iPhone in Messico e America Latina per Giugno

Secondo El Universal (periodico di Città del Messico) i Messicani e l’America Latina potrebbero acquistare l’iPhone da Giugno. Dopo le prime uscite gestite, direttamente, da Jobs i nuovi paesi in cui uscirà l’iPhone non avranno egual impatto mediatico.In Irlanda e Austria l’iPhone è arrivato senza grandi preavvisi; probabilmente in futuro alcuni paesi assisteranno al classico

Secondo El Universal (periodico di Città del Messico) i Messicani e l’America Latina potrebbero acquistare l’iPhone da Giugno. Dopo le prime uscite gestite, direttamente, da Jobs i nuovi paesi in cui uscirà l’iPhone non avranno egual impatto mediatico.

In Irlanda e Austria l’iPhone è arrivato senza grandi preavvisi; probabilmente in futuro alcuni paesi assisteranno al classico “Apple Store down” per l’uscita dello smartphone. Ma in questo mare immenso di voci l’Italia è un caso piuttosto unico.

Abbiamo assistito, e noi stessi vi abbiamo comunicato, possibili date per l’uscita ma, ad oggi, non abbiamo nessuna certezza. Questa attesa ha logorato alcuni, mentre altri hanno riposto le loro energie nell’hacking. Ormai l’uscita con TIM è dubbia. La stessa Apple ha anticipato che forse l’iPhone verrà anche venduto non protetto.

Le opzioni per l’Italia sono diverse ma vi è il sospetto che usufruiremo dell’iPhone UMTS. Ma in tal caso l’attesa potrebbe giungere verso fine anno o inizio 2009. Oppure Giugno. Anche la versione UMTS è avvolta da innumerevoli e dubbie voci.

Nonostante le dichiarazioni messicane non siano giudicate attendibili è probabile che Giugno si riveli un mese pieno di sorprese. L’uscita del nuovo firmware potrebbe essere l’occasione per nuovi paesi. Secondo voi? E perché l’uscita italiana è così complicata?

Ti potrebbe interessare
Tante aziende restano a XP e non installano 7
Microsoft

Tante aziende restano a XP e non installano 7

Il successo di Windows 7 sta raggiungendo livelli poco credibili fino a qualche tempo fa; successo confermato dalle licenze vendute: 60 milioni in pochi mesi dall’uscita del nuovo sistema operativo.Eppure, alcune aziende, preferiscono ancora il vecchio fidato Windows XP. Garry Watson, manager di una di queste ditte, spiega nell’articolo intitolato “Why Windows XP in 2010?”