STARTUP BUS NEWS
QR code per la pagina originale

LittleBigPlanet PSP

Un platform che diverte tutta la famiglia. La creatività è l'unico limite

Voto WebNews
8,7
Data di uscita

20 Novembre 2009

Giudizi
  • Giocabilità8,9
  • Grafica8,4
  • Sonoro8,8
  • Longevità8,5
Pro

Ottimo porting. Creatività e fantasia in un platform veloce e divertente. Atmosfere cartoon attraenti e coloratissime. Comparto sonoro ottimamente realizzato

Contro

Assenza delle funzionalità multiplayer (sia locale che online). Bug evidenti nell'editor di livelli. Leggero ritardo fra comando e reazione del gioco. Caricamenti da UMD lunghi. Qualità grafica ovviamente inferiore al gemello per PS3

Di ,

Giocabilità

LittleBigPlanet PSP si presenta alla grande: 35 livelli distribuiti su 7 mondi (Australia, Persia, Cina, Alpi, Hollywood, Brasile e Medio Oriente) tutti a tema. Protagonisti del gioco saranno gli stessi amatissimi Sackboy, dei divertenti e variegati pupazzi di pezza che si muovono, corrono, saltano e volano come atleti, si riposano nelle proprie casette POD e usano oggetti scovati nell’universo fantasioso e attraversato con saggezza e attenzione.

Ricalcando l’originale, LittleBigPlanet PSP propone piccoli e grandi quiz, tranelli, premi e adesivi per i costumi dei SackBoy assieme ad ambientazioni molto gradevoli che vanno dal deserto australiano ai parchi divertimento, fino ad arrivare ai set di film holliwoodiani e al carnevale brasiliano!

Il motto è rimasto invariato: Gioca, Crea e Condividi. La prima parte (modalità Storia) di LittleBigPlanet PSP è quella classica di un platform tutto azione, velocità e divertimento: alla guida dei Sackboy fra acrobazie e peripezie dovremo esplorare un mondo fantastico creando incredibili oggetti e mezzi di trasporto e facendo viaggiare la creatività senza limiti di tempo né di spazio.

La seconda componente del gioco, la creazione di nuovi contenuti, è gestita tramite un complesso editor di livelli che consente di miscelare puzzle intriganti, personaggi assolutamente innovativi (vestiti come meglio si vuole), materiali da costruzione, adesivi, giocattoli e gadget di ogni tipo disseminati in mezzo a trappole e nemici pronti ad assalire i poveri Sackboy. Tanto per fare un esempio, mettendo assieme dei pezzi di cartone e dei piccoli pistoncini potremo costruire delle simpatiche auto da corsa oppure, con dei minuscoli ritagli da una spugna, potremo metter su un innovativo ristorante!

L’interfaccia per il design di nuovi livelli, chiamata Popit, è la stessa che il team di sviluppo Sony ha usato per creare tutti i livelli del gioco, potente a sufficienza per far diventare tutti degli esperti designer.

Ma l’elemento realmente innovativo di LittleBigPlanet PSP è quello della condivisione dei livelli in una comunità sempre verde ed entusiasta che rilascia gratuitamente centinaia di nuovi progetti ed esperimenti a settimana. Quindi un gioco praticamente infinito, limitato solo dalla propria fantasia.

Giudizio tecnico

Il lavoro di conversione di un grande successo PS3 sulla console portatile PSP è stato lungo e faticoso, nel tentativo di mantenere i punti di successo della versione originale anche su piattaforma portatile. I compromessi sono evidenti nella trasformazione del gioco da tre a due piani di gioco, per evitare carichi insostenibili per la CPU della PSP.

Il saggio adattamento di LittleBigPlanet PSP ha comportato la trasposizione del meraviglioso mondo virtuale tutto 3D a un mondo più semplice ma comunque sempre in grafica tridimensionale, una sorta di platform moderno a 2,5 dimensioni…

Pur mantenendo un aspetto da fumetto animato, LittleBigPlanet PSP mostra le carenze della console portatile, accentuate ancor più dalle lunghe attese di caricamento da UMD.

Dal punto di vista grafico, i Sackboy sono stati ridimensionati e ridotti per mantenere la simpatia e la vivacità anche sul piccolo schermo; la risoluzione è inferiore, ma rimane su un livello di finezza raramente visto sulla PSP.

I grandiosi colori, le animazioni ultrafluide, i movimenti e gli stati d’animo rappresentati danno così come la ricchezza di contenuti dei mondi ricreati sono conferme dell’alta qualità del lavoro di sviluppo.

Il controllo dei Sackboy avviene attraverso la levetta analogica mentre, con i tasti digitali, si comandano le emozioni (faccine ridenti, saltelli di gioia…) in maniera semplice e immediata per tutti. Solo un leggerissimo ritardo fra la pressione dei tasti e la reazione può, in rare occasioni, creare qualche problema, ma non basta per rovinare il buon lavoro complessivo.

Il reparto sonoro è un punto di forza di LittleBigPlanet PSP. La versione PSP ha una selezione di tracce variegate e uniche per ciascuno dei livelli. Gli effetti sonori associati a oggetti e azioni sono molto realistici e gradevoli, aiutando a immergersi in un’atmosfera sempre gioiosa e divertente.

La longevità di LittleBigPlanet PSP è aiutata dalla grande varietà delle missioni predefinite, ricchissime di elementi e fantasia. Assieme alle grandi potenzialità dell’editor interno, regalano veri momenti di gioia agli appassionati dei platform!

Un plauso, poi, all’opzione di upload di nuovi livelli online e di download di livelli già realizzati da altri appassionati: entrambe aiutano ad aumentare l’interesse nel gioco e la sua logevità. Purtroppo dobbiamo segnalare ancora dei bug nell’editor di livelli: il programma si blocca (e la PSP si spegne) di tanto in tanto in presenza di oggetti particolari (come gli interruttori o le viti). Un fix è atteso presto, ma la delusione di molti appassionati per questa mancanza di attenzione nella versione finale del gioco è enorme…

Evidente l’assenza del multiplayer: l’impossibilità di sfidare gli amici o condividere con loro il divertimento è per noi limitante. A questo si aggiunga l’assenza di un qualunque supporto per i trofei online.

Nonostante alcune pecche, però, LittleBigPlanet PSP rimane altamente coinvolgente e assolutamente divertente: una gioia per gli occhi e l’udito, un episodio pressoché imperdibile per tutto gli appassionati di platform.

Notizie su
Commenta e partecipa alle discussioni