QR code per la pagina originale

The King of Fighters XII

Nuovo look e il gran numero di mosse non bastano a rinverdire un picchiaduro 2D

Voto WebNews
6,7
Data di uscita

24 Luglio 2009

Giudizi
  • Giocabilità7,0
  • Grafica6,5
  • Sonoro6,5
  • Multiplayer7,0
  • Longevità6,5
Pro

Buoni sprite 2D disegnati a mano. Giocabilità classica. Grafica ridisegnata. Alcune interessanti opzioni online

Contro

Aspetto estetico ormai superato. Minime innovazioni rispetto ai precedenti capitoli. Sonoro nella media. Prezzo eccessivo

Di ,

Giocabilità

King of Fighters XII è un picchiaduro 2D ancorato a meccaniche classiche, che vanta fra i suoi punti di forza un’enorme complessità in termini di mosse, combo e counter, oltre alla fantasiosa caratterizzazione di personaggi e sfondi.

A causa del limitato mercato a disposizione, il dodicesimo capitolo ufficiale è stato realizzato con alcuni consistenti tagli nell’organico e nel budget a disposizione, spingendo la casa nipponica a ridurre il numero dei personaggi a 26, col preciso intento di realizzarli nel miglior modo possibile.

King of Fighters XII segna anche il passaggio, in ambito arcade, dall’ormai vetusto sistema Atomiswave (basato su hardware Sega Naomi) al più recente Taito Type X2, con hardware Intel (CPU dal Celeron ai Dual Core e scheda grafica ATI/Nvidia di 1-2 generazioni fa).

Il gameplay di King of Fighters XII ricalca i canoni classici della serie e si basa su combattimenti 3 Vs. 3 al meglio di cinque round. In questo capitolo è stato però eliminato il sistema di Tactical Shift presente in KOF 2003, in favore di un sistema di Critical Counter. Stavolta è possibile eseguire una serie di contrattacchi concatenati e consecutivi, che è possibile sferrare solo a patto di mettere a segno un’efficace mossa di contrattacco. Una volta eseguita questa sequenza di attacchi, sarà possibile aggiungere una mossa speciale utile per infliggere ulteriori danni all’avversario.

Molto interessante è la funzionalità che consente di separare automaticamente i lottatori nel caso siano troppo vicini fra loro durante l’azione, utile per ottenere combattimenti meno confusi negli scontri molto ravvicinati.

È inoltre possibile eseguire una counter subito dopo aver bloccato un attacco avversario, funzione interessante soprattutto per i giocatori più avanzati. In generale, avremmo preferito una maggiore reattività di gioco e dei relativi controlli, con una difficoltà più elevata in modalità a singolo giocatore. Sarà infatti possibile superare tale sfida senza particolari difficoltà, anche senza essere particolarmente abili o esperti.

Registriamo una buona modalità online, che consente di eseguire classici combattimenti con ricerca automatica degli avversari in base al livello e al punteggio. Su PS3 è anche possibile creare dei Clan, ovvero delle squadre di un massimo di 100 membri, che potranno sfidarsi fra loro in classici combattimenti 3 contro 3.

Giudizio tecnico

L’elemento più importante in termini tecnici di King of Fighters XII consiste nell’implementazione di personaggi e animazioni realizzate da zero, senza riutilizzare per la millesima volta le medesime risorse ereditate dai giochi precedenti. Si tratta di un fattore che, da solo, costituisce la ragion d’essere di questa iterazione.

I personaggi sono realizzati con stile molto gradevole, sono ben caratterizzati e giustamente animati, restituendo un’ottima sensazione generale. Però il tempo passa, gli sprite invecchiano e i franchise imbiancano, ed è davvero difficile considerare un titolo 2D, seppur realizzato con ispirazione e minuzia di particolari, alla stregua di un prodotto commerciale a prezzo pieno. È davvero difficile proporre, nel 2009, un titolo con animazioni a step, ovvero con salti da una posizione chiave all’altra, aspetto tipico della tecnica bidimensionale ma ormai reso obsoleto dalla quasi totalità dei giochi 3D.

Gli sfondi di King of Fighters XII, invece, soffrono di un livello eccessivo di animazione ed elementi visibili, che spesso portano a distrarre il giocatore durante la concitata azione di gioco.

I numerosi effetti speciali che arricchiscono l’esperienza di gioco sono realizzati in maniera convincente, aggiungendo un fattore di freschezza al comparto tecnico globale.

In termini cosmetici, King of Fighters XII ha l’aspetto di un titolo Live Arcade, Virtual Console o PSN che dir si voglia, seppur di ottima qualità… Il sonoro si attesta su livelli più che dignitosi, con suoni classici, e musiche di discreta qualità.

In conclusione, King of Fighters XII si dimostra un buon titolo, se lo si considera al di fuori dei parametri temporali: il prodotto SNK vanta personaggi disegnati a mano con indubbia ispirazione artistica, buone animazioni 2D e fondali ricchi e animati, la solita lista infinita di mosse e di situazioni di combattimento. Ma delude le alte aspettative, dando l’idea di un titolo superato. Pertanto, quando uscirà in Europa a fine agosto (noi abbiamo testato la versione import), ne consigliamo l’acquisto soltanto agli appassionati più fedeli.

Notizie su
Commenta e partecipa alle discussioni