QR code per la pagina originale

Apple, forse in arrivo un iPhone Nano

Apple sembrerebbe intenzionata a lanciare una nuova e più economica versione dell'iPhone nel corso del quarto trimestre del 2007 basata sul design dell'iPod Nano. Obiettivo previsto, entrare prepotentemente nella fascia di mercato entry level

,

Apple potrebbe rilasciare entro la fine dell’anno una nuova versione dell’iPhone decisamente più sottile ed economica, basata sul design del lettore musicale iPod Nano. Ad elaborare tale ipotesi è Kevin Chang, analista per la JP Morgan, basandosi su una conversazione avuta con alcune persone di cui non ha rivelato l’identità e su di un brevetto registrato da Apple relativo ad un apparecchio multifunzionale dotato di un touch pad circolare rivelatosi molto simile alla scroll wheel che equipaggia l’iPod Nano. Unire il fascino esercitato dall’iPhone ad un prezzo decisamente contenuto, potrebbe aiutare Apple a farsi strada prepotentemente anche nel mercato entry level dei cellulari, entrando in diretta concorrenza con gli attuali colossi del settore telefonico mobile.

«Noi crediamo che l’iPod Nano sarà convertito in un telefono poichè è probabilmente l’unico modo per Apple di lanciare un telefono più economico senza cannibalizzare l’iPod Nano», ha dichiarato Chang, il quale ipotizza un prezzo del dispositivo inferiore ai 300 dollari, circa la metà dell’iPhone originale dotato di 8 Gb. Per quanto riguarda le funzioni offerte, l’analista non si pronuncia, prevedendo però una logica diminuzione della funzionalità offerte rispetto al modello dotato di touch screen.

Chang ritiene Apple abbia delle prospettive di vendita molto elevate rispetto al nuovo modello, qualcosa come 30/40 milioni di unità vendute entro il 2008. Se tali cifre dovessero risultare realistiche, sommate ai 10 milioni di iPhone originali previsti per tale data, Apple conquisterebbe in tempi brevi l’1% del mercato globale, ponendosi in diretta concorrenza con i leader del mercato rappresentati da Nokia, Motorola, Samsung Electronics e Sony Ericsson.

Un altro analista, Gene Munster di Piper Jaffray, prevede inoltre la produzione di una nuova versione dell’iPod caratterizzata della stessa tecnologia touch screen presente nell’iPhone: «noi crediamo che l’iPhone riveli molto di ciò che sarà presto l’iPod», ha commentato Munster, ipotizzando inoltre l’inclusione di Mac OS X nel nuovo dispositivo.