HD-DVD alla riscossa o ultimo disperato assalto?

Negli ultimi tempi si è fatto un gran parlare su chi avrebbe vinto alla fine la guerra per i formati digitali tra Blu-Ray ed HD-DVD. Sembra ormai che il consorzio Blu-Ray abbia ben saldo nelle mani lo scettro del vincitore, tuttavia Ken Graffeo, vice presidente esecutivo di Universal Studios e co-presidente dell’HD-DVD Promotional Group, ha

Negli ultimi tempi si è fatto un gran parlare su chi avrebbe vinto alla fine la guerra per i formati digitali tra Blu-Ray ed HD-DVD. Sembra ormai che il consorzio Blu-Ray abbia ben saldo nelle mani lo scettro del vincitore, tuttavia Ken Graffeo, vice presidente esecutivo di Universal Studios e co-presidente dell’HD-DVD Promotional Group, ha fatto notare in una recente dichiarazione che è possibile trovare in commercio player HD-DVD ad un prezzo compreso tra i 150$ ed i 300$ e che questo potrebbe giocare un ruolo importante nella guerra dei formati HD.

Di seguito una breve citazione:

“È successo così anche con il formato DVD: appena i prezzi sono scesi sotto i 200 dollari, e si sono avvicinati ai 100 dollari, le vendite sono salite. Se si vuole arrivare sul mercato più grande, bisogna proporsi a prezzi interessanti. Se invece interessa un nicchia di utenti, allora i prezzi potranno essere più alti”.

Che sia un tentativo disperato di risalire la china? Eppure dobbiamo dire che il ragionamento di Graffeo non è errato. Personalmente sono convinto che a portare in vantaggio Blu-Ray sia stata quasi esclusivamente la PlayStation 3, che ha permesso di avere una base di quasi 10 milioni di possibili acquirenti per i film realizzati per questo formato. È anche vero che se questo ragionamento è corretto, il crollo dei prezzi dei lettori stand-alone HD-DVD attorno ai 100? potrebbe svincolare la clientela dal binomio console di gioco, riproduttore di film in alta definizione.

Infine dobbiamo dire che HD-DVD ha attualmente perso il supporto di Warner Bros, nonché quello della catena di negozi Woolworths, che ha dichiarato che nei suoi 820 punti vendita verranno venduti solamente film in formato Blu-Ray. Se si tratta di un tentativo di riscossa, la strada per Graffeo & co. è certamente in salita.

Ti potrebbe interessare
Google+ sposa Facebook e Twitter con un’estensione Chrome
Google+

Google+ sposa Facebook e Twitter con un’estensione Chrome

Con oltre dieci milioni di utenti già iscritti, nonostante le limitazioni imposte dall’attuale sistema di accesso a inviti, Google+ rappresenta a meno di un mese dal suo lancio un concorrente a tutti gli effetti per social network storici come Facebook e Twitter.Perché allora non integrare le funzionalità di questi ultimi direttamente all’interno della piattaforma di

Gestire note e idee online con Springpad
Android

Gestire note e idee online con Springpad

Il Web è una risorsa sempre più richiesta anche in termini di spazi di memorizzazione per gestire idee e note di vario tipo in libertà e con la massima semplicità d’uso.Springpad è un servizio gratuito ideato per raccogliere liste, annotazioni, pensieri e informazioni accedendo direttamente al sito dedicato o, in alternativa, ricorrendo ad appositi client

Finalmente SkypeIn anche in Italia
skype

Finalmente SkypeIn anche in Italia

La notizia susciterà interesse agli utenti Skype in Italia: finalmente SkypeIn è attivo anche nel nostro paese.Vediamo come funziona.Ricordiamo innanzitutto che SkypeIn è un numero online che viene assegnato su richiesta dell’utente Skype.Questo numero permetterà di ricevere chiamate da un telefono fisso o un cellulare di amici o parenti i quali non sono in possesso

H3G non ci sta, vuole l’iPhone
Apple

H3G non ci sta, vuole l’iPhone

Come riportato da Emanuele su Webnews, anche H3G (Tre Italia) vuole l’iPhone.Vincenzo Novari, l’AD di Tre Italia dichiara:Ho già inviato due email a Steve Jobs. Abbiamo dato disponibilità ad accettare qualsiasi contratto. Se non ci rispondono, vuol dire che c’è un accordo che impedisce di fare nuove intese. Ma sono convinto che sia una questione

TimeMachine vive e lotta insieme a noi sul WiFi
Software e App

TimeMachine vive e lotta insieme a noi sul WiFi

Una settimana fa, raccontavo in un articolo il crescente malcontento tra gli utenti Apple in possesso di una AirPort Extreme Base all’indomani della commercializzazione di TimeCapsule. Il nuovo dispositivo consentiva, infatti, la creazione di backup via wireless tramite l’applicativo TimeMachine, cosa che non era invece possibile per i possessori del router Apple che avevano provveduto