QR code per la pagina originale

Microsoft, aggiornamento contro la schermata blu

Microsoft sta proponendo ai propri utenti un aggiornamento relativo al problema emerso in merito alla compatibilità con alcuni antivirus e firewall. L'aggiornamento è stato offerto agli utenti aventi il sistema automatico di update attivato

,

Un aggiornamento passato relativamente sotto silenzio è stato propinato da Microsoft alla propria utenza tramite il servizio automatico Windows Update. L’aggiornamento risolve un problema a causa del quale, in presenza di particolari condizioni, il sistema va in crash e l’utente si trova a che fare con un messaggio di errore (Stop 0x05 INVALID_PROCESS_ATTACH_ATTEMPT) e con la drammatica presenza della nota schermata blu.

Questa la spiegazione tecnica dell’errore comunicata da Microsoft: «Un errore di codifica nel file Http.sys può causare la corruzione dello stack quando il driver del filtro TDI termina l’elaborazione della richiesta TDI_SET_EVENT_HANDLER I/O in modo asincrono in un thread diverso. Lo stack per il thread originale viene sovrascritto al momento dell’elaborazione della richiesta I/O causando il messaggio di errore.». In pratica il tutto è causato da driver installati nel computer da specifici antivirus o firewall.

Il problema concerne esclusivamente i seguenti sistemi operativi:

  • Microsoft Windows XP Service Pack 2 (SP2)
  • Microsoft Windows XP Tablet PC Edition 2005
  • Microsoft Windows Server 2003

Nel comunicare il tutto, Microsoft sottolinea l’utilità di attivare l’aggiornamento automatico del sistema operativo: oltre ai normali aggiornamenti di sicurezza, infatti, l’utente può godere di altri aggiornamenti relativi ad altre problematiche e l’update viene avviato direttamente da Microsoft senza dover porre attenzione ad eventuali pacchetti di update rilasciati.

Lo specifico problema risolto dall’ultimo aggiornamento è stato rilevato dai tecnici Microsoft già in Novembre grazie al sistema Windows Error Reporting: l’aumento improvviso di errori di questa tipologia ha suggerito ai tecnici di Redmond di verificare il tutto ed il problema viene ora risolto grazie agli update automatici.