QR code per la pagina originale

Slammer: neanche Microsoft installa le patch Microsoft

Persino Microsoft è rimasta esposta all'attacco dell'ultimo virus: non ha installato le sue stesse patch.

,

Il virus Slammer, che ha bloccato in vari punti Internet nell’ultimo fine settimana, avrebbe potuto colpire anche Microsoft, dal momento che alcune unità della casa di Redmond non hanno installato le patch prodotte dall’azienda stessa per impedire l’infezione. È quanto emerge da una comunicazione interna di Microsoft della quale è entrata in possesso l’agenzia Associated Press.

Il virus Slammer sfruttava una falla nota di Microsoft SQL Server 2000 per installarsi in memoria ed inviare migliaia di ping al secondo in cerca di altre macchine vulnerabili. Per impedire il contagio sarebbe bastato installare una patch messa a disposizione da Microsoft fin da luglio. Ma molti amministratori di sistema hanno evitato di farlo; una negligenza della quale pare essersi sorprendentemente macchiata la stessa Microsoft.

Un portavoce di Microsoft, Rick Miller, non ha voluto spiegare se anche a Redmond ci siano state macchine attaccate. Si è limitato ad osservare che alcuni amministratori «non hanno rimediato al problema quando avrebbero dovuto». Ancora pochi giorni fa, il fondatore di Microsoft Bill Gates era tornato a battere sul tasto del “Trustworthy Computing“, la crociata dell’azienda per accrescere la sicurezza degli utenti. «È per questo che abbiamo creato il “Trustworthy Computing”», ha spiegato Miller. «Impareremo e faremo di meglio».

Questa pagina riproduce un articolo originale di Webnews.it e può essere utilizzata unicamente per finalità personali e non commerciali. L'originale si trova all'indirizzo https://www.webnews.it/?p=852328 che può essere raggiunto utilizzando il QR Code pubblicato accanto al titolo (se presente).