, su aerei del passato nelle atmosfere della Seconda Guerra Mondiale. Un gioco intenso e una sorpresa di stile e realismo simulativi, tanto inattesa quanto divertente.

Notizie su
Commenta e partecipa alle discussioni