QR code per la pagina originale

IETF, dal 2004 disponibili i domini con l’accento

Dal 1° marzo 2004 in alcune aree europee sarà possibile attivare domini Internet contenenti caratteri ad oggi esclusi dal set alfanumerico previsto dagli standard. Le nuove prescrizioni IETF, infatti, prevedono fino ad un massimo di 92 caratteri non-ascii

,

A partire dal 2004, grazie al lavoro del gruppo del Working Group IDN della Internet Engineering Task Force (IETF), sarà operante un nuovo standard tale per cui sarà possibile attivare domini aventi lettere accentate ed altri caratteri particolari.

Se nasceranno sicuri problemi circa le speculazioni che inevitabilmente verranno fatte, è tuttavia necessario sottolineare l’utilità tecnica dell’intervento in quanto, oltre ad aumentare le possibilità a disposizione degli utenti, verranno risolti i problemi di compatibilità con sistemi alfanumerici diversi quali quello cinese.

Il nuovo standard arriverà a prevedere fino ad un massimo di 92 caratteri non-ascii. La bontà del nuovo standard potrebbe presto scontrarsi con l’inezia di aggiornamento dei vari browser, in quanto gli attuali parametri previsti dagli standard determinerebbero un’incompatibilità del software tale da inibile la navigazione su domini attivati con le nuove regole.

L’annuncio della IETF è stato dato congiuntamente in paesi quali Germania, Austria, Svizzera e Liechtenstein: in tali zone gli organi competenti al mantenimento dei domini applicheranno il nuovo standard a partire dal 1 marzo 2004.