Pegasus P210: un nuovo subnotebook di casa Rock

Pegasus P210 è il nuovo subnotebook di casa Rock caratterizzato da un’ottima compattezza e trasportabilità grazie al suo peso ridotto.Infatti con un peso di circa un chilogrammo è possibile disporre di una unità interessante dal punto di vista tecnico e logistico. Entriamo nei dettagli tecnici. Partiamo dal display: si tratta di un dodici pollici in

Pegasus P210 è il nuovo subnotebook di casa Rock caratterizzato da un’ottima compattezza e trasportabilità grazie al suo peso ridotto.

Infatti con un peso di circa un chilogrammo è possibile disporre di una unità interessante dal punto di vista tecnico e logistico. Entriamo nei dettagli tecnici. Partiamo dal display: si tratta di un dodici pollici in grado di raggiungere una risoluzione massima pari a 1280×800 pixel. Il display è pilotato dal chipset grafico integrato Intel GMA950.

Il motore hardware è affidato ad un processore Intel A110 con frequenza di 800MHz. Per quanto riguarda lo storage, è presente un hard disk Parallel ATA (PATA) da 80GB e 4200rpm. La memoria installata è pari ad 1GB DDR da 667GHz.

Il reparto relativo alla connettività è piuttosto fornito disponendo di un controller Gigabit Ethernet, di un modulo Bluetooth e 802.11a/g/n Wi-Fi. Eventualmente il modulo HSDPA 3G è opzionale.

Si sottolinea la mancanza di una unità ottica integrata, comunque acquistabile separatamente in versione esterna.

Per quanto riguarda la connessione e l’interfacciamento con altri dispositivi, sono presenti tre porte USB, un card reader 4 in 1 e uno slot PC-Card.

È possibile acquistare il Pegasus P210 di Rock a circa 1500 dollari.

Ti potrebbe interessare
Intel vola, ma Atom rallenta
Business

Intel vola, ma Atom rallenta

Intel festeggia la cifra record di 11 miliardi di fatturato. Il dato cela le difficoltà Atom, in calo tendenziale e con di fronte il rischio di un mercato ormai maturo

Telecom operatore virtuale di se stesso
Prezzi e tariffe

Telecom operatore virtuale di se stesso

Tutti noi sappiamo che a breve partiranno le prime offerte rivolte soprattutto ai servizi di telefonia mobile dei così detti “operatori virtuali“. Questi soggetti non sono altro che aziende che affittano le reti di altri gestori per fornire servizi di telefonia. Sappiamo che ce ne sono già molti in attesa di partire come le Coop