QR code per la pagina originale

Il crollo delle Flat Rate e del Freenet

Sono in arrivo duri giorni per le flat e per il freenet. Galactica si scaglia contro Telecom Italia e apre un proprio sito di protesta, Telecom Italia taglia i versamenti verso i provider e in molti si chiedono che fine faranno le connessioni in Italia.

,

Sul terreno delle offerte di connessione si sta combattendo una battaglia a viso aperto tra utenti, provider italiani e Telecom Italia. Da un lato i nuovi competitor del mercato che faticano a reggere sforzi e concorrenza, dall’altro il vecchio monopolista che non vuole cedere i propri spazi di mercato. In mezzo gli utenti, confusi e sempre più determinati nel far rispettare i propri diritti.



L’ultimissima iniziativa di questo conflitto è scoppiata proprio in questi giorni. Galactica, uno dei primissimi provider italiani e primo ad aver proposto il modello di connessione flat in Italia, ha deciso di scendere in campo con tutte le proprie forze chiamando in causa in modo ufficiale Telecom Italia.



In una lettera aperta inviata a diversi quotidiani e pubblicata anche in sito attivato ad hoc (http://www.flatrate.it), l’ex monopolista è accusato direttamente di minare alle basi lo sviluppo della rete in Italia e di voler mettere fine all’accesso forfettario alla rete, giudicato da tutti il principale strumento per il consolidamento telematico in Italia.



È una ridda di accuse che chiamano in causa l’Unione Europea, le autorità italiane, i tribunali locali. Il nodo della questione, che si intreccia con moltissimi altri filoni, è l’accesso flat alla rete e in particolare il contratto stipulato da Galactica con Telecom nel marzo del 2000. Secondo quanto riportato da molte fonti, il contratto prevedeva un accordo annuale sull’affitto delle linee di Telecom Italia da parte di Galactica ad un prezzo forfettario: la tariffa non era calcolata in base al tempo speso dagli utenti ma secondo una quota mensile comprensiva di un lotto di connessioni. Questa tipologia di contratto, non approvato dall’Autorità delle telecomunicazioni e dunque taciuta agli altri operatori, non è stata rinnovata da Telecom con buona pace delle 100.000 utenze attivate e degli oltre 100 dipendenti del Provider milanese. I motivi che hanno portato Telecom al mancato rinnovo del contratto sono da ricercare probabilmente nella decisione di non rinnovare i modelli a tariffazione flat sui quali Telecom può generare meno introiti (un comportamento tenuto anche sulla larga banda HDSL).



Galactica, che ha già provveduto ad avvisare i propri utenti, ora rischia la chiusura e il fallimento del proprio modello, come del resto avvenuto per alcuni altri operatori.



Accanto a questo scenario ne corre parallelo anche un altro che porta diritto all’affondamento delle connessioni gratuite finora praticate da molti provider o portali (il cosiddetto Freenet). Telecom Italia ha infatti deciso di abbassare gli emolumenti versati ai provider interconnessi (la revenue sharing): se prima Telecom girava, per ogni connessione sui server dell’operatore interconnesso, 14 lire a minuto, ora vorrebbe che questa tariffa fosse portata a poco più di 8. Ciò sarebbe naturalmente un brutto colpo per quei provider che su queste tariffe basavano una buona parte delle proprie entrate.



Su tutte queste prospettive incombe inoltre la numerazione 70X. I numeri telefonici inizianti con il numero 70 saranno infatti dedicati esclusivamente alle connessioni Internet con tariffe e modalità differenti. Anche in questo caso Telecom Italia non sembra disponibile ad accettare un collegamento forfettario, inizialmente previsto dal Piano di numerazione approvato dall’Autorità delle telecomunicazioni proprio un anno fa.



Non tutti i provider però sembrano piangere lacrime. Alcuni giorni fa, proprio in corrispondenza con l’annuncio di Telecom sulle tariffe per i provider, Cybernet Italia (ex Flashnet) ha pubblicato un documento pubblico in cui si magnificano le proprie scelte di non accettazione né delle tariffe Flat né del Free Internet: «Dopo la sospensione del buon senso, svanito il sogno dei facili guadagni e svanita la chimera dell’accesso gratuito a Internet – si legge nel comunicato -, per il futuro il mercato si orienta sull’accesso a pagamento. Rimarranno solo i provider in grado di offrire un efficace servizio di assistenza, indispensabile in considerazione dell’ancora scarsa dimestichezza dell’utente con spesso complicate procedure di configurazione».



Utenti contro provider, provider contro Telecom Italia, provider contro provider. Un mercato impazzito dunque, in cui l’unica cosa che sembra chiara è la latitanza delle strutture statali che, seppur fornite di tutti i mezzi legislativi necessari, sembrano quasi guardare da lontano gli eventi lasciando, in nome forse di una rozza economia di mercato, che gli eventi precipitino da soli. Aspettiamo…