QR code per la pagina originale

Il futuro dell’alta definizione dopo Blu-ray

,

Archiviata la fine di HD DVD, e la conseguente vittoria di Blu-ray, già si sta pensando al futuro e a nuove tecnologie sempre più all’avanguardia.

Nuove soluzioni si affacciano all’orizzonte. La ricerca scientifica è in fermento: finanziamenti e strategie di mercato si susseguono in continuazione per ottenere i risultati di maggior impatto.

Khosla Ventures, ad esempio, sta finanziando due aziende, Kaai e Soraa, affinché ricerchino nuove alternative per i Blue LED e i Blue Laser.

Kaai e Soraa stanno cercando di sviluppare, quindi, laser e LED che potrebbero, in teoria, sostituire gli attuali LED e servire come standard per l’archiviazione di dati su supporti ottici.

Entrambe le società sfrutteranno nitruro di gallio, che è anche la base per gli attuali blu LED e blu laser, anche se le tecnologie utilizzate delle due aziende differiscono tra di esse.

E questa è una notizia importante perché si affronta un problema da angolazioni e con strategie diverse e sinergiche.

Inoltre questa ricerca ha una caratteristica che la rende davvero importante: è seguita in prima persona da Shuji Nakamura e Stephen DenBaars, due grandi personalità della scienza e della tecnica.

Giusto per fissare le idee, basti pensare che Nakamura è colui che ha realizzato i primi blu LED che, quando combinati con un particolare fosforo, producono luce bianca.

DenBaars, invece, è docente alla University of California e ricercatore di riferimento mondiale nel settore dei LED.

Quando grandi menti e finanziamenti importanti si incontrano, i risultati sono spesso di notevole impatto economico e tecnologico.

Staremo a vedere. Intanto godiamoci il cinema in alta definizione attualmente disponibile.