QR code per la pagina originale

Madden NFL 10

Grafica migliore. Giocabilità superiore. Tattica approfondita. Touch down!

Voto WebNews
9,0
Data di uscita

14 Agosto 2009

Giudizi
  • Giocabilità9,0
  • Grafica9,0
  • Sonoro9,0
  • Multiplayer9,0
  • Longevità9,0
Pro

Eccellente cosmesi. Giocabilità simulativa. Profondità enorme. Ottimo sonoro. Miglioramenti nelle animazioni e nella resa generale. Ottima resa online

Contro

Non molto appetibile per chi non ama il football americano. Gestione della franchigia un po' complessa per i meno esperti

Di ,

Giocabilità

In termini di giocabilità pura, Madden NFL 10 vanta numerose migliorie rispetto al precedente capitolo, anche se si tratta per la maggior parte di sfumature che saranno gradite agli utenti in grado di apprezzare appieno le meccaniche di gioco del football americano.

In generale, grazie a un sistema di menu ottimizzato, Madden NFL 10 è adesso più immediato e semplice da gestire, in modo da poter impartire le principali azioni di gioco senza dover eseguire troppi passaggi.

Una volta iniziata la partita, i giocatori più esperti riscontreranno numerose migliorie atte a ridefinire ulteriormente la già elevata qualità del prodotto. La più evidente è, sicuramente, la diminuzione generale della velocità di gioco, che consente, sin dalle prime battute, di sviluppare schemi più ragionati e di applicarli con maggiore precisione.

In questo modo è possibile anche gestire il ruolo del quarterback in maniera molto più accessibile, disponendo di un tempo ragionevole per eseguire i lanci senza essere inesorabilmente placcati dagli avversari dopo pochi istanti di gioco.

Grazie a una nuova tecnologia denominata PRO-TAK, adesso possono verificarsi tackle che coinvolgano fino a 9 giocatori, e sfruttare nuovi movimenti per evadere il placcaggio da parte dei difensori avversari. Si tratta di una funzionalità che aggiunge spessore all’azione di gioco, oltre a renderne più realistico il flusso anche dal punto di vista estetico.

Sono stati modificati numerosi aspetti anche nella gestione dei fumble, in cui è necessario premere una combinazione di tasti per ottenere il possesso della palla. Anche il ruolo del quarterback è stato ridefinito, con l’aggiunta di nuove e più rifinite animazioni per i movimenti brevi e per la gestione dei lanci.

In termini di roster e giocatori presenti in Madden NFL 10, registriamo una considerevole revisione verso il basso dei livelli e delle abilità, che consentono di apprezzare maggiormente le differenze fra i vari giocatori. Si tratta di una funzionalità che, insieme al rallentamento del ritmo di gioco, rende molto più simulativo l’intero prodotto, allontanandolo dalla direzione un po’ troppo arcade intrapresa dai precedenti capitoli.

È migliorata anche la gestione del peso e dell’inerzia dei giocatori, che rendono adesso molto più difficile eseguire cambiamenti repentini di direzione oppure frenate e accelerazioni troppo brusche. Questa caratteristica si sposa in maniera efficace con la virata simulativa di Madden NFL 10, e consente di eseguire azioni molto più elaborate e credibili in base alla meccanica del corpo umano.

Uno degli elementi di spicco in questa versione consiste, inoltre, nella modalità di franchigia online, che consente adesso a ben 32 giocatori di affrontare una stagione completa, con tanto di calendario ufficiale NFL, draft e statistiche di lega accessibili anche via computer o persino usando un iPhone. Si tratta di una modalità davvero eccellente che, tempo permettendo, consente di vivere una stagione reale NFL con tutti gli imprevisti e le incertezze che solo il controllo delle squadre da parte di un avversario umano può fornire.

Segnaliamo, infine, un’efficace modalità cooperativa online, che consente a due giocatori remoti di controllare diversi giocatori di una stessa squadra. Si tratta di una modalità molto divertente ed efficace, che incrementa considerevolmente il valore globale di Madden NFL 10 in ottica multiplayer online.

Giudizio tecnico

Dal punto di vista tecnico, Madden NFL 10 presenta numerose aggiunte. La più evidente di esse consiste nella rifinitura del già ottimo comparto grafico, che adesso raggiunge vette di eccellenza assoluta.

La presentazione, come da tradizione EA, è rifinita sin nei minimi dettagli, offrendo una resa televisiva quasi indistinguibile da una partita reale di football americano. Ogni particolare, anche se apparentemente insignificante, è curato in maniera maniacale, compresi i movimenti del pubblico, gli aspetti marginali del gioco e gli elementi di contorno presenti sul campo.

Una volta iniziata la partita, ciò che appare su schermo sarà letteralmente indistinguibile da una partita di football americano trasmessa in HD su un network televisivo americano, con una resa eccellente dell’illuminazione, animazioni puntuali, una rappresentazione molto fedele delle divise e dei caschi e una serie di effetti secondari, che contribuiscono sensibilmente ad aumentare il coinvolgimento del giocatore.

Registriamo, rispetto ai precedenti capitoli, la correzione del comportamento degli arbitri in campo, che non causeranno più grotteschi scontri con i giocatori. È stata anche implementata una nuova tecnologia procedurale, che consente ai giocatori in campo di seguire con la testa, gli occhi ed il corpo il movimento del pallone, ottenendo un risultato molto più realistico rispetto a quanto avveniva in passato. Si tratta di una funzionalità apprezzabile sopratutto nelle visuali ravvicinate, ma che contribuisce al realismo globale anche durante la normale azione di gioco.

Sono presenti anche nuove animazioni personalizzate per i quarterback e per gli altri giocatori più importanti, che consentono di differenziarne i movimenti rendendoli immediatamente riconoscibili sul campo.

Molto interessante è anche l’implementazione di un nuovo effetto di profondità del campo visivo, che, grazie a un sapiente algoritmo di sfocatura degli elementi più lontani dall’osservatore, consente di ottenere una resa molto realistica degli ambienti a campo lungo ripresi da una macchina da presa televisiva.

Registriamo anche la presenza di nuovi elementi di contorno, come ad esempio nuove animazioni per gli infortuni, e una serie di spettacolari aggiunte relative alla presentazione di stampo televisivo dedicata all’evento del Super Bowl. Anche le sequenze d’intermezzo pre e post gara sono molto ricche di particolari e vantano una realizzazione puntuale e d’effetto.

Persino nel settore della creazione dei giocatori personalizzati sono stati inseriti molti parametri ed elementi aggiuntivi. Il sonoro non sfugge alla regola e si attesta su livelli di eccellenza, restituendo con fedeltà le emozioni che gli appassionati della NFL sono abituati a provare nell’assistere a una partita in TV.

In sintesi, Madden NFL 10 è un prodotto curato fin nei minimi dettagli, che non potrà non soddisfare tutti gli appassionati del mondo dell’NFL. Ma, oltre alla qualità eccelsa della presentazione, delle statistiche, della modalità franchigia e ai fattori non prettamente ludici, sarà anche possibile fruire di una simulazione di football americano dalla giocabilità eccellente, con una messa a punto degli schemi relativamente semplice da gestire (a patto di avere un minimo di dimestichezza) e un fattore cosmetico di prima qualità.

Notizie su
Commenta e partecipa alle discussioni