Il fatturato di IBM risolleva gli animi di Wall Street

Nei giorni scorsi IBM ha diffuso i risultati ottenuti nel quarto trimestre. Il colosso informatico ha evidenziato un aumento del 10% del fatturato. Le vendite hanno registrato un volume di 28,9 miliardi di dollari, ben superiore ai 27,7 previsti dagli analisti Americani. L’utile al netto delle voci non ricorrenti sale a 2,80 dollari per azione,

Nei giorni scorsi IBM ha diffuso i risultati ottenuti nel quarto trimestre. Il colosso informatico ha evidenziato un aumento del 10% del fatturato. Le vendite hanno registrato un volume di 28,9 miliardi di dollari, ben superiore ai 27,7 previsti dagli analisti Americani. L’utile al netto delle voci non ricorrenti sale a 2,80 dollari per azione, anche in questo meglio delle attese.

Come leggiamo su Webnews, strategiche sono state le scelte di investimenti off shore che la società di Armonk ha intrapreso nell’ultimo anno. Il solo mercato indiano ha fruttato circa un miliardo di dollari di nuovi introiti.

In borsa la risposta non si è fatta attendere e già l’apertura di ieri era migliore rispetto alla chiusura di Venerdì. Si attende l’apertura di oggi che dovrebbe essere positiva.

Le ottime notizie di Big Blue hanno portato una ventata di ottimismo che ha trascinato l’intero comparto tecnologico internazionale. In rialzo Intel (+ 3%), Oracle (+ 1,69%) e Microsoft (+ 1,5%) mentre a Piazza Affari i risultati di IBM hanno spinto le quotazioni di StMicroelectronics che a fine giornata ha registrato un progresso di oltre 4 punti percentuali.

Grazie alla prestazione di IBM, che arriva dopo settimane critiche a causa della forte sfiducia nelle potenzialità del settore hi-tech, gli investitori possono tirare un sospiro di sollievo. Sarà interessante vedere quali reazioni susciteranno i risultati completi dell’azienda che saranno resi noti il prossimo 17 gennaio.

Ti potrebbe interessare
HerbalKing, 15 milioni di sanzione per spam
Software e App

HerbalKing, 15 milioni di sanzione per spam

Lance Atkinson, alias HerbalKing, ha avuto la propria sentenza: 5 anni di carcere e 15.15 milioni di dollari di sanzione pecuniaria. Questo è il destino del responsabile di gran parte dello spam inviato a livello internazionale tra il 2007 ed il 2008