QR code per la pagina originale

La memoria che parla WiFi

,

Le nuove tecnologie “consumer” sono spesso una fonte infinita di cavi, cavetti e adattatori che invadono buona parte dei luoghi in cui viviamo. In loro assenza non possiamo rimpinzare il nostro lettore multimediale con le playlist di mp3, sincronizzare il palmare o scaricare le fotografie scattate con le macchinette digitali. Piccoli schiavi del cavo, in attesa di una vera convergenza wireless che sembra tardare ad arrivare.

Devono essere partiti da questo presupposto gli inventori di Eye-Fi, un curioso gingillo digitale che potrebbe risparmiarci l’ennesimo cavo in giro per casa. Eye-Fi non è altro che una comunissima scheda di memoria SD, dotata però di una piccola particolarità: sa parlare in WiFi, come del resto suggerisce l’abile calembour del suo nome. Questa scheda delle meraviglie, consente di scaricare le fotografie scattate con una fotocamera digitale sul proprio PC senza utilizzare alcun cavo, o direttamente sul Web in una delle innumerevoli librerie di immagini offerte sulla Rete.

Il principio di funzionamento non sembra neanche troppo complicato. Una volta acquistata, Eye-Fi va collegata al proprio PC/MAC per settarne la configurazione, indicando i dati di accesso alla rete WiFi e, nel caso, i dettagli dell’account per accedere alla propria libreria di immagini online. Terminata la procedure, la scheda SD può essere inserita nella propria fotocamera ed utilizzata normalmente. Quando la macchina fotografica si trova in prossimità del router con cui è stata settata Eye-Fi, viene attivato il processo di upload delle immagini sul PC/MAC o sulla libreria online a seconda delle impostazioni indicate dall’utente.

Attraverso i server di Eye-Fi, le fotografie vengono quindi instradate verso le gallerie di immagini online. I siti Web per l’hosting di foto supportati sono numerosi, tra i tanti già attivi spiccano: Facebook, Flickr, Kodak Gallery, Photobucket, Picasa, TypePad, VOX, Wal-Mart, Webshots e Windows Live.

Benché attraverso alcuni siti Web la scheda wireless sia acquistabile anche dall’estero, al momento Eye-Fi assicura il supporto unicamente per gli Stati Uniti. Il costruttore consiglia, inoltre, di utilizzare preferibilmente le proprie reti WiFi domestiche. Il sistema non è ancora completamente compatibile con gli hotspot gratuiti, molto diffusi negli USA; problema che dovrebbe essere risolto molto presto con un nuovo firmware. Ogni scheda SD ha una capacità di memoria complessiva di 2 Gb e costa all’incirca 100 dollari.