QR code per la pagina originale

Disponibile l’installer per la suite Windows Live

Microsoft ha annunciato la disponibilità di una nuova versione della suite Windows Live dotata di un installer unificato in grado di installare automaticamente tutti i servizi Windows Live esistenti ad oggi per Windows Vista e Windows Xp

,

Chris Jones, vice-presidente del Windows Live Team, ha ufficializzato la disponibilità della annunciata nuova versione della suite Windows Live Update. La raccolta contempla nuove edizioni di applicativi già esistenti e l’inclusione di alcuni programmi inediti. In aggiunta, Microsoft ha reso disponibile un installer unificato in grado di installare automaticamente nel proprio sistema operativo (Windows XP o Vista) l’intera raccolta o solamente le applicazioni Windows Live desiderate.

La suite software aggiornata include: Windows Live Mail per gestire la posta elettronica, Windows Live Photo Gallery per condividere le proprie foto, Windows Live Writer, un tool pensato per inserire i propri post dal desktop direttamente all’interno del proprio blog, Windows Live OneCare Family Safety per la gestione dei controlli parentali e la versione 8.5 di Windows Live Messenger. Alcuni strumenti sono ancora in fase beta mentre altri sono inediti come Photo Gallery, programma che permette di condividere le proprie foto direttamente sul sito di social networking Windows Live Spaces e su Soapbox. «La nuova suite di applicativi è un nuovo modo per connetterci e comunicare, e utilizzare Windows per ottenere una straordinaria esperienza di condivisione», dichiara Jones sul blog ufficiale Windows Live Wire. «Assieme ai nostri servizi web, abbiamo una completa suite che combina il meglio del web e il meglio di Windows e che funziona come voi desiderate».

Un elenco completo delle novità introdotte all’interno dei diversi programmi che compongono la suite e dei bug corretti è disponibile sulle pagine del blog di Windows Live.

Si tratta di un chiaro segnale di come Microsoft abbia intenzione di competere con i rivali Google e Yahoo, i quali sono stati in grado di creare un portfolio di servizi online altamente allettante per gli utenti e per i pubblicitari. Per Microsoft il tutto si inserisce nel contesto di quel “software plus service” che Ray Ozzie ha preannunciato fin da quando ha messo piede nel suo ufficio di Redmond.