A1pro: la tastiera riconosce cosa si scrive

Dopo smartphone, palmari e tabletPC, anche i computer saranno equipaggiati con un apposito concentrato tecnologico in grado di riconoscere la scrittura umana. A1pro, azienda emergente impegnata nella ricerca tecnologica sviluppante sistemi altamente performanti, ha reso disponibile al pubblico una nuova tastiera: A1pro handwriting recognition.Anche se potrebbe sembrare strana come soluzione, basta pensare a quante volte

Dopo smartphone, palmari e tabletPC, anche i computer saranno equipaggiati con un apposito concentrato tecnologico in grado di riconoscere la scrittura umana. A1pro, azienda emergente impegnata nella ricerca tecnologica sviluppante sistemi altamente performanti, ha reso disponibile al pubblico una nuova tastiera: A1pro handwriting recognition.

Anche se potrebbe sembrare strana come soluzione, basta pensare a quante volte avremmo voluto prendere appunti in maniera veloce. I pratici tasti programmabili possono essere abilitati all’apertura veloce di qualsiasi programma, dando così la possibilità di accedere in maniera automatica al tool di annotazione.

Secondo indiscrezioni, il prodotto integrerà un’area per il riconoscimento delle impronte digitali e un software che permetterà di scrivere ideogrammi propri delle lingue orientali.

A parte il prezzo di 25,00 dollari (circa 18,00 euro), e qualche immagine, altro non ci è dato sapere riguardo le varie funzioni disponibili di questo innovativo dispositivo, non ci resta che attendere ulteriori informazioni.

Ti potrebbe interessare
Google rinnova la sfida ad Office 2010
Software e App

Google rinnova la sfida ad Office 2010

Google ritiene Microsoft in ritardo nello sviluppo di soluzioni cloud: per il futuro, quindi, Microsoft non sarà più leader grazie al dominio Office, ma solo uno dei nomi in lizza per conquistare il mercato assieme a Google, IBM, Cisco ed altri ancora

Prima immagine di Clarksfield e Turbo Boost anche per Arrandale
intel

Prima immagine di Clarksfield e Turbo Boost anche per Arrandale

La presentazione dei primi tre processori Lynnfield da parte di Intel è avvenuta solo da pochi giorni, ma già c’è molta attesa per Clarksfield, versione mobile della microarchitettura Nehalem.I modelli in commercio dal 23 settembre dovrebbero essere tre: Core i7 720QM a 1,6 GHz, Core i7 820QM a 1,8 GHz e Core i7 920XM a

Il Keynote del WWDC riassunto in una manciata di minuti
Imaging

Il Keynote del WWDC riassunto in una manciata di minuti

Per chi si fosse perso il Keynote del WWDC 09, in cui Apple ha presentato il nuovo iPhone G S, il nuovo iPhone OS 3.0, il nuovo S.O. Snow Leopard e i nuovi MacBook, può tranquillizzarsi, nel video di seguito in pochi minuti sono riassunti tutti i momenti più salienti.

Recessione e strategie commerciali nel campo del software
Web e Social

Recessione e strategie commerciali nel campo del software

La crisi economica che ha interessato negli ultimi tempi il mondo, ha avuto delle forti ripercussioni in ogni settore economico, compreso il campo delle aziende produttrici di software, che sono state indotte a rivedere e a modificare le loro strategie a proposito dei prezzi dei loro prodotti.Molto indicativo a questo proposito è il resoconto fornito

Verranno rimossi i limiti a Windows 7 Starter Edition?
Microsoft

Verranno rimossi i limiti a Windows 7 Starter Edition?

Le discussioni sulle possibili limitazioni di Windows 7 Starter Edition, la versione del nuovo sistema operativo di Microsoft pensato per i netbook, concentrate prevalentemente sulla possibilità di utilizzare un massimo di tre applicazioni contemporaneamente, troveranno probabilmente una tregua grazie ad alcuni importanti cambiamenti.Ovviamente, il limite imposto a questa versione di Windows, ha fatto sorgere parecchi

Il Vaticano si affida a Linux, Unix e Sophos
Web e Social

Il Vaticano si affida a Linux, Unix e Sophos

Il Vaticano può vantare un Ufficio Internet i cui sistemi sono basati su Unix e Linux e la cui protezione della posta elettronica è affidata a sistemi Sophos. Quando la sede papale era vacante alla Santa Sede sono arrivati 5 milioni di email