QR code per la pagina originale

Dell propone per la Cina un pc a basso costo

Dell introduce nel mercato cinese un computer a basso costo nel tentativo di allargare la sua quota di penetrazione in tale paese. Il prodotto offerto ha un costo di circa 300 dollari ed è equipaggiato con Windows XP

,

I mercati emergenti fanno sempre più gola alle grandi ditte produttrici di hardware e Dell ha deciso di puntare al mercato cinese con un computer chiamato EC280, disponibile in due differenti versioni. Entrambi i modelli sono dotati di un processore Intel Celeron da 1,2Ghz e di un monitor CRT da 15 pollici; il sistema utilizzato è Windows XP Home. I due modelli differiscono per la quantità di memoria installata (512MB nel modello più costoso, 256MB in quello più economico), dalla capacità di archiviazione dell’hard-disk (80GB o 40GB) e dalla presenza o meno di un lettore DVD-ROM al posto dell’ormai vetusto lettore CD-ROM.

Il prezzo oscilla tra i 2.599 yuan ($335) per il modello base e i 2.999 yuan per il modello con la dotazione più ricca. Il computer prodotto da Dell ha dimensioni ridotte e ottimo rendimento energetico; tali caratteristiche, unite ad un prezzo decisamente più basso della media, rendono il prodotto particolarmente adatto al mercato oltre la Muraglia. La compagnia propone anche un altro modello un po’ più costoso: il Dell Dimension C51-n, equipaggiato con un processore Athlon64 3200 e un monitor LCD da 17 pollici. Quest’ultimo modello utilizza invece Linux come sistema operativo e ha un prezzo di 3.999 yuan.

Il mercato cinese è estremamente vasto, in continua crescita e si pone al secondo posto dopo gli Stati Uniti con 14 miliardi di Pc venduti nel solo 2006. Dell, che è già il terzo produttore di hardware in Cina, si sta muovendo per cercare di allargare le sue vendite e competere con Lenovo che al momento detiene oltre un terzo del mercato. Dell, che effettua le vendite principalmente attraverso telefono ed Internet, dovrà però tenere in considerazione un aspetto importante del mercato cinese. Come spiega Bryan Ma, direttore delle ricerche IDC, i clienti in Cina preferiscono toccare con mano i prodotti prima di acquistarli e prediligono il pagamento in contanti : «i consumatori sono abituati a comperare le cose in contanti, toccando e osservando il prodotto nel negozio in modo da ottenere così una gratificazione istantanea, piuttosto che chiamare un call center o effettuare un ordine online dovendo aspettare poi alcuni giorni perchè il prodotto arrivi».

Video:Lenovo Legion C530, un cubo per il gaming