QR code per la pagina originale

MSN Music Store: come e «meglio» di iTunes

Come iTunes a prima vista, «meglio» di iTunes secondo Microsoft. 0.99 centesimi a brano, 1 milione di tracce presto a disposizione, licenza di uso fino a 5 pc e su illimitati lettori portatili. Si attendono i primi risultati ufficiali

,

Dopo tanto parlare, ecco finalmente in versione beta il grande nuovo rivale di iTunes: Microsoft ha infatti ufficialmente rilasciato MSN Music Store, il servizio di vendita di musica digitale che è destinato a ridefinire gli equilibri di un settore in piena crescita e dalle promettenti prospettive.

MSN Music Store si presenta tra grandi attese, ma la prima grande novità è proprio l’assenza di grandi novità: tra lo store Microsoft e lo store Apple, infatti, non risultano esserci grandi diversità e la discriminante è quasi integralmente limitata all’uso di diversi (ed incompatibili) standard di compressione.

Il prezzo delle tracce è lo stesso di iTunes, con la cifra di 99 centesimi che sta diventando ormai una costante dalla quale si è svincolata solo una RealNetworks in cerca di mercato. 9.99$ il costo di masterizzazione di un CD. Tra le novità v’è la possibilità di acquistare direttamente il CD ricercato tramite un link diretto ad Amazon.com o Barnes&Noble.com, nonchè la possibilità di ascontare “Fan Favorites”, ovvero una radio contenente tutti gli ultimi suggerimenti sui migliori prodotti in uscita.

I file in vendita sono ovviamente di tipo WMA (Windows Media Audio) con un bitrate di 160kbps. Secondo la licenza offerta da Microsoft ogni file può essere ascoltato su 5 diversi PC e trasferito illimitatamente su lettori portatili compatibili (al momento la gamma dei lettori è estesa a ben 70 unità, con la scelta che può spaziare da Rio a Creative, da Dell a Samsung).

La versione definitiva dello store è attesa per Ottobre ed entro pochi giorni il carniere MSN (attualmente a quota 100.000 brani a disposizione) dovrebbe raggiungere e superare il milione di tracce. Il tutto è frutto di accordi con major quali Warner, Universal, Sony ed EMI, oltre ad aggiuntive 3000 etichette indipendenti.

Come da stessa ammissione del responsabile Microsoft Yusuf Mehdi, il settore della musica digitale non sarà direttamente una fonte di guadagno per l’azienda, ma veicolerà gli utenti verso la scelta di Microsoft e di Windows. Tuttavia Mehdi non lesina spallate alla concorrenza, sentenziando con sufficiente chiarezza di termini la sensazione di «aver creato un servizio migliore di quello di Apple».

MSN Music Store porterà importanti novità anche a tutta la restante galassia MSN: è già prevista un’imminente integrazione tra lo store e Windows Media Player 10, mentre per una fusione con MSN Messenger dovrà ancora passare del tempo. Prevista inoltre una precisa promozione all’interno del motore di ricerca MSN, ove la ricerca di musica rinvierà direttamente allo store.

Importante punto di vantaggio del Music Store Microsoft rispetto al rivale iTunes è la non necessità di un apposito download per iniziare ad acquistare: l’accesso al servizio sarà disponibile semplicemente tramite browser oppure, come anticipato, tramite apposita interfaccia integrata nel prossimo Windows Media Player 10.