QR code per la pagina originale

Planypus! Non si fa’ più il “giro di telefonate”

,

Organizzare una cena o un incontro, coinvolgere persone distanti tra loro, prendere le decisioni logistiche democraticamente ma in maniera funzionale. Per tutto ciò è nato un nuovo strumento 2.0: Planypus.

Una piattaforma basata sul wiki, dalla grafica non troppo originale ma che sopperisce ad un ulteriore bisogno finora gestito con difficoltà. Dopo essersi iscritti, si compila il proprio profilo molto velocemente e per lanciare (o modificare) la pagina di un evento si assume il compito di organizer. Si stabiliscono titolo, descrizione, data, luogo e il gioco è fatto! Gli altri utenti che parteciperanno all’evento segnaleranno la loro presenza, commenteranno e si iscriveranno al feed dei commenti per tenere sotto controllo la discussione. In qualsiasi momento da utente dell’evento si può diventare organizer attraverso il box “Take a vote”, enfatizzando la natura democratica del mezzo.

Quando si ritengono adeguati tutti i dettagli ciascun utente clicca su “Finalize you plans” e la fase di organizzazione si dirà conclusa quando tutti i partecipanti avranno fatto lo stesso (anche se rimane sempre modificabile).

Naturalmente non potevano mancare le interazioni dirette con altri strumenti 2.0. Ciascun utente può aggiungere l’appuntamento sul proprio calendario Outlook, sul proprio Google Calendar e inserire un reminder attraverso iCall, gCall oppure via RSS.

La condivisione non finisce qui, perchè dalla stessa pagina dell’evento si può ancora postare su Twitter e segnalare l’evento su Facebook.

La pagina dei propri “plans” è ornata da un calendario che, con un sol colpo d’occhio, mostra i propri appuntamenti e da altre due tab: “My City“, che mostra gli eventi nella propria città, suddivisi tra ristoranti, cinema e “Hot tickets” (eventi per i quali ci si procura un biglietto d’ingresso) e “Friends“, che permette di aggiungere, invitare e cercare i propri contatti.

A prima vista mi sembra una buona piattaforma che sviluppa perfettamente i concetti democratici e sociali del Web 2.0.