EEE PC: arriva il modello da 8GB

Asus, al contrario della concorrenza, continua a macinare successi con il suo EEE PC, e dopo il boom di vendite inaspettato per il modello con 4GB, di memoria di massa, commercializzato sul territorio USA al prezzo che parte da 349$, arriva l’annuncio di un nuovo modello dotato di 8GB di memoria flash, da utilizzare come

Asus, al contrario della concorrenza, continua a macinare successi con il suo EEE PC, e dopo il boom di vendite inaspettato per il modello con 4GB, di memoria di massa, commercializzato sul territorio USA al prezzo che parte da 349$, arriva l’annuncio di un nuovo modello dotato di 8GB di memoria flash, da utilizzare come sempre al posto del tradizionale disco fisso.

Rimangono invariate le altre caratteristiche che vedono l’adozione di 512MB di memoria DDR2, un display da 7″ con risoluzione nativa di 800×480 pixel e un processore Intel Celeron ULV con clock pari a 900MHz.

Come per tutti i prodotti fashion, Asus rilancia la sfida ai concorrenti lanciando nuove colorazioni e annunciando quella Verde, Sky Blue e Rosa, tutte attese per il 2008.

Il modello da 8GB sarà in commercio a partire dalla seconda metà del mese corrente, in tempo per il saccheggio natalizio quindi, e sarà disponibile alla modica cifra di 499$. Iniziamo ad allontanarci un pochino dal concetto di PC di fascia educational ultra economico, ma evidentemente Asus vuole monetizzare il successo inaspettato del suo nuovo prodotto.

Noi europei per ora rimaniamo alla finestra a guardare cosa succede oltre oceano, chissà che prima o poi Asus si decida a sdoganare il suo nuovo giocattolino anche nel vecchio continente.

Ti potrebbe interessare
Microsoft lancia un team di sviluppo per Windows Azure
Microsoft

Microsoft lancia un team di sviluppo per Windows Azure

In attesa del rilascio a gennaio di Windows Azure, Microsoft ha inaugurato una nuova divisione completamente dedicata al settore server e cloud computing.Ricordiamo che Windows Azure è il nuovo sistema cloud realizzato da Microsoft che comprende una serie di servizi grazie ai quali sarà possibile operare direttamente sul Web. In realtà non tutto è stato

Negare l’Olocausto su Facebook
Facebook

Negare l’Olocausto su Facebook

In seguito ad alcune pressanti richieste, Facebook ha infine rimosso alcuni gruppi di sostegno alle tesi negazioniste sull’Olocausto. Il fenomeno però non si arresta e pone nuovi interrogativi sulle politiche adottate dal famoso social network

YouTube Partner Program uno status symbol?
Intrattenimento Web e Social

YouTube Partner Program uno status symbol?

Avrete notato che ormai da poco più di un mese cercando su YouTube la pagina dei risultati presenta anche un piccola flag Show only partner videos. La prima cosa che viene da chiedersi al riguardo è: “Ma chi è che la tiene flaggata?” e la seconda è: “Ma che è questo privilegio?”.Non credo ci siano