QR code per la pagina originale

Curiamo un po’ la sicurezza dei nostri pc e delle nostre reti

,

Due giorni fa mi è capitato di vedere in un ufficio una cosa davvero assurda: ho trovato un pc semi nuovo, spento, con appiccicato un cartello sul monitor che diceva più o meno: “non usate il computer perchè pieno di virus, verificate bolletta…“.
A lato una fotocopia della bolletta Telecom con una serie di chiamate a numeri speciali a pagamento per una cifra superiore ai 200?. Tipici casi di dialer, virus….

Rimasto basito dalla loro soluzione drastica di tenere spento il pc ho chiesto se avevano in mente di fare qualcosa (provare a formattarlo, eliminare i virus…). Mi hanno risposto che non vogliono formattare e che il pc lo tengono così, al massimo lo accendono per recuperare qualche file archivio.

Essendo personalmente un po’ maniaco della sicurezza credo che sia giusto dare alcune regole basiche per tenere quantomeno decentemente protetti i nostri pc di casa e le nostre piccole reti.
Ovviamente parlo di sistemi Windows based, per le reti Linux il discorso dovrebbe essere più articolato e meno user friendly.

Prima cosa da tenere in considerazione è che un computer che non viene aggiornato e che quindi non chiude le falle di sicurezza, è un computer estremamente vulnerabile se messo in rete o se va su internet.
Teniamo quindi sempre aggiornato il nostro pc, faremo un favore a noi stessi (anche economicamente) e agli altri visto che un pc bucabile con facilità è una piattaforma succulenta per i cracker per le loro attività illecite.

Dobbiamo poi costruirci un “filtro” di sicurezza tra noi e la grande rete di internet.
Visto che non tutti sanno realizzare proxy, super firewall…. ci sono comunque dei mezzi semplici e a basso prezzo che garantiscono quel minimo di sicurezza che può essere sufficiente per un utente medio.

Innanzitutto dotiamoci di un buon antivirus, ce ne sono di validi anche gratis, anche se ovviamente i miglior sono a pagamento e permettono, cosa assolutamente fondamentale, di aggiornare le definizioni dei virus ogni giorno. Come per gli aggiornamenti dei pc, anche gli antivirus devono essere tenuti sempre aggiornati.

Sul capitolo firewall, questi sistemi hardware o software che filtrano/bloccano certi tipi di accessi non autorizzati ho una linea molto soft.
Una volta avrei dedicato capitoli interi su questo argomento, ma al giorno d’oggi i router che si usano sono dotati di un firewall e windows stesso ha un suo piccolo ma decente sistema anti-intrusione.

Questi due sistemi sommati tra loro danno discreti risultati più che sufficienti per l’utente medio.
Ovviamente il discorso si fa diverso per i power user, ma anche il loro utilizzo delle reti è ben diverso.
Sconsiglio vivamente di installare anche altri sistemi firewall che per quanto buoni rischiano di creare confusione nel setup della rete.

Cosa invece molto importante è l’eliminazione dal nostro pc di tutti quei file “spia” che si installano assieme a molti programmi gratuiti.
Forse non lo sapete ma molti software definiti free hanno al loro interno dei piccoli programmi che registrano i vostri movimenti su internet, le tipologie di siti che visitate con più frequenza…

I dati raccolti vengono sfruttati per proporvi le famose pubblicità non richieste su internet….
Capito ora da dove arrivavo in passato i famosi popup pubblicitari non richiesti?
Per risolvere queste fastidiose violazioni della privacy, basta utilizzare programmi anti file spia che eliminano anche dialer e trojan.

Uno dei più famosi di tutti è Spybot Search and Destroy, distribuito gratuitamente, che fa davvero un buon lavoro se l’utente lo mantiene aggiornato e se fa periodiche scansioni del sistema.
Non sono queste cose raccontate qui sopra, di difficile applicazione, però sono dei processi obbligatori per tenere il nostro pc al riparo da problemi che potrebbero essere molto gravi.

Ricordo che un pc infetto all’insaputa dell’utente può inviare centinaia di email infette al giorno.
Inutile che aggiunga l’effetto che si genererebbe se tutti non proteggessero il proprio pc.

Video:Conio Accelera, i costi di rete