QR code per la pagina originale

Lycos, Google bruciata sul tempo

Con un annuncio a sorpresa (nonostante il progetto fosse trapelato, pur senza datazioni precise) Lycos inaugura la prima vera casella di posta da 1 Gb. Il costo relativamente basso (circa 5 euro mensili) potrebbe porre GMail in difficoltà

,

Sorpresa Lycos: mentre GMail continua a far discutere in tema privacy, mentre la concorrenza si affanna a recuperare il tempo perduto prima che Google lanci il rivoluzionario servizio, ecco che Lycos batte tutti sul tempo e lancia la propria casella mail da 1Gb, ma a pagamento.

Spazio molto maggiore ai servizi Yahoo!, spazio però uguale a quello promesso da Google. La differenza rispetto a quest’ultimo sta nei dettagli economici: mentre Google offre un servizio completamente gratuito nel quale una certa concessione della propria privacy (a beneficio della targettizzazione delle promozioni) fa da moneta di scambio, Lycos offre il tutto senza pubblicità e al costo di 3.49 sterline mensili (circa 5 Euro alle attuali quotazioni, con il servizio partito al momento solo nel Regno Unito per poi estendersi a tutta Europa).

Alex Kovach, vice presidente europeo di Lycos, lancia la sfida chiedendosi ironicamente quando la concorrenza saprà offrire un servizio simile, sottolineando inoltre come l’ampiezza della casella di posta non sia l’unico parametro di giudizio da valutare.

L’aggressività della strategia di Lycos è da vedere nell’ottica di una situazione di grande concorrenzialità. Lycos prevede per il 2005 un ottimo risultato economico, ed il consolidare le attuali posizioni in cerca di una ulteriore fetta di mercato è una necessità imprescindibile dell’attuale congiuntura. L’effetto sorpresa non è mancato, ed ora Google si trova ufficialmente a dover passare dal ruolo della lepre a quello di chi insegue.