QR code per la pagina originale

Anche Forbes punta sull’advertising network

Sono 400 i blog selezionati da Forbes per avviare il suo Business and Finance Blog Network. La nuova rete di siti sarà principalmente dedicata all'economia e alle informazioni per gli investimenti finanziari

,

Dopo un lungo periodo di scetticismo su numerosi aspetti del Web 2.0, Forbes sembra aver rivisto almeno in parte le proprie posizioni. Il magazine online ha infatti formato una rete di circa 400 blog professionali per offrire approfondimenti sul mondo economico e finanziario. Il Business and Finance Blog Network consentirà ai lettori del Web di ottenere informazioni di qualità sui principali settori per gli investimenti finanziari.

Gli oltre 400 blog compresi nella rete sono stati selezionati dagli analisti di Forbes dopo un meticoloso monitoraggio, teso a identificare contenuti affidabili e di qualità. Non è dunque un caso se la maggior parte dei blog selezionati siano gestiti da investitori e professionisti dei diversi ambiti finanziari. Il network sarà affiancato da un sistema di advertising online dedicato, che dovrebbe consentire a Forbes di aumentare di qualche punto percentuale i propri guadagni grazie agli inserzionisti.

Forbes non esclude di espandere il suo Business and Finance Blog Network nel corso dei prossimi mesi. Salvo radicali cambiamenti nelle politiche della rivista online, il sistema per confluire nella rete dei blog finanziari dovrebbe continuare a basarsi sugli inviti diretti. Così facendo, gli editori di Forbes intendono mantenere alta la qualità dei contenuti, puntando esclusivamente su un pubblico di lettori altamente specializzato. La nuova rete di blog sembra confluire nel crescente filone degli advertising network avviati negli ultimi due anni. Una strada analoga è già stata percorsa nel 2006 dal sito del quotidiano statunitense The Washington Post, la cui rete annovera ormai circa 150 blog dedicati all’economia, alle tecnologie e all’ambiente. In imprese simili si sono anche cimentate alcune importanti media company come CBS, MSNBC e il grande trust Viacom.