Google nell’editoria cartacea con il New York Times

Solo rumor o realtà? La notizia che correva in rete e sui giornali qualche giorno fa è il probabile acquisto da parte di Google dell’autorevole quotidiano americano New York Times. Google, quindi, starebbe valutando la possibilità di entrare nel mondo dell’editoria cartacea considerando appunto una delle testate più prestigiose della stampa statunitense. In effetti notizie

Solo rumor o realtà? La notizia che correva in rete e sui giornali qualche giorno fa è il probabile acquisto da parte di Google dell’autorevole quotidiano americano New York Times.

Google, quindi, starebbe valutando la possibilità di entrare nel mondo dell’editoria cartacea considerando appunto una delle testate più prestigiose della stampa statunitense.

In effetti notizie analoghe già ce ne erano state, si consideri ad esempio la fusione tra AOL e Time Warner e l’operazione di Murdoch sul Wall Street Journal.

Il quotidiano americano vale poco più di due miliardi di dollari dopo aver subito consistenti perdite negli ultimi 5 anni. Tuttavia la testata è da sempre nei cuori degli americani acquisendo in tutti questi anni un ruolo anche socialmente influente.

Non credete che l’acquisizione del New York Times da parte di Google possa dare ai giganti della new economy un ruolo politico e soprattutto maggiore forza?

Ti potrebbe interessare
App Store via 3G: il limite di scaricamento aumenta a 20MB
Apple

App Store via 3G: il limite di scaricamento aumenta a 20MB

Da qualche ora sembra esserci una importante novità, Apple apare aver modificato il limite relativo alla dimensione delle applicazioni scaricabili tramite rete 3G, in particolare raddoppiando il precedente limite e portandolo così a 20 MB. La notizia farà sicuramente la felicità di molti utenti anche se è probabile che i più abbiano da ridire e

Microsoft fa l’occhiolino ad Apache
Software e App

Microsoft fa l’occhiolino ad Apache

Microsoft continua a lanciare ponti verso l’open source, anche grazie a cospicui finanziamenti. Le recenti collaborazioni su PHP e l’ingresso nella Apache Foundation indirizzano questi sforzi verso un obiettivo ben preciso: il Web